Conferenza stampa Feyenoord-Roma, De Rossi: «Grande emozione»

0

È una Roma diversa contro il Feyenoord, soprattutto perchè in panchina c’è De Rossi, alla prima conferenza stampa per l’Europa League. Un match che ormai sta diventando un classico: l’anno scorso si incontrarono ai quarti di finale di Europa League e nel 2022 in finale di Conference, vinta dalla Roma a Tirana. In entrambe le occasioni era presente Mourinho, ma a De Rossi toccherà confermare i capitolini come possibili pretendenti della coppa. Di seguito le dichiarazioni del tecnico in conferenza ai giornalisti prima del match contro il Feyenoord. 

Feyenoord-Roma, De Rossi in conferenza stampa: «Avere due terzini come Angelino e Spinazzola»

Prima conferenza stampa europea per Daniele De Rossi in vista di Roma-Feyenoord e si sente l’attesa per questo esordio. In questo momento per il tecnico la prima cosa da fare è ripartire dopo la sconfitta contro l’Inter, ma provare a continuare con l’entusiasmo visto in queste prime partite. L’ex centrocampista ha parlato così di fronte ai giornalisti alla vigilia di questo match. 

Proprio sull’esordio in una competizione europea il tecnico non nasconde la sua emozione e spiega: «Sono contento di esordire in Europa, cosa che non mi sarei immaginato poco tempo fa. Oggi è pure il compleanno di mia figlia, l’anno scorso mi arrivò in questa giornata l’esonero durante la sua festa. Devo essere grato anche al fatto di essere fortunato di vivere questi momenti». 

Non sono mancati riferimenti al famoso Roma-Feyenoord del 2015 e all’atmosfera quasi bellica: «Sappiamo che da quella famosa partita ci sono stati molti incontri. Ci sarà clima infuocato, ma in campo vanno giocatori e idee». Sugli avversari De Rossi invece è molto schietto e afferma: «La vedo una squadra che mi ha impressionato. Sa giocare a calcio, a degli esterni interessanti di gamba. Ho grande rispetto per loro e sono sicuro che sarà una bella partita. Ci sarà equilibrio e sarà difficile».

Sulla mancanza di tifosi: «È un peccato giocare senza tifosi. Spesso le tifoserie ospiti ci hanno dato anche bellissimi esempi nel mondo e in Europa. Giocheremo e proveremo a vincere per loro. Penso che questo fattore inciderà anche su di loro al ritorno». Per entrambe le tifoserie è stata vietata la trasferta, visti anche i possibili disordini sia a Rotterdam che a Roma.

Sempre viaggiando nel passato De Rossi ha parlato di alcuni momenti vissuti nelle competizioni europee: «Non lo so, perché ne abbiamo vissute tante belle e anche negative. Ci siamo spesso ricompattati anche dopo i 7-0. La vita del calciatore è ricca anche di questi momenti. Se devo scegliere prendo Roma-Barcellona 3-0, per la forza della squadra e dell’Olimpico, una notte assurda, ma ce ne sono tante. C’è stato un periodo in cui arrivavamo tra le prime otto e dobbiamo tornarci». In quella partita Daniele De Rossi segnò il rigore che portò la Roma sul 2-0 prima del colpo di testa di Manolas. 

Un giocatore che sembra essersi rivitalizzato è Lorenzo Pellegrini, di cui De Rossi ha parlato: «Lorenzo (Pellegrini) lo valuto in base a quello che ho visto da quando sono qui. Sia come essere umano che come capitano. Continua ad essere un esempio e a migliorare di giorno in giorno, sta mostrando continuità e ci capiamo alla perfezione. Posso solo ringraziare lui e i compagni per l’attenzione». 

Sulla gestione della Roma in corsa ha parlato di come alla fine i risultati saranno importanti: «Il percorso era bello comodo e morbido, se eravamo a luglio con le amichevoli. Veniamo giudicati in base ai risultati. Voi parlate di “risultatisti” e “giochisti”, ma alla fine per tutti il risultato è quello che conta». 

Un confronto con la Roma di Mourinho attualmente non è di interesse del neo-allenatore: «Non posso dire quanto sia differente, perché ogni allenatore porta le sue idee. Le vedevo sempre le partite, ma non so quanto fosse differente. La Roma di Mourinho è stata una squadra che ha ottenuto buoni risultati in Europa». 

Sul bomber del Feyenoord, Jimenez, De Rossi non appare preoccupato: «No, è un centravanti forte. Abbiamo visto le caratteristiche individuali di ogni giocatore e conosciamo il fatto che sia molto forte». L’attaccante, inoltre,  ha già segnato alla Lazio nei gironi di Champions League e sembrerebbe anche in dubbio per domani.

Sulla gestione della rosa De Rossi afferma di aver pensato a qualche modifica in vista del campionato: «Penso che qualche cambio verrà fatto in vista di Frosinone e perché ho fiducia nei membri. Non voglio fare 11 cambi, spesso causa un blocco mentale. Spesso il turnover non viene fatto per avere un grado migliore di gioco». Su come gestire Angelino e Spinazzola invece De Rossi ha spiegato come possa essere un vantaggio: «La mia scelta verrà fatta in base ai dati. Spina è tornato e sta anche bene, ma amo avere questi due terzini diversi per caratteristiche. Avere nella stessa posizione due membri differenti è ottimo anche perché ci sono tante partite. Siamo un reparto coperto, ma non c’entrano nulla le condizioni fisiche. Giocare con tutti e due è difficile».

Svilar: «Stiamo costruendo dal basso»

In conferenza accanto al tecnico presente anche Mile Svilar, secondo portiere dalla squadra giallorossa. L’ex Benfica ha parlato così della sua stagione: «Penso solo alla partita di domani, non a quante partite ho giocato, quelle otto in cui sono sceso titolare. Sto facendo bene e spero di continuare così». Ha parlato anche di come siano cambiati gli allenamenti con De Rossi: «Ogni allenatore ha le sue idee. È cambiato il nostro modo di giocare. Con il mister stiamo provando molto la costruzione dal basso e  come migliorare la nostra posizione. Si gioca undici contro undici alla fine».

Domani per il portiere belga, naturalizzato serbo, è un’altra presenza e una chance per mostrare il suo valore. Ultimamente in casa Roma è anche sotto osservazione Rui Patricio per qualche errore di troppo e De Rossi approfitterà per valutarlo, anche perché rientra da una serie di acciacchi.  

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui