Championship, la classifica dopo 37 giornate

0

Oltre ai grandi campionati, citati e seguiti in larga misura, è giusto soffermarsi anche sulla Championship, che presenta una classifica sempre più delineata. La seconda divisione inglese aveva mostrato la supremazia del Leicester, che ha però registrato una fortissima battuta di arresto, accorciando il suo distacco dalle altre ad una manciata di punti. Certa invece della sua retrocessione l’ultima, che conta la metà dei punti della penultima.

Classifica Championship: la situazione dopo la giornata 37

Il tempo scorre e la stagione si fa sempre più interessante, raccontando un campionato intrigante e combattuto, soprattutto per le prime posizioni. Quello che sembrava scontato adesso non lo è più, per questo i ragazzi di Maresca devono stringere i denti e tornare a vincere con continuità.

Analizziamo così la classifica aggiornata:

  1. Leicester City: 82 punti
  2. Leeds: 79 punti
  3. Ipswich Town: 78 punti
  4. Southampton: 73 punti
  5. West Bromwich: 63 punti
  6. Norwich City: 58 punti
  7. Hull City: 58 punti
  8. Coventry City: 57 punti
  9. Preston: 53 punti
  10. Cardiff City: 53 punti
  11. Middlesbrough: 50 punti
  12. Sunderland: 47 punti
  13. Bristol City: 47 punti
  14. Watford: 45 punti
  15. Swansea City: 43 punti
  16. Millwall: 43 punti
  17. Plymouth Argyle: 41 punti
  18. Blackburn: 41 punti
  19. Stoke City: 41 punti
  20. QPR: 39 punti
  21. Birmingham: 39 punti
  22. Huddersfield Town: 38 punti
  23. Sheffield Wednesday: 38 punti
  24. Rotherham United: 19 punti

Championship, la classifica dopo 37 giornate

Una lista lunga e caratterizzata da nomi importanti e di società conosciute, ma oramai in balìa di un periodo delicato. Questo è il caso di QPR e Stoke City, che vivono nella parte bassa della classifica e in piena lotta salvezza. Poco più su compaiono Swansea City e Sunderland, leggermente più tranquille. Concreta invece la retrocessione del Rotheram, distante 19 lunghezze dalla penultima.

Se si lotta per non cadere, si gareggia anche per risalire, con il Leicester che ha subito tre ko consecutivi riaprendo le danze, ma conta comunque 3 punti sulla seconda. Enorme il distacco tra quarta e quinta, ma la lotta è apertissima ed ogni errore potrà risultare fatale. 

I Foxes torneranno grandi? La Premier League potrebbe essere ad un passo.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui