Barcellona, il prossimo allenatore può essere Luis Enrique!

0

In attesa di concludere la stagione al meglio possibile con Xavi in panchina, spunta un nome a sorpresa come futuro allenatore del Barcellona, ossia quello di Luis Enrique. Il tecnico del PSG sarebbe il prescelto di Deco per guidare i blaugrana verso un nuovo ciclo.

Questa la notizia riportata oggi da vari media spagnoli, che danno dunque il tecnico spagnolo in pole. La notizia di per se ha valore, ma al tempo stesso sorgono due interrogativi: ha senso il ritorno a Barcellona dell’ex tecnico del triplete? E soprattutto la dirigenza del PSG lo lascerebbe andare?

Barcellona, il prossimo allenatore può essere Luis Enrique!

Proviamo nei paragrafi qui sotto a rispondere ad entrambi questi punti. Il tutto partendo da un aspetto fondamentale, ossia ciò che desidera il tecnico. C’è la consapevolezza del fatto che l’ex CT della Spagna potrebbe tornare ben volentieri a casa sua. La volontà di Luis Enrique può, in qualche modo dunque avere un peso rilevante, ma da sola non basta. 

Luis Enrique-Barcellona: conviene davvero l’atto secondo?

L’asturiano che ha dato tanti trofei al Barcellona, con una squadra che ha incantato e forse è stata la più vicina replica al calcio di Guardiola negli ultimi anni, cosa può dare ancora al “suo” Barcellona? A livello di palmares, sarebbe difficile per l’ex commissario tecnico della Spagna, andare a replicare quanto fatto nel triennio 2014-2017

Sia per il livello delle avversarie, su tutte un Real Madrid di nuovo Galacticos come in passato e con un ricambio di senatori già completato, o quasi. Ma soprattutto perché il tecnico nativo di Gijon, dopo quella meravigliosa cavalcata in blaugrana, non si è più ripetuto a certi livelli. 

Barcellona, il prossimo allenatore può essere Luis Enrique!

L’esperienza alla guida della nazionale spagnola, seppur innovativa sotto vari punti di vista e con alcuni acuti a livello di risultati, non è andata poi così bene. L’esperienza al PSG ora invece, sta si portando alla vittoria dello scudetto, ma a livello di gioco ci sono varie crepe

L’amore con l’ambiente parigino non sembra essere sbocciato totalmente. Questo anche per colpa dei problemi relativi alla contestazione contro Mbappè nelle ultime settimane. Dunque, un ritorno a casa potrebbe avvenire davvero, ma come detto appunto le incognite per i possibili risultati sono elevate.

In tutto questo decide però la proprietà del PSG

Detto della possibile scelta della dirigenza del Barcellona, della possibile volontà del tecnico e del fatto che il livello dei parigini in questa stagione non è poi così elevato, a decidere sarà comunque la proprietà del club francese

Il contratto in vigore tra la proprietà e l’allenatore ha infatti scadenza 2025, e dunque non è impossibile che Al-Khelaifi faccia resistenza. Anzi, spesso è veramente complicato trattare col PSG, dunque la trattativa potrebbe anche arenarsi sul nascere

Barcellona, il prossimo allenatore può essere Luis Enrique!

Non è detto infatti che il club francese abbia intenzione di cambiare guida. Anche perchè, non sarebbe semplicissimo per i parigini dover mutare ancora una volta i propri piani e ricominciare un altro progetto tecnico. 

Le perdite nell’ultimo anno di Neymar e Messi, oltre a quella di Mbappè dal prossimo Luglio, hanno inferto un colpo alla credibilità del progetto. Cambiare allenatore di nuovo, sarebbe forse troppo per una proprietà comunque molto ambiziosa

L’atto secondo tra Luis Enrique e il Barcellona dunque si può fare, ma non è così scontato. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui