Brutta sconfitta per l’Italia femminile, troppa Danimarca

0
Brutta sconfitta per l’Italia femminile, troppa Danimarca

Dopo l’estasi del Mondiale, il match contro la Danimarca è stato il primo vero banco di prova fallito dall’Italia femminile. Secco l’1-3 impartito dalle danesi che con la doppietta di Nadim e la rete di Sorensen rende inutile la marcatura di Valentina Giacinti. Una sconfitta che fa più male più per come è arrivata che per la disfatta in sé. Le italiane avevano tutte le carte in tavola per fronteggiare la minaccia scandinava, ma i numerosi errori hanno precluso il percorso azzurro della sfida. Le assenze di due pilastri difensivi come Sara Gama ed Alia Guagni insieme ad un concepibile calo psicofisico hanno pesato, ma sicuramente si poteva fare qualcosa in più.

Italia femminile, primo tempo disastroso

La sfida si mette subito in discesa per le danesi che sfruttano un’incomprensione tra Giuliani e Girelli e direttamente da calcio d’angolo Sorensen la mette dentro. L’Italia finisce in balia del gioco danese e le avversarie non stanno a guardare: la punta di diamante Harder fa ciò che vuole in avanti. Proprio la giocatrice del Chelsea fornirà l’assist a Nadia Nadim per il doppio vantaggio. Dopo il secondo goal, le italiane sembrano aver trovato la quadra del gioco e sfiorano il goal con Bonansea e Giacinti.

Nella ripresa ci si aspettava una reazione consistente delle italiane che però non arriva. Ancora una volta da calcio d’angolo, la Danimarca cala il tris grazie a Nadim, doppietta per l’attaccante del PSG, che approfitta di una brutta uscita di Giuliani. Prova a riaprire la partita Valentina Giacinti che capitalizza l’ottimo filtrante di Bonansea. Nonostante i cambi, la nazionale di Milena Bertolini non riuscirà ad acciuffare il pallino della partita.

775581631_gm_2725_bf26bb15761a39865627e35b85132224 Brutta sconfitta per l’Italia femminile, troppa Danimarca

Bene Giacinti, da rivedere Girelli e Giuliani

Grande partita di Valentina Giacinti che, al ritorno da titolare in azzurro, si conferma un’interprete fondamentale. Buona prova di contenimento anche da parte di Martina Rosucci. Da rivedere la performance di Cristiana Girelli, vista di rado in avanti, e di Laura Giuliani, molti errori evitabili. Il primo posto nel girone B è compromesso, ma partite di questo livello ti permettono di porre i fondamentali contro la squadri migliori d’Europa. Il 1 dicembre ci sarà il ritorno contro le danesi e ci si aspetta una partita di tutt’altro livello.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui