Classifica Championship, il Leicester ha le idee chiare

0

Nonostante le feste natalizie abbiano permesso di rifiatare per qualche giorno, si è già pronti a tornare in campo. Gli impegni di campionato coinvolgono moltissime squadre, tra cui quelle di Championship, le quali mostrano una classifica ben delineata. Il Leicester sta rispettando le aspettative, presentandosi come prima della classe pronta alla promozione. In questo momento non sembrano esserci rivali e la vetta appare più che certa. Un viaggio in solitaria che potrebbe riportare i Foxes nella massima serie.

Classifica Championship, si combatte per non retrocedere

Le emozioni, in questa prima parte di stagione, non mancano assolutamente. Tutte le competizioni, dalla Serie A alla Champions League, stanno regalando spettacolo e tantissimi gol e, con essi, i dovuti pronostici. Per ciò che concerne la Championship – la seconda divisione inglese – la favorita ad inizio campionato era il Leicester, che sta confermando le aspettative. I ragazzi di Enzo Maresca sono primi in classifica con un buon distacco, mostrando di star loro stretta la seconda divisione, con il chiaro obiettivo di tornare in Premier League.

Se appare chiara la situazione ai vertici, più delicata la questione legata al rischio retrocessione, dove la corsa è ancora aperta. Al termine di 23 giornate, la classifica mette in mostra lo stato di forma dei vari club:

  1. Leicester City: 58 punti
  2. Ipswich Town: 52 punti
  3. Leeds: 45 punti
  4. Southampton: 45 punti
  5. West Bromwich: 36 punti
  6. Hull City: 36 punti
  7. Watford: 34 punti
  8. Norwich City: 34 punti
  9. Sunderland: 33 punti
  10. Cardiff City: 33 punti
  11. Middlesbrough: 33 punti
  12. Bristol City: 32 punti
  13. Preston: 32 punti
  14. Blackburn: 31 punti
  15. Coventry City: 30 punti
  16. Swansea City: 28 punti
  17. Plymouth Argyle: 27 punti
  18. Birmingham: 27 punti
  19. Stoke City: 24 punti
  20. Millwall: 23 punti
  21. Huddersfield Town: 22 punti
  22. QPR: 20 punti
  23. Sheffield Wednesday: 16 punti
  24. Rotherham United: 13 punti

Proprio come per la Serie B, anche in Championship ad avere diritto alla promozione diretta sono le prime due compagini che, allo stato attuale, vantando un considerevole distacco sulel altre. Dalla terza all’ottava – tutte ravvicinate – vige la regola dei playoff. Sebbene ci siano diversi club che puntano al terno al lotto dei playoff, ai piani bassi si combatte per respirare e sopravvivere. Il QPR deve assolutamente salvarsi, ma la corsa appare sempre più complicata.

Classifica Championship, il Leicester ha le idee chiare

Il tempo non manca, ma le gerarchie sono evidenti.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui