Musa Barrow, il gabbiano bolognese da ammirare

0

Musa Barrow, soprannominato “il gabbiano” per assonanza con il paese d’origine (Gambia), si sta prendendo il Bologna a suon di prestazioni. L’ultima doppietta al Cagliari sa di svolta per la seconda stagione bolognese che era iniziata col freno a mano tirato. Eppure il gabbiano ha imparato a volare anche, ma soprattutto, dopo aver lasciato l’Atalanta. 

“Egli imparò a volare, e non si rammaricava per il prezzo che aveva dovuto pagare. Scoprì che erano la noia e la paura e la rabbia a render così breve la vita d’un gabbiano.”

Il Gabbiano Jonathan Livingston, Richard Bach

Musa Barrow come Jonathan Livingston fa parlare le sue azioni, fa parlare il campo. Non si tratta di una storia difficile come quella del compagno Juwara, ma talento e possibilità, lo sappiamo, a volte non bastano. 

Musa Barrow, il gabbiano bolognese da ammirare

Barrow, un talento per la squadra bolognese

La breve carriera dell’appena ventunenne Barrow, è già costellata da determinazione e sacrificio, lo stesso mostrato su quella fascia sinistra agli ordini di Mihailovic. L’esordio tra i professionisti arriva in ben altra posizione, come centravanti di un’Atalanta che stava sfornando talenti. Kessiè, Conti, Gagliardini, Caldara e poi Barrow sono stati i prodotti del vivaio bergamasco che ha portato ottimi risultati e altrettanto ottime plusvalenze. 

Del giocatore gambiano si diceva un gran bene ai tempi della primavera, 23 reti in 18 partite, e un precoce lancio in prima squadra. A sorpresa poi Barrow ha visto meno il campo in ottica di valorizzazione. I talenti di Zapata, Gomez, Ilicic e Muriel hanno portato record di reti sì ma Barrow sembra essere stato dimenticato e ceduto troppo in fretta.

L’affare poi lo farà il Bologna assicurandosi le prestazioni del giovane gambiano. Da subito inserito e posto sulla fascia sinistra ha dimostrato di sapersi riprendere velocemente dalle delusioni giovanili, segno di un carattere determinato. Nella stagione 2019/2020 tocca quota 9 reti compensando laddove Palacio non può sempre arrivare per una  mera questione anagrafica. 

Ora si aspetta la definitiva consacrazione, una volta spiccato il volo come il gabbiano Jonathan, non resta che eccellere e far ricredere chi non ha creduto nelle potenzialità di chi, specie in questi tempi, è dedito al lavoro. Dunque impegno, corsa e silenzio mediatico a vantaggio del rumore del pubblico (nelle case bolognesi) che assiste a gol e dribbling di un talento autentico.

Che la doppietta al Cagliari non sia l’ultima del bolognese acquisito, della stella Barrow pronta a brillare.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui