Allenatore subentrato: Verona macchina da gol con Tudor

0
Allenatore subentrato: Verona macchina da gol con Tudor

Torna la nostra rubrica sugli allenatori subentrati, prendendo in esame solo chi ha almeno 5 partite alle spalle. Oggi sarà la volta di Igor Tudor, subentrato a Di Francesco come allenatore dell’Hellas Verona. Quattro vittorie, tre pareggi ed una sola sconfitta. Un totale di 15 punti da quando Igor Tudor ha preso il comando dell’Hellas Verona. Un cambio di marcia netto rispetto a Di Francesco, che ha raccolto tre sconfitte nelle sue uniche partite sulla panchina dei giallo-blu. Mentalità più offensiva, nonostante la fama da difensivista, e gioco aperto contro chiunque. Così ha già sconfitto Roma, Lazio e Juventus, sfiorando anche l’impresa contro il Milan. Alla fine dell’11 giornata, qualsiasi cosa succeda, l’Hellas si troverà nella parte sinistra della classifica. Tudor ed i suoi ragazzi però, non sembrano volersi accontentare. La prossima domenica arriverà il Napoli di Spalletti e ci sarà un’ulteriore banco di prova per le ambizioni degli scaligeri.

tudor-hellas Allenatore subentrato: Verona macchina da gol con Tudor
La pesentazione di Igor Tudor come allenatore dell’Hellas Verona. Da allora sono arrivati 15 punti, 20 reti e tante vittime importanti.

Un cambio di gioco totale rispetto alle prime giornate. Con Tudor il Verona si è visto più volenteroso di comandare la partita. Meno attendista in confronto all’era Di Francesco. Piuttosto che aspettare l’avversario nella propria metà campo, per cercare di ripartire sugli esterni, Tudor vuole comandare il gioco. Proprio per questo ha rimesso un palleggiatore dai piedi fatati come Veloso a comandare le proprie azioni. Con Ilic che lo supporta nel creare occasioni e linee di passaggio.

Simeone, Barak e Kalinic: il Verona ritrova i gol grazie a Tudor

Chi ha maggiormente beneficiato del cambio in panchina è sicuramente il pacchetto offensivo dell’Hellas. Le bocche da fuoco del Verona sembrano rinate sotto la gestione Tudor. Antonin Barak sta tornando ai livelli dello scorso campionato, quando con 7 gol e 3 assist ha contribuito alla fantastica stagione dell’Hellas di Juric. Persino Kalinic sembra tornato un buon sostituto da far subentrare a gara in corso: già 3 reti per lui in appena 305 minuti giocati. Nonostante questa media, Kalinic rimarrà un sostituto. Infatti è impensabile riuscire a togliere il posto da titolare a Giovanni Simeone. Il Cholito sta attraversando un momento di forma fantastico, nel quale trasforma in gol ad ogni palla toccata.

simeone-lazio Allenatore subentrato: Verona macchina da gol con Tudor
“Vorrei segnare a tutti gli allenatori, anche a mio padre” le parole del Cholito dopo il poker contro la Lazio. 3 big abbattute dall’Hellas Verona di Tudor: Roma, Lazio e Juventus.

Al momento lo score di Giovanni Simeone è di 8 reti in 10 presenze, tutti segnati sotto la gestione Tudor. Un attaccante che sembra decisamente un altro giocatore. Messo finalmente al centro di una manovra offensiva che lo porta a sfruttare al meglio le sue doti, Simeone ha cambiato drasticamente il suo rendimento grazie all’allenatore croato. Rendimento riconosciuto anche da papà Diego: “Ho ricevuto i complimenti di mio padre, mi ha detto che ho giocato la miglior partita della mia carriera“. Sono state le parole del Cholito dopo le quattro reti rifilate alla Lazio. Con un attacco così opprimente, anche in fase di pressing, per gli avversari, e le big fatte cadere lungo il cammino, l’obiettivo non può più essere una tranquilla salvezza. I giusti interventi sul mercato di gennaio possono consegnare a Tudor e al Verona i mezzi per puntare più in alto, a sentire la musica in Europa.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui