Barcellona, vertice tra Koeman e Messi

0

Dopo la cocente eliminazione dalla Champions League per mano del Bayern Monaco, con un umiliante 8-2, a Barcellona è iniziata una vera è propria rivoluzione. La prima testa a saltare è stata quella dell’allenatore Quique Setién esonerato e sostituito dall’ex Ronald Koeman. Subito dopo è toccato anche ad Eric Abidal che ha salutato il club catalano risolvendo consensualmente il suo contratto. Adesso è il turno dei calciatori. Molti sono scontenti e delusi di come sia andata questa stagione, in primis il fuoriclasse argentino Leo Messi. Non a caso le prime parole di Koeman come allenatore del Barcellona hanno riguardato Messi. “Se Leo resta? Sono fiducioso che resti a lungo, ha un contratto, ma dovrò parlare con lui”.

Nella giornata di oggi l’attaccante argentino ha interrotto le sue vacanze per confrontarsi col nuovo tecnico e secondo la radio catalana RAC 1 l’esito dell’incontro non è stato quello che ci si aspettava.

Barcellona, Messi più fuori che dentro 

Secondo l’emittente radiofonica, Messi avrebbe detto che “il suo futuro al Barca non gli è chiaro”. L’attaccante avrebbe spiegato al tecnico che, in questo momento, si vede più fuori che dentro il club e che è consapevole delle difficoltà che può avere per andarsene a causa delle sue condizioni contrattuali”. RAC 1 ha aggiunto, dopo aver consultato la società guidata da Josep Maria Bartomeu, che il Barcellona sostiene che “il calciatore ha un contratto in corso e che non vuole fare alcun commento sull’incontro tra Messi e l’allenatore”.

Se queste indiscrezioni fossero reali si aprirebbe così un clamoroso ma complicato scenario di mercato. Leo Messi ha ancora un anno di contratto con il Barcellona, una clausola da 700 milioni ed un ingaggio da 110 milioni lordi a stagione. Nonostante le pretendeti non manchino (Manchester City, PSG e Inter), il calciatore dovrà puntare i piedi per chiudere la sua esperienza ventennale in maglia blaugrana. 

Questo malumore potrebbe giocare a favore dell’Inter che resta alla finestra per capire quali margini di trattativa ci siano realmente per portare Messi a Milano che, intanto, è stata già scelta dalla sua famiglia per acquistare due case…

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui