Cagliari-Napoli (1-1), Calzona: «Non riusciamo a gestire il vantaggio»

0

Il Napoli non vince più e il cambio panchina non sembra portare frutti; addirittura questa volta a Cagliari il pareggio arriva al 96′, negando così la prima vittoria in panchina a Calzona. La tempesta non sembra placarsi per i campioni d’Italia, ormai irriconoscibili. Queste le parole del mister nel post gara della partita in terra sarda.

Calzona su Cagliari-Napoli (1-1): «Osimhen era stanco. Va aspettato adesso»

Il Napoli contro il Cagliari si rovina ancora una volta la domenica e si fa raggiungere all’ultimo minuto pareggiando 1-1. Il gol di Osimhen nel secondo tempo sembrava aprire uno spiraglio di luce per la squadra di Calzona, ma nel finale è stato Luvumbo Zito a scatenare i festeggiamenti della Sardegna Arena, che adesso vuole crederci nella salvezza.  Per il Napoli la corsa all’Europa si fa sempre più dura, attendendo di capire cosa farà l’Atalanta contro il Milan. Queste le parole di mister Calzona al termine della partita.

Napoli in difficoltà nel primo tempo, ma capace di creare. Calzona parla delle difficoltà dei suoi ragazzi: «Sicuramente c’è un problema di mentalità. Sappiamo che il Cagliari in casa parte molto aggressivo, molto forte e fa dei finali forti. Abbiamo perso un sacco di palloni,  condizionando il nostro primo tempo. Meglio nel secondo, anche se nel finale abbiamo avuto due occasioni per chiuderla. Siamo stati ordinati, cosa importantissima per come vedo il calcio io».

Proprio nelle occasioni del finale si concentra Calzona: «Sicuramente sono due occasioni importanti e dovevamo concretizzare. Almeno su una palla calciata da centrocampo dovevamo essere più attenti, tra l’altro avevo messo Ostigard per questo motivo. Purtroppo è successo e domani si riparte da un ritrovato ordine e che la gestione del vantaggio è stata discreta. Andiamo avanti, non possiamo fare altro».

Calzona conosce bene l’ambiente e prova a spiegare così la crisi del Napoli: «Come ho già detto, il problema è mentale. La squadra ha un’ottima condizione fisica e l’ha dimostrato contro il Barcellona e contro il Cagliari. Posso rimproverare una gestione della partita, che era sicuramente particolare. Sapevamo che poteva essere sporca, quindi bisognava calarsi nella dimensione dell’avversario sin da subito».

Ha poi aggiunto sul gruppo squadra: «Ho avuto tanti colloqui con singoli e collettivi, ma in questi giorni ho trovato una squadra a disposizione. Penso ci voglia del tempo, ce n’è poco, dobbiamo sforzarci. Voglio ripartire da questa disponibilità. Devo cercare di metterli in condizione di fare bene».

Su Kvaratskhelia: «Kvara in queste due partite ha fatto di tutto. Si concentra talmente tanto che perde ogni tanto le sue capacità. È un ragazzo fantastico, un po’ introverso, però ha grande disponibilità e penso che a breve ritornerà. Io sono contento di lui come di tutti. Mi fa ben sperare». Ritrovare il georgiano per il Napoli sarà fondamentale, ma al momento sembra finito in un tunnel senza uscita. 

Al momento il Napoli sembra sfavorito per arrivare alla qualificazione in Champions, ma Calzona devia la domanda: «Chiaro che in questa situazione dobbiamo pensare partita dopo partita. Poi tireremo le somme. Adesso è inutile fare progetti, vedremo poi dove arriveremo. Chiaro che ci piacerebbe arrivare il più lontano possibile, adesso è difficile. Dobbiamo aspirare all’obbiettivo massimo, almeno fino a quando non ci condannerà la matematica».

Nel finale preoccupazione per Osimhen, ma Calzona tranquillizza i tifosi: «Nulla di grave, era solo stanco. È un ragazzo fantastico, si è messo a disposizione. Ritroverà la migliore condizione, senza scordarsi che deve riabituarsi al nostro calcio. Molti giocatori hanno problemi dopo la coppa d’Africa, quindi lo stiamo gestendo nel miglior modo possibile. Ha bisogno di tempo anche lui. L’altra sera in Champions era uguale, eppure voleva rimanere in campo come tutti, anche se poi si era reso conto di non avere più fiato».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui