Atalanta: l’imprescindibile Teun Koopmeiners, nuovo Re di coppe

0

Teun Koopmeiners, il giovane e talentuoso centrocampista olandese nato nel 1998, è emerso come una delle stelle brillanti nel panorama calcistico europeo: nato calcisticamente nelle giovanili dell’AZ Alkmaar, il ragazzo ha intrapreso un percorso di crescita all’interno del club biancorosso prima di trasferirsi all’Atalanta, nell’estate del 2021, per una cifra di 14 milioni di euro. In questo focus esploreremo la sua carriera, la sua gavetta con l’AZ e il suo ruolo cruciale nella Dea. Analizzando anche l’importanza per club di media grandezza di avere un solido progetto sulla scoperta e la crescita dei giovani talenti.

Koopmeiners si prende l’Olanda: radici calcistiche

L’attuale numero 7 dell’Atalanta Teun Koopmeiners ha iniziato il suo viaggio calcistico nelle giovanili dell’AZ Alkmaar nel 2013. Attraverso un percorso di crescita meticoloso, il talentuoso centrocampista ha gradualmente scalato le categorie giovanili fino a raggiungere la prima squadra nel 2017. Da quel momento, la sua carriera è decollata, diventando una figura chiave nel centrocampo della formazione olandese. Durante il suo periodo con il club biancorosso, il classe 1998 ha accumulato 154 presenze, mettendo a segno 43 gol e fornendo 17 assist.

Atalanta: l'imprescindibile Teun Koopmeiners, nuovo Re di coppe
Koopmeiners, AZ Alkmaar

Tuttavia, è stata la stagione 2020/21 a segnare il punto culminante della sua esperienza con l’AZ. In quell’annata, Koopmeiners ha brillato con 15 gol e 5 assist in 31 apparizioni in Eredivisie. Dimostrando di essere non solo un abile mediano difensivo ma anche un prolifico finalizzatore. L’Atalanta, rinomata per la sua abilità nel scovare talenti emergenti in tutto il mondo, ha colto l’opportunità di acquistare Teun Koopmeiners nel calciomercato estivo del 2021. La società bergamasca ha investito 14 milioni di euro nel centrocampista olandese. Scommettendo sul suo potenziale e sulla sua capacità di integrarsi nella filosofia di gioco della Dea.

Grande passo verso l’Atalanta: seconda vita per Teun Koopmeiners

All’inizio della sua terza stagione ufficiale con i nerazzurri, l’olandese ha già superato la soglia delle 100 presenze con il club. Totalizzando al momento 20 gol e 12 assist complessivi. Nonostante, di fatto, l’intensa concorrenza e gli acquisti di giovani talenti nel suo ruolo da mezz’ala, trequartista e persino seconda punta, Koopmeiners è rimasto una presenza costante all’interno del campo da gioco. Dimostrandosi un elemento imprescindibile per l’allenatore Gian Piero Gasperini. La forza del classe 1998 risiede nella sua capacità eccezionale di controllare e smistare il possesso della palla con una tecnica e qualità invidiabili. Il suo stile di gioco elegante, unito a una visione tattica avanzata, lo rende un regista ideale nel cuore del centrocampo.

La sua abilità nel recuperare palloni e nel contribuire in fase offensiva gli conferisce un profilo di giocatore completo. Adattabile alle esigenze tattiche della squadra bergamasca. Corretto specificare ed evidenziare, poi, che Teun Koopmeiners ha avuto un ruolo determinante nella corsa dell’Atalanta alle semifinali di Coppa Italia nella attuale stagione calcistica. Grazie ad una magnifica doppietta contro il Milan nei quarti di finale, la squadra di Gasperini ha sconfitto i rossoneri 1-2 a San Siro. Questa specifica abilità (o dono) del numero 7 di segnare gol cruciali in partite importanti ha confermato la sua importanza nell’approccio tattico della squadra.

Un olandese trascina i sogni di Coppa Italia: l’orizzonte dell’Atalanta

La recente qualificazione della Dea nelle semifinali di Coppa Italia, che vedrà affrontare in doppia sfida la Fiorentina, ha messo in luce la magia del centrocampista di spinta offensiva. La sua straordinaria doppietta contro gli uomini del tecnico Stefano Pioli alla “Scala del calcio” non solo ha confermato la sua attitudine di segnare reti pesanti, ma ha anche catapultato la squadra di Gasperini ben oltre le speranze e gli obiettivi di inizio stagione. Con la possibilità, adesso, di giocarsi la coppa nazionale, l’Atalanta si trova ora di fronte ad una doppia sfida impegnativa contro la Viola nelle semifinali.

Atalanta: l'imprescindibile Teun Koopmeiners, nuovo Re di coppe

In questo contesto, il contributo di giocatori in forma come Teun Koopmeiners può fare la differenza. La sua capacità di controllare il centrocampo, smistare il possesso e segnare gol potrebbe essere la chiave per superare l’avversario e avanzare verso la finale. Se i bergamaschi dovessero emergere vittoriosi dalla competizione, il ruolo dell’olandese classe 1998 nel raggiungere questo obiettivo sarebbe senza dubbio imprescindibile. La sua leadership, la sua abilità nel fornire soluzioni sia in fase difensiva che offensiva e la sua mentalità vincente potrebbero essere la spinta decisiva per un successo collettivo.

Masterclass Atalanta: Teun Koopmeiners ennesimo capolavoro societario

Il caso di Koopmeiners evidenzia l’importanza per i club di media grandezza di investire nella scoperta e nella crescita di giovani talenti. La capacità dell’Atalanta di identificare e sviluppare giocatori emergenti ha reso possibile l’inserimento del medesimo nel tessuto della squadra. Creando un legame duraturo con la squadra e contribuendo ai trionfi di campo. La ricerca di giovani promesse e la loro “coltivazione” interna non solo alimenta le prestazioni sportive, ma contribuiscono alla sostenibilità economica. L’investimento in talenti può rivelarsi proficuo nel lungo termine. Poiché questi giocatori, oltre a portare valore sul campo, possono diventare risorse preziose sul mercato.

Teun Koopmeiners, con il suo percorso ampiamente in ascesa dall’AZ Alkmaar all’Atalanta, si è affermato come uno dei centrocampisti più talentuosi e completi della Serie A. Il suo impatto immediato nella nuova realtà italiana è una testimonianza della sua abilità calcistica e della sua adattabilità. La società di Bergamo, con la sua filosofia di scoperta dei talenti, ha saputo sfruttare al meglio le potenzialità di questo giovane centrocampista olandese. Dimostrando che una gestione oculata dei ragazzi può portare a risultati di grande successo. Sia sportivo che finanziario.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui