Champions League 2023/24: Atletico Madrid, l’avversaria dell’Inter

0

I sorteggi dell’urna di Nyon non hanno portato grande fortuna alle squadre italiane in vista degli ottavi di finale di Champions League. Terminando al secondo posto nei rispettivi gruppi, Napoli, Lazio e Inter se la dovranno vedere contro rivali di grande spessore, pronte a mettere il bastone fra le ruote. Una grande responsabilità l’avranno sicuramente i nerazzurri, finalisti nella passata edizione, e intenzionati a ripetersi in questa fase. L’avversaria dell’Inter agli ottavi di Champions, però, sarà il temibile Atletico Madrid del Cholo Simeone.

Champions League 2023/24: Atletico Madrid, l’avversaria dell’Inter: il pragmatismo e il coraggio dei Colchoneros

Non un sorteggio fortunato, ma neppure impossibile quello a cui dovrà far fronte l’Inter in vista degli ottavi di finale di Coppa dei Campioni. Freschi della grande cavalcata della passata edizione culminata con la finale e dell’andamento stagionale fino ad ora più che convincente, i nerazzurri non si faranno intimorire dai terribili uomini di Simeone. Se pensate però che l’Atletico Madrid sia ancora quella famosa squadra “catenacciara” di qualche anno fa, allora vi sbagliate di grosso! 

La compagine madrilena fa sicuramente del pragmatismo e della grande solidità in fase difensiva le sue armi migliori. Allo stesso tempo, il tipo di calcio richiesto dal tecnico argentino ha subito un’evoluzione nelle ultime annate. Ora, infatti, i Colchoneros tendono a mettere in mostra spesso e volentieri, anche un calcio propositivo e volto all’attacco. La vera forza dell’Atletico sta in una compattezza tale che chi osserva le loro partite può notare come difendano in dieci e attacchino con altrettanti giocatori. Questa rivoluzione nell’assetto tattico è dovuta al 3-5-2 scelto come modulo principale. Un modulo poco utilizzato in Liga e in Europa, ma che sta portando buoni frutti come dimostrato dall’andamento stagionale dell’Atletico Madrid.

Champions League 2023/24: Atletico Madrid, l'avversaria dell'Inter

Attualmente in quarta posizione in campionato, gli uomini di Simeone hanno rallentato notevolmente i ritmi nelle ultime uscite. Da essere in piena lotta per il titolo, infatti, i Colchoneros ora si ritrovano a dover consolidare il quarto posto in attesa della gara da recuperare contro il Siviglia che potrebbe fare la differenza. Inutile ricordare i calciatori ai quali la Beneamata dovrà prestare maggiore attenzione. Oblak negli anni, ha dimostrato di essere una vera e propria saracinesca non solo grazie ai suoi grandi interventi, ma anche per la compattezza della retroguardia biancorossa. Con due esterni bassi come Molina -o Marcos Llorente– e Samuel Lino bravi sia a proporsi in avanti che ad aiutare in copertura, riuscire ad attaccare l’area di rigore per chiunque avversario diventa una vera e propria impresa. In avanti, invece, è sempre più in crescita la coppia Morata-Griezmann.

Morata-Griezmann: un attacco da 30 gol in due

Come detto prima, l’Atletico Madrid è una squadra che ha vissuto di recente un’evoluzione tattica tale da renderla pericolosa e vivace anche sul fronte offensivo. Gran parte del merito si deve proprio all’ex centrocampista di Inter e Lazio, capace di creare un sistema di gioco per agevolare il lavoro dei suoi attaccanti. Un’evoluzione in positivo, infatti, la stanno avendo le due punte di diamante dell’annata in corso dei Colchoneros: Griezmann e Morata.

Per quanto riguarda Le Petit Diable, si tratta di un calciatore che non ha sicuramente bisogno di presentazioni. Il fuoriclasse francese dopo la negativa esperienza al Barcellona, è tornato ad indossare la maglia della squadra che lo ha fatto esplodere. Giocatore dotato del dono dell’ubiquità sul rettangolo di gioco, è ormai il leader dell’Atletico capace di dare una preziosa mano in fase di non possesso e rendersi letale in attacco. Non per altro, la doppietta siglata nel derby contro il Getafe, gli ha garantito il primo posto in solitaria nella classifica dei migliori marcatori della storia dell’Atletico Madrid superando la leggenda Luis Aragónes.

Champions League 2023/24: Atletico Madrid, l'avversaria dell'Inter

Un marcatore che sembra ormai aver raggiunto quella maturità tale da renderlo titolare in una big europea è invece Alvaro Morata. Per il centravanti della Nazionale spagnola si tratterà sicuramente di due partite speciali da ex juventino. Cercato di nuovo dai bianconeri la scorsa estate, e da altre squadre italiane tra cui la stessa Inter, il n°19 ha deciso di rimanere nel club del suo cuore rispettando le attese. Fino ad ora, infatti, sono 14 i centri complessivi tra Liga e Champions, tra cui è da ricordare la doppietta messa a segno contro gli eterni rivali del Real Madrid. Un attaccante che sembra aver ritrovato quella fiducia tale da renderlo una macchina da gol, e una spina nel fianco per le difese avversarie. L’ex Juventus ha già fatto male in passato alla compagine lombarda, e darà il 100% per trascinare i suoi ai quarti.

Il cammino dell’Atletico Madrid nella Champions League 2023/24 e i precedenti da avversaria contro l’Inter

Inserita nel gruppo E insieme a Lazio, Feyenoord e Celtic, la prossima avversaria dell’Inter in Champions sarà un vero e proprio osso duro. Ne è una dimostrazione la facilità con la quale la squadra guidata da Diego Simeone è riuscita a centrare il primo posto a fronte di quattro vittorie e due pareggi. Basta chiedere alla Lazio capace di fermare i Colchoneros all’andata grazie al rocambolesco colpo di testa di Provedel nel finale, ma di perdere al Wanda Metropolitano 2-0 sotto i colpi di Samuel Lino e del solito Griezmann

Champions League 2023/24: Atletico Madrid, l'avversaria dell'Inter

Proprio la spinta del Wanda può essere considerata un’arma in più per avere la meglio sui nerazzurri. Tra le mura amiche, infatti, l’Atletico è ancora imbattuto. Una notizia negativa per gli uomini di Simone Inzaghi che dovranno cercare di segnare più gol possibili nel match d’andata a San Siro. Parlando dei precedenti, invece, le due contendenti si sono fino ad ora scontrate appena due volte. La prima risale alla Supercoppa Europea dell’agosto 2010. In quell’occasione l’Inter campione d’Europa, affrontò i vincitori dell’ormai ex Coppa Uefa subendo una sconfitta per 2-0. A decidere l’incontro furono i gol di José Antonio Reyes e del Kun Agüero. L’ultima volta che entrambe si sono affrontate, invece, risale all’amichevole valida per l’International Champions Cup dell’agosto 2018 dove la rete dell’attuale capitano nerazzurro Lautaro Martínez bastò per chiudere la pratica.

Insomma, una sfida non semplice per la Beneamata, ma nemmeno impossibile. Già nella passata edizione, infatti, l’Inter ha dimostrato di saper fare la “voce grossa” anche con big europee di questo calibro. L’obiettivo di raggiungere ancora una volta la finale non è più utopia. Riuscirà mister Inzaghi ad avere la meglio sul suo ex compagno di squadra ai tempi della Lazio?

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui