Caso Pinamonti: Raiola, Inter e Genoa per la soluzione

0

Quello del giovane Pinamonti è diventata una vicenda di mercato che coinvolge Inter, Genoa, Chievo e non solo. Come è ben noto la metà del ricavato di una eventuale cessione dell’attaccante ex vivaio Inter, per via di un accordo privato tra nerazzurri e Chievo, deve essere versato nelle casse dei clivensi, ammesso che le due società non trovino altre modalità per giungere a un compromesso.

Un rebus da risolvere

Ma la vicenda non si ferma qui, Genoa e Inter, che nel mercato scorso si sono accordate per il passaggio di Pinamonti alla corte del Grifone, hanno anche deciso che i nerazzurri mantenessero il controllo del cartellino dell’attaccante, che in estate la società meneghina dovrebbe riportare alla base.

Il punto è che allo stato attuale la dirigenza del Genoa non è soddisfatta delle prestazioni di Pinamonti e vorrebbe rimandarlo subito alla casa madre, opzione che in questo momento non è in linea con i piani del ds Marotta. L’Inter infatti, avendo già Sebastiano Esposito in rosa, è alla ricerca di un attaccante di esperienza per completare il reparto: come LLorente dal Napoli o Giroud dal Chelsea.

Quale futuro per Pinamonti?

Spal e Verona hanno fatto un timido sondaggio per avere Pinamonti in prestito, ma in questa situazione entra in gioco anche l’entourage del calciatore, che nel mercato estivo, per tutelare il proprio assistito, aveva accettato la destinazione Genoa proprio in cambio di una promessa imprescindibile, secondo la quale il giocatore non avrebbe cambiato maglia almeno fino al termine della stagione.

È ovvio che ora sarà necessario sedersi di nuovo al tavolo, Genoa, inter e Raiola dovranno studiare una soluzione che possa garantire al giovane attaccante di continuare a scendere in campo con una certa continuità, quella continuità che invece potrebbe non avere più alla corte del Grifone visto che il Genoa è deciso a stravolgere il proprio reparto avanzato.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui