Barcellona-Napoli (3-1), Gattuso: “Questa sconfitta mi brucia”

0

Sembra essere una maledizione quella dei quarti di finale per il Napoli. Nella storia del club, la squadra di Gattuso non è mai riuscita ad accedervi: negli ultimi anni i partenopei sono quasi sempre riusciti ad arrivare con facilità agli ottavi, ma non sono mai andati oltre. Ieri sera la storia si è ripetuta: il Napoli di Gattuso si è giocata la qualificazione contro il Barcellona. Nonostante il risultato dell’andata non fosse così negativo per i partenopei, i blaugrana si sono imposti da subito, segnando tre reti nel giro di trenta minuti, e nonostante gli azzurri abbiano tentato fino alla fine di ribalatre il risultato, alla fine ne sono comunque usciti sconfitti. Dopo Barcellona-Napoli, terminata 3-1, Gattuso esprime tutta la sua delusione ai microfoni di Sky Sport: “Abbiamo regalato la partita ad un avversario in difficoltà. Questa sconfitta mi brucia, a mio avviso c’erano tutte le condizioni di farcela. Il primo gol è da rivedere, però è facile parlare degli arbitri. Stasera ho visto una squadra che ha fatto la prestazione che doveva, a parte quella mezz’ora di vuoto. Nei primi dieci minuti potevamo segnare due gol“. 

Barcellona-Napoli (3-1), Gattuso: “Abbiamo avuto il doppio della loro occasioni”

Il tecnico partenopeo ha ribadito più volte che il suo Napoli, nonostante la sconfitta, è rimasto in partita provandoci fino alla fine e creando anche più occasione degli avversari: “Abbiamo avuto il doppio delle loro occasioni e sono sette-otto anni che il Barcellona non va sotto nel possesso palla e nei tiri in porta, per questo motivo sono nervoso. La cosa che più mi fa rabbia è subire reti da calcio piazzato dal Barcellona. Io alleno giocatori forti, ma per diventare importanti serve sicuramente una mentalità diversa“.

Insigne: “Ci dispiace ma sapevamo che era difficile”

Ai microfoni di Sky Sport interviene anche Lorenzo Insigne, autore dell’unico gol del Napoli: “Dispiace per l’eliminazione, ci abbiamo provando sapendo che era una partita difficile. Potevamo fare qualcosa in più nel primo tempo, ma abbiamo disputato una buona gara. Ci abbiamo provato senza riuscirci. Penso che looro abbiano tanti giocatori di fantasia, mentre noi cerchiamo di giocare da squadra e stasera non ci siamo riusciti al 100%. Col mister possiamo ancora crescere e migliorare, è stato un anno difficile”.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui