Conferenza stampa Juventus-Genoa, Allegri: «Ritiro punitivo? Assolutamente no»

0

La Juventus torna a giocare di nuovo in casa e ospita il Genoa di Gilardino, in una sfida che per Allegri, oggi presente in conferenza, può veramente segnare il proseguire del campionato. Con il Bologna vicino e il Milan davanti, l’obbiettivo secondo posto deve essere nella testa di tutta la squadra. Ecco le parole di Allegri in vista del match.

Juventus-Genoa, Allegri in conferenza stampa: «Rientrano Perin, De Sciglio e Rabiot»

Questo Juventus-Genoa probabilmente può essere una svolta oppure l’abisso della squadra bianconera, su cui pende il futuro di Massimiliano Allegri. Nella conferenza stampa di oggi ha infatti parlato il tecnico bianconero, sottolineando l’importanza di tornare a vincere. Tra qualche assenza e qualche ritorno, la Juventus deve ripartire dalla rimonta vista contro l’Atalanta. 

Sulla partita di domani Allegri ha parlato del gruppo e del ritiro anticipato: «Abbiamo fatto una buona settimana e siamo coscienti del momento che stiamo attraversando. Abbiamo perso Milik per un problema e andrà rivalutato. Rientrerà Perin, De Sciglio e anche Rabiot. Bisogna essere positivi».

E ha poi continuato parlando del ritiro anticipato: «Non è assolutamente punitivo; ho parlato con la squadra e insieme abbiamo deciso di rimanere insieme. Dobbiamo riprendere il cammino e domani è importante per tutti. È importante la presenza dei tifosi e sappiamo che c’è la Coppa Italia e da portare a casa la qualificazione in Champions».

Su Iling Junior e Kostic invece si è espresso così: «Domani Kostic ha probabilità di giocare. Nelle ultime partite ho premiato Iling perché sta lavorando bene e sta facendo molto bene. Comunque sono scelte che servono a motivare i singoli».

Con l’infortunio di Milik non ci sono preoccupazioni e Allegri afferma: «Abbiamo Kean, Vlahovic, Chiesa e Yildiz. Mi dispiace perdere Milik, perchè domenica era tornato anche al gol. Vedremo poi il bollettino».

In settimana la Juventus ha raggiunto la qualificazione al mondiale per club e Allegri ha commentato così: «Per il risultato penso sia frutto del lavoro del club, ma per il resto so di avere un anno di contratto, sono sereno e dobbiamo stare concentrati sugli obbiettivi di quest’anno. È una competizione bellissima, sarà una bella avventura con tante altre squadre. Dobbiamo però raggiungere la Champions passo dopo passo per essere a maggio qualificati».

Allegri parlando della classifica e di alcune dichiarazioni ha approfittato della conferenza per chiarire: «Non bisogna guardare né davanti e né dietro, perché abbiamo vinto solo una volta. Su quello che ho detto domenica, sono sicuro che a tutti piacerebbe fare sempre tre punti, ma vista la prestazione e il momento che stiamo attraversando. Domenica abbiamo fatto delle cose buone, ma anche degli errori che ultimamente ci costano caro. Bisogna analizzarli e cercare di migliorare».

Sulla fase difensiva pochi dubbi: «Paradossalmente abbiamo creato molto, preso poche occasioni da gol e preso molti gol. Ci sono partite che purtroppo vanno così. Va migliorata l’attenzione da parte di tutti».

Il ritorno di Rabiot probabilmente è una boccata di ossigeno per Allegri, che ha dunque affermato: «Non ha novanta minuti nelle gambe, perché ha alternato lavoro differenziato con un solo allenamento con la squadra. È sicuramente importante per noi riaverlo».

Sempre sul ritiro Allegri ha parlato del tempo trascorso: «Il calcio non è una scienza esatta e le partite si differenziano. Ci sono dei momenti in cui fai molto bene. Dobbiamo riordinarci e compattarci. In questi momenti con la squadra si lavora parecchio, abbiamo solo cercato di riunire la squadra per motivare e dare serenità». Ha poi aggiunto: «Era una cosa decisa martedì. È stata solo una serata in più da trascorrere insieme».

La gestione di Yildiz sembra essere un altro tormento per Allegri: «C’è stato un momento in cui è calato e Chiesa stava bene. Sta bene e avrà un futuro importante, ma va lasciato crescere in serenità e senza responsabilità».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui