Cech ritorna al Chelsea: sarà il portiere d’emergenza

0

A grande sorpresa Petr Cech torna al Chelsea, senza però essere sotto contratto. Dopo un anno dal suo ritiro, il portiere ceco è stato inserito nella lista Champions League della sua ex squadra come emergency goalkeeper, ovvero portiere d’emergenza. Si tratta di una misura precauzionale per combattere il Covid-19. Qualora ce ne fosse bisogno, Cech sarebbe pronto a giocare. Dopo aver detto “addio” (che sembra più un arrivederci) al calcio giocato, l’atleta ceco ha iniziato la sua avventura nell’hockey, sempre in difesa dei pali.

Petr Cech: il suo passato con il club londinese

Nato a Plzen il 20 Maggio 1982, Per Cech ha vestito la maglia dei blues per 11 stagioni, disputando ben 484 gare. Uno degli eroi dell’unica Champions League vinta dal Chelsea nel 2011/2012, match entrato nella storia dopo 120 minuti di puro calcio.

Il nome di Cech ha un retrogusto agrodolce e nostalgico, visto che l’estremo difensore di origini ceche ha dato tutto per quella maglia, salvo poi concludere la sua carriera all’Arsenal, club con il quale si è ritirato. Ciononostante, appena chiamato per combattere l’emergenza Coronavirus, il portiere si è fatto trovare pronto mettendosi a disposizione.

Il suo passato con il Chelsea non può essere dimenticato, né dai tifosi né tanto meno dagli amanti del calcio che quella magica sera di Champions hanno potuto assistere ad una pagina di storia del calcio recente. Per questo il legame tra club e giocatore sembra essere indissolubile, sebbene si sia concluso prima del previsto.

Cech ritorna al Chelsea: sarà il portiere d'emergenza

Palmarès del giocatore: i trofei vinti con il Chelsea

A dimostrazione del grande contributo che Petr Cech ha dato al Chelsea, c’è il suo palmarès, in cui i trofei non mancano. Dalla stagione 2004/2005 alla stagione 2014/2015 sono numerose le coppe vinte con i blues.

Di seguito il palmarès del portiere contando soltanto gli anni al Chelsea:

  • 4 Campionati inglesi
  • 4 Coppe d’Inghilterra
  • 3 Coppe di Lega inglese
  • 2 Community Shield
  • 1 Champions League
  • 1 Europa League.

Si potrebbero menzionare i riconoscimenti singoli e i trofei vinti prima e dopo il club londinese, oltre a quelli da citare con la nazionale della Repubblica Ceca. Un portiere di altri tempi, professionista serio e grande uomo, dentro e fuori dal campo.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui