Calciomercato Juventus, Chiesa a rischio cessione: Roma alla finestra, sacrificio possibile

0

Saranno mesi intensi quelli che attendono il mondo bianconero in vista dell’inizio della prossima stagione. È tempo di rifondazione, sia in panchina che, per certi versi, anche in campo, non solo nelle modalità di gioco ma anche nella scelta degli interpreti. A tal proposito, il calciomercato della Juventus si allaccia ad un Chiesa a rischio cessione: Roma alla finestra, sacrificio possibile. Il club zebrato starebbe seriamente valutando la sua uscita per poter successivamente finanziare molteplici colpi in entrata in programma.

Seppur sia ancora in maniera salda uno dei principali beniamini della tifoseria, Federico Chiesa al momento non sarebbe certo di una permanenza alla Juventus anche nella prossima annata. Sul numero 7 bianconero, infatti, pende il contratto ad oggi in scadenza il 30 giugno del 2025. Fin qui ogni discorso sul rinnovo non ha portato alla fatidica fumata bianca, di conseguenza si alimentano le possibilità di un addio a parametro zero al termine della stagione. Uno scenario, questo, che la Vecchia Signora vuole escludere. Ecco da qui il motivo che starebbe spingendo il club a riflettere su una sua cessione. La Roma, ma non solo, avrebbe già iniziato a fiutare il grande colpo.

Calciomercato Juventus, addio Chiesa? Contatti con la Roma

Federico Chiesa dirà addio alla Juventus nell’imminente calciomercato estivo? Un’ipotesi tutt’altro che da scartare, visto che il club bianconero starebbe seriamente pensando al suo sacrificio. Il classe ’97 non ha ancora rinnovato il proprio contratto, in scadenza nel 2025, dunque potrebbe andare incontro ad una cessione immediata. In tal modo le casse societarie sarebbero forti di un tesoretto da poter reinvestire in nuovi colpi in entrata. Occhio però, alla potenziale prossima destinazione del figlio d’arte. In caso di separazione con la Vecchia Signora, potrebbe rimanere ancora in Serie A.

I rumors legati all’interesse della Roma nei suoi confronti sembrano farsi sempre più intensi. Stando a quanto riferito da La Stampa, tra l’altro, lo stesso calciatore non avrebbe chiuso la porta all’addio alla Juventus. Sarebbe in programma nella prossima settimana un incontro tra Fali Ramadani, agente di Chiesa, e la dirigenza giallorossa. Un semplice appuntamento a scopo informativo, nel quale le parti discuteranno delle eventuali richieste, per comprendere se possano esserci realmente gli spiragli di un trasferimento agli ordini di De Rossi. La presenza tra le fila dei capitolini di Paulo Dybala, con il quale ha condiviso lo spogliatoio in bianconero, sarebbe poi un incentivo in più.

Attenzione dunque al futuro di Federico Chiesa, la possibilità che possa cambiare casacca al momento è concreta. La sensazione è che comunque la Juventus e lo stesso calciatore si prenderanno del tempo per riflettere. Sarà fondamentale il suo percorso all’Europeo con la Nazionale, nel quale potrebbe rilanciarsi, così come la valutazione definitiva di Thiago Motta. Quello che, salvo clamorose sorprese, sarà il nuovo allenatore dei bianconeri, vorrà certamente osservarlo con attenzione in allenamento prima di approvare la sua cessione. In ogni caso, la Vecchia Signora non chiederebbe meno di 40 milioni di euro per lasciarlo partire. Sulle sue tracce, seppur più defilate, ci sarebbero anche Napoli, Newcastle, Aston Villa e Bayern Monaco. È chiaro che, in caso di addio, il tesoretto sarebbe reinvestito immediatamente in almeno tre nuovi innesti.

Calciomercato Juventus, Chiesa sacrificato: affondo per Koopmeiners ma non solo

Calciomercato Juventus, Chiesa a rischio cessione: Roma alla finestra, sacrificio possibile

Qualora davvero Chiesa dovesse essere sacrificato durante il prossimo calciomercato estivo, la Juventus perderebbe sì un elemento fondamentale, ma potrebbe chiudere diversi colpi sognati in entrata. Il primo tra tutti è ovviamente Koopmeiners, per il quale l’interesse non è più un segreto. Nelle ultime settimane anche il calciatore avrebbe aperto sempre di più all’idea di un trasferimento a Torino, un dettaglio che spingerà Giuntoli a proporre offerte leggermente inferiori rispetto ai 60 milioni richiesti dall’Atalanta, magari condite da alcune contropartite (Huijsen per sopperire all’assenza per infortunio di Scalvini). Al momento le sensazioni sono positive, l’affare potrebbe andare in porto.

Con l’addio di Chiesa, poi, i fondi della Juventus sarebbero sufficienti per affondare il colpo Calafiori in difesa. Il giovane difensore della Nazionale vorrebbe continuare a lavorare agli ordini di Thiago Motta e andrebbe ad inserirsi in un reparto di altissimo livello. La sua duttilità sarebbe preziosissima nella potenziale linea a quattro davanti all’estremo difensore (per Di Gregorio manca ormai solo l’annuncio), anche se per il ruolo di terzino destro starebbe continuando ad avanzare l’ipotesi Di Lorenzo dal Napoli. Nonostante Antonio Conte stia tentando di far cambiare idea al ragazzo, la sua volontà, ribadita a più riprese dal suo agente, Mario Giuffredi, è chiara: cambiare aria e iniziare una nuova avventura.

Bisognerà trovare un accordo con il Napoli, che al momento chiede 20 milioni di euro per lasciarlo partire. Anche qui, però, la Juventus potrebbe giocarsi la carta legata alle contropartite tecniche (Rugani o Kean gli indiziati). Sullo sfondo avanza poi il possibile scambio con l’Aston Villa per il centrocampo, con Douglas Luiz che potrebbe arrivare al posto di McKennie. E qualora dovesse davvero partire Chiesa? Prima di tutto avanzerebbe la soluzione interna, con la permanenza di Soulé. Non è escluso poi che possa arrivare comunque un nuovo volto: un’idea si legherebbe a Savio (stella del Girona che ha fatto rientro al Troyes, club del City Group detentore del suo cartellino). Molto si muove, insomma, nel calciomercato dei bianconeri. E gran parte di questi scenari potrebbero dipendere quasi del tutto dalla cessione o permanenza dell’attuale numero 7.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui