Conferenza Juventus-Udinese, Allegri: “Bonucci ha avuto un risentimento”

0

L’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato in conferenza prima della partita casalinga contro l’Udinese di Cioffi

Conferenza Juventus-Udinese, Allegri: “Rientra Szczesny”

L’allenatore dei bianconeri ha parlato cosi dei giocatori in scadenza: “C’è troppo clamore per questa storia qua. Anche i manager di azienda arrivano a scadenza. Nel calcio bisogna andare in campo e fare. Ci possono anche essere delle decisioni dei giocatori che vogliono cambiare aria, non è sempre colpa della società.. Ma fino alla fine devono giocare. Se vai in campo e fai male non trovi il contratto né alla Juve né da un’altra parte. Se fai bene invece è il contrario, quindi conta solo fare bene. Essere in scadenza può essere un valore aggiunto se sfruttato bene, ti metti in una posizione di forza“. 

Su Dybala in particolare: “Come ho sempre detto le valutazioni dei contratti sono cose societarie. Non mi riguardano. Dybala io l’ho cresciuto, è arrivato che era un bambino. Ora è un giocatore straordinario. Nella prima parte di stagione causa infortuni l’abbiamo avuto meno, per la seconda parte mi aspetto molto anche in fase realizzativa. Il valore del giocatore non si discute. È un grande giocatore“. 

Sulla scelta in porta: “Rientra Szczesny. Sono passati i 15 giorni ed è a posto. Con l’Inter arrivava con l’acqua alla gola, alle 2 di notte avrebbe giocato“. 

“L’Inter è la squadra più forte del campionato”

Il tecnico toscano ha parlato di Pellegrini, Bonucci e Arthur: “Ha ripreso ed è pronto, domani potrebbe giocare dall’inizio. Rientra Cuadrado, De Sciglio ha fatto una buona partita con l’Inter. Dispiace per Alex Sandro che aveva fatto anche lui una buona partita, nel calcio un errore può capitare. La rosa della Juventus è questa, l’ho già detto. Bonucci ha avuto un risentimento nell’allenamento di ieri e lo rivedremo dopo la sosta Con questi giocatori dobbiamo arrivare alla fine della stagione nel migliore dei modi, quindi arrivando nei primi quattro posti. Stiamo crescendo come squadra, stiamo lavorando bene per ottenere il massimo dei risultati. Dobbiamo rimanere sereni“. 

Sulle 300 panchine in carriera: “Quella contro il Real a Madrid era stata una partita meravigliosa. Avevamo quasi ribaltato il risultato. Belle anche a Monaco col Bayern e Londra col Tottenham“. 

Sul nervosismo mostrato nell’ultimo periodo: “Io in 20 anni sono stato squalificato due volte. Con il Napoli ho sbagliato, non dovevo dire quelle cose all’arbitro. Ma una ogni 20 anni concedetemela, sono anch’io un uomo. Bonucci ha pagato la multa e il caso è chiuso. Al termine della partita ci possono stare dei battibecchi. Abbiamo sempre tenuto dei comportamenti rispettosi verso gli arbitri“. 

Sull’Inter: “È la squadra più forte del campionato, sono primi in classifica. Poi le grandi partite sono una storia a parte. Noi è nelle piccole partite che dobbiamo stare più attenti ed essere più bravi. Contro l’Inter eravamo nettamente sfavoriti ma abbiamo fatto bene, qualcuno parlava addirittura di goleada. Dovevamo essere più bravi dopo il gol del vantaggio. La squadra ha fatto molto bene contro un’ottima Inter, poi ovviamente dispiace molto aver perso all’ultimo secondo in una finale“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui