Bundesliga, spareggio: il Werder Brema evita la retrocessione

0

Il Werder Brema è salvo. Nella partita di ritorno dello spareggio tra Heidenheim e Werder Brema, sono proprio gli ospiti a spuntarla grazie ai gol segnati in trasferta e a rimanere così in Bundesliga; niente da fare per la squadra di casa, che manca così la promozione. Il 2-2 finale non basta, in virtù dello 0-0 dell’andata giocata a Brema. Il Werder Brema evita la retrocessione in Zweite Liga, dove avrebbe ritrovato tante altre società dal passato nobile e dal presente più che complicato.

Heidenheim-Werder Brema 2-2

Alla Voith-Arena di Heidenheim va in scena il ritorno dello spareggio tra i padroni di casa dell’Heidenheim e il Werder Brema per decretare l’ultima squadra che parteciperà alla stagione 2020/2021 di Bundesliga. Dopo lo 0-0 della partita di andata, il Werder Brema ha praticamente due risultati su tre per evitare la clamorosa retrocessione in Zweite Liga; l’Heidenheim è chiamato all’impresa. Il match si mette subito bene per il Werder, che passa in vantaggio al 3′ grazie all’incredibile autogol del difensore Theuerkauf. Gli ospiti non riescono ad aumentare il vantaggio anche grazie alle parate del portiere Muller, il quale nega il raddoppio prima a Rachica e poi all’olandese Klaassen. Nel secondo tempo il Werder Brema cala e i padroni di casa tornano a sperare: al minuto 85′ Mohr centra la traversa e Kleindienst si trova il pallone addosso, 1-1 e partita che torna in bilico. L’assedio dell’Heidenheim non basta però, e al 94′ il Werder Brema torna in vantaggio con Augustinsson, che insacca facilmente sull’assist di Bartels. Inutile il rigore trasformato ancora da Kleindienst a tempo scaduto: fischio finale e 2-2 che premia il Werder Brema per i gol in trasferta. La squadra di Kohfeldt evita la retrocessione.

Bundesliga, spareggio: il Werder Brema evita la retrocessione

Bundesliga, retrocessioni e promozioni

Con il Werder Brema che evita la retrocessione, rimanendo così nella massima serie delle competizioni calcistiche in Germania, sono solo due le squadre ad essere retrocesse in Zweite Liga: il Paderborn ultimo classificato e il Fortuna Dusseldorf penultimo, che ha letteralmente buttato via la possibilità di giocarsi lo spareggio perdendo nell’ultima giornata per 3-0 contro un Union Berlin che non giocava più per nessun traguardo. Vengono promosse in Bundesliga l’Arminia Bielefeld, vincitrice della Zweite Liga, e lo Stoccarda. Condannato invece ad un altro anno di purgatorio l’Amburgo, sconfitto nella penultima gara di campionato dall’Heidenheim e crollato clamorosamente 1-5 negli ultimi 90 minuti di stagione contro il Sandhausen; una vittoria avrebbe permesso alla storica formazione del calcio tedesco di potersi giocare lo spareggio.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui