Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l’ultima impresa

0

Prima la gioia della salvezza conquistata alla guida del suo Cagliari dopo una stagione travagliata, poi 24 ore di festeggiamenti ed infine la decisione finale, Claudio Ranieri annuncia a sorpresa il ritiro dopo l’ultima impresa da allenatore. 

Il tecnico romano, nato a Testaccio nell’Ottobre del 1951, dunque decide di lasciare in maniera definitiva (almeno per il momento così sembra) il calcio. Autore di imprese e miracoli sportivi, la sua immensa carriera non poteva che avere un meraviglioso epilogo. 

Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l'ultima impresa

Un signore della panchina, così viene visto dai tifosi delle squadre che ha allenato e più in generale dagli appassionati del calcio. E questo la dice lunga, sullo spessore umano di un allenatore estremamente preparato anche tatticamente. 

Ha allenato specialmente nella nostra penisola ed in Inghilterra, ma bei ricordi li ha lasciati anche in Spagna dove si è tolto belle soddisfazioni. Vediamo più nel dettaglio le tappe salienti della carriera. 

Claudio Ranieri e le tappe fino al ritiro: gli esordi da allenatore, i primi successi e le esperienze all’estero

Dopo una carriera da giocatore dove ricopre il ruolo di difensore vestendo le maglie della “sua” Roma, del Catanzaro e delle due siciliane Palermo e Catania, nel 1986 dopo il ritiro inizia ad allenare. 

La partenza è fatta di tanta gavetta, infatti inizia con club come la Vigor Lamezia e la Campania Puteolana, prima di arrivare per la prima volta al Cagliari. Qui la sua carriera prende il via ad alti livelli, dopo aver ottenuto due promozioni di fila coi sardi passando dalla C1 alla Serie A. Arriva così la grande occasione nel Napoli, dove fa discretamente bene. 

I risultati in Campania gli valgono la chiamata dell’ambiziosa Fiorentina con cui dal 1993 al 1997 arriva prima la Promozione in Serie A ed in seguito i primi trofei da allenatore. Qui a Firenze vince infatti la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana. 

Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l'ultima impresa

Arrivano dunque le prime esperienze all’estero nella penisola iberica, dove allena il Valencia con cui vince una Coppa del Re e l’Atletico Madrid. I risultati sono buoni e gli valgono la chiamata del Chelsea, dove si trova anche a contatto con l’ambizioso nuovo presidente Abramovich. 

A Londra rimane complessivamente dal 2000 al 2004, non vincendo nulla, ma portando il Chelsea tra le grandi del calcio inglese. Arrivano col testaccino alla guida, infatti, una finale di FA CUP, un secondo posto in campionato e la semifinale in Champions League. 

Torna poi una stagione al Valencia dove riesce a sollevare una Supercoppa Spagnola e fa infine ritorno in Italia. 

Claudio Ranieri e le tappe fino al ritiro: l’impresa salvezza col Parma e lo scudetto sfiorato con la sua Roma

Ranieri va ad allenare il Parma che a metà stagione sembra spacciata verso una sicura retrocessione, ma qui, l’allenatore, grazie anche all’arrivo di Giuseppe Rossi dal Manchester United a Gennaio, inanella una serie di ottimi risultati che portano alla salvezza il club ducale. 

L’impresa è epica e vale a Ranieri pagine di giornali, oltre alla chiamata alla guida della Juventus dove disputa due stagioni discrete, prima di venire esonerato. Questa situazione lo porta sulla panchina della sua amata Roma alla terza giornata del Campionato 2009/2010. 

All’arrivo sulla panchina, col subentro a Spalletti, porta i giallorossi a compiere quasi un’impresa incredibile: rimontare e tenere testa all’invincibile Inter di Mourinho. Celebri la vittoria per 2-1 sui nerazzurri nello scontro diretto e il Derby vinto in rimonta per 2-1 sostituendo Totti e De Rossi all’intervallo.  

Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l'ultima impresa

Purtroppo l’impresa nella sua squadra del cuore si infrange sul più bello, quando alla quart’ultima di campionato arriva all’Olimpico la Sampdoria, che trascinata da Cassano e Pazzini sconfigge i capitolini e consegna lo scudetto all’Inter. La stagione successiva, dopo aver perso anche le finali di Coppa Italia e Supercoppa, è più amara e Ranieri dà dunque le dimissioni

Riprende così a girovagare all’estero tra Monaco (con cui ottiene la promozione in Ligue 1 e poi arriva al secondo posto in campionato l’anno seguente) e l’esperienza da CT della Grecia, che si rivela però un fallimento. 

Claudio Ranieri e le tappe fino al ritiro: il miracolo della Premier vinta col Leicester

L’esperienza negativa in Grecia però, per scherzo del destino, permette a Ranieri di essere libero al momento giusto. La panchina del Leicester infatti si libera, e questo permette al tecnico romano di potersi accasare in Inghilterra.

L’arrivo di Ranieri dunque è casuale sì, ma tutto il resto di quello che accade nella magica annata 2015-2016, no. Il mister dispone subito di un gruppo disposto a seguirlo ciecamente grazie alla sua bravura umana e tattica.

Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l'ultima impresa

Schiera la sua creatura con il rigoroso 4-4-2 schema più utilizzato nell’arco della sua carriera, e trova in Kantè, Mahrez e Vardy tre assi nella manica. Risultato dopo risultato il Leicester inizia a credere sempre più nel miracolo e, passata una mini-crisi, riprende a macinare risultati, fino all’impresa finale. 

Una stagione da sogno che termina dunque col successo di un club che nessuno avrebbe mai pensato lontanamente potesse trionfare in Premier League. Risultato figlio della bravura tecnico-tattica del mister italiano, che rimarrà negli annali della storia del calcio.

Il ritorno a Roma e le ultime imprese a Cagliari

Negli ultimi anni della carriera c’è spazio per un romantico ritorno alla Roma a stagione in corso nel 2018-2019 dopo l’esonero di Di Francesco. Ranieri però non riesce nel difficile compito di portare la Roma in Champions League e a fine stagione non viene riconfermato. 

Per alcuni anni il mister guida così la Sampdoria, dove però va via per dissapori col presidente Ferrero. Infine l’ultima tappa della sua carriera è, a meno di ripensamenti, proprio Cagliari, lì dove ha iniziato ad alti livelli.

Cagliari, Claudio Ranieri annuncia il ritiro dopo l'ultima impresa

Con i sardi riesce a scrivere due ulteriori pagine di storia sportiva. La prima è la promozione attraverso i play-off di Serie B nella stagione 2022-2023 con gol decisivo all’ultimo minuto di Pavoletti. La seconda è la salvezza di questa stagione. 

Ora un’ultima calorosa accoglienza alla Unipol Domus e poi il meritato riposo, dopo quasi 40 anni di carriera, nella sua Roma

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui