Calciomercato Roma: Lukaku in bilico tra riscatto e abbandono

0

Nel corso di una stagione calcistica si possono vivere dei momenti di forti alti e bassi, stessi che, poi, vanno verosimilmente a condizionare in negativo l’esito di un intero anno, studiato inizialmente come fondamentale per progettualità ed investimenti: nel quadro descritto si può tranquillamente dipingere la situazione che sta affrontando ormai da mesi la formazione capitolina della Roma, chiamata la scorsa sessione di calciomercato estivo ad importanti e strategiche mosse finanziare per aumentare le prestazioni della rosa a disposizione dell’ormai esonerato José Mourinho, come l’acquisizione in prestito dal Chelsea della roboante punta d’attacco belga Romelu Lukaku. Le aspettative attorno al campione ex Inter erano tante. Qualcosa, però, sembra che stia andando storto, cominciando a far tentennare la società giallorossa sul futuro del classe 1993.

Calciomercato Roma: il futuro di Lukaku dipende dal rush finale

Quando in una stagione sembra che tutto debba girare storto non è mai semplice trovare la giusta chiave di lettura per provare a rimettere in sesto la nave a stento rimasta ancora a galla: il virtuale ottavo posto in Serie A racimolato fino a questo punto della competizione dalla Roma, squadra che nelle scorse stagioni ha abituato ad ottimi percorsi soprattutto in ambito europeo, evidenzia un calo di idee di gioco nonostante l’importante acquisto dallo scorso calciomercato estivo di pedine dalla caratura internazionale come il centravanti Romelu Lukaku. L’attaccante è approdato nella capitale come frutto di un investimento non semplice da sostenere, ma intelligente.

Il classe 1993 ha raggiunto Dybala nella pesante coppia offensiva con la formula del prestito secco oneroso, equivalente a 7 milioni di euro più bonus subito erogati dalla Roma al Chelsea, e un contenzioso economico contrattuale per il calciatore pari a 7,5 milioni di euro (bonus inclusi). Tuttavia, le aspettative attorno al forte attaccante numero 90 non sembrerebbero essere fino ad ora minimamente rispettate. I numeri parlano chiaro: ventinove presenze nelle trenta gare disponibili finora tra Serie A e coppe per il belga, condite da 15 reti e 2 assist.

A dire la verità, lette sulla carta le statistiche di Romelu Lukaku non evidenzierebbero poi molte defezioni. Tra la teoria e la pratica, però, passa un’infinità. Negli ultimi nove incontri l’ex prima punta dell’Inter ha inanellato solamente 2 gol. Mentre in occasione degli “scontri diretti” in campionato il numero 90 ha raggiunto la via della rete solamente contro Napoli e Fiorentina. Stando a quanto riportato da Il Messaggero, il futuro del calciatore sarebbe oggi più che mai un rebus. Tutto sta a quanto sarà mostrato in campo nell’ultima tranche stagionale. In caso di “riscatto” in campo allora i giallorossi potranno pensare ad un riscatto finanziario.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui