Conferenza stampa Milan-Roma, De Rossi: “Stimo molto Pioli”

0

La Roma si gioca tutto nei quarti contro il Milan, in uno scontro descritto come fondamentale da De Rossi in conferenza. C’è la volontà di portare a termine parte dell’impresa che porta verso la finale, ma saranno 180 minuti di fuoco al Meazza.

Milan-Roma, De Rossi in conferenza stampa: “Abbiamo tutto da perdere”

De Rossi in conferenza stampa è stato chiaro su Milan-Roma: i giallorossi devono portare a casa l’obbiettivo. L’Europa League presenta un derby italiano infuocato dove in palio c’è la semifinale, ma soprattutto la gloria. Solo il Meazza poteva ospitare una grande sfida e starà a De Rossi trascinare i suoi ragazzi verso la vittoria. Ma intanto c’è la chiacchierata con i giornalisti, accompagnato da Paulo Dybala.

Tanti temi discussi, ma si è iniziato parlando del teatro che domani ospiterà il primo atto. De Rossi ha raccontato: “Era lo stadio che volevo rivisitare di nuovo. Lo dissi anche a una delle prime interviste, anche se ero dispiaciuto perché avevamo già giocato nel calendario. Trasmette qualcosa di diverso dagli altri stadi perché trasuda gloria, una sensazione che chi viene qui ha visto grandi notti di calcio“.

Sul giocare in casa o fuori l’andata invece è stato chiaro: “Si è sempre detto che fosse più vantaggioso giocare la seconda in casa, ma con l’addio del gol doppio in trasferta credo che la differenza si sia assottigliata. Prima o poi devi giocare contro tutti e devi essere pronto a preparare due partite“.

Sulla titolarità di Smalling il tecnico ha spiegato: “Chris sta bene e si allena. Nel derby è entrato per dare una mano in centimetri. Domani siamo con pochi centrali e lanciarlo all’inizio forse era rischioso. Le altre decisioni le faremo in base allo status dei ragazzi, ma lui sta bene e sta recuperando. Ha spinto molto e sono contento di lui“.

Sulla preparazione della partita De Rossi non ha dubbi: “Siamo consapevoli della forza del Milan e che i giocatori possono far male a chiunque. Il discorso è legato al saper muovere nei tempi giusti”.

Sulla prestazione di Dybala nel derby: “Penso che un allenatore debba chiedere sacrificio e impegno, ma nemmeno snaturarlo. Loro hanno paura di lui. Lui (Dybala) nel derby ha lottato e mi è piaciuto. Quando li vedi con questo trasporto ci possiamo sentire tranquilli, poi sta a me come impostare di fare la guerra“.

Sul Milan e Pioli: “Temo i giocatori e il gioco. L’allenatore lo conosco e ammiro che si è sempre evoluto in base alla squadra che aveva. Una qualità incredibile che mostra tuttora. Al di là dei momenti difficili, è una squadra che gioca bene e mette in difficoltà tutti. Dovremo essere bravi nel carattere e metterli in difficoltà“.

Un dato da considerare: Roma e Milan hanno fatto gli stessi punti da quando c’è De Rossi in panchina. Il tecnico parlando di squadre alla pari ha risposto: “Grazie a Dio domani non c’è classifica, perché è una competizione diversa. Noi siamo qui e abbiamo tutto da perdere perché vogliamo la semifinale, non siamo qui per fare le comparse. Qui non esiste il pareggio o altro. In una maniera o nell’altra per il nostro potenziale dobbiamo dare il massimo“.

De Rossi ha raccontato il post derby della squadra: “Sono partito aggressivo con loro nel rimanere con i piedi per terra, perchè sembra che valga dieci partite. Io chiedo entusiasmo e di andare forte in campo, attenzione quando spiego e nella partita. Hanno recuperato e sono pronti per domani, i sorrisi non mi preoccupano“.

Su Mancini: “Sta bene fisicamente e mentalmente. Non è preoccupato per la sentenza post derby. Sono felice della vicinanza da parte dei tifosi“.

Dybala: “Vorrei una rivincita dopo l’anno scorso”

Il numero 21, Paulo Dybala, ha parlato in conferenza stampa e ha iniziato parlando del mister: “Guarda, penso che con differenza di altri, Daniele sta iniziando e il paragone è difficile con due allenatori che hanno vinto tanto e hanno tante panchine ad alto livello. Devo dire che vedendolo ogni giorno per cosa ci trasmette sono sicuro che con questa voglia ha tutte le carte per arrivare ai livelli di Mourinho e Allegri“.

In seguito ha aggiunto: “Penso che essere leader di una squadra è bellissimo. Cerco di dare il meglio di me dentro e fuori dal campo. È una bella responsabilità. Lui conosce bene la piazza e credo che non ci sia uno migliore per caricare la squadra“.

Sulla situazione della Roma: “Credo che stiamo attraversando un momento di fiducia e positivo, perché il derby ti aiuta a prepararla con serenità. Affrontare una partita del genere è una bella prova. Sicuramente sarà una bella partita da giocare“.

Sul futuro non si espone molto: “Con Daniele ci troviamo molto bene e alcune scelte non dipendono da me. Noi siamo contenti del lavoro che ci sta portando a buoni risultati e a me piacerebbe continuare. Vorremmo sapere le intenzioni della società, ma adesso dobbiamo pensare alla coppa e dobbiamo fare di tutto per fare il massimo in campionato“.

Sulle condizioni fisiche: “Io mi sento benissimo e credo di essermi allenato bene. Sto bene, poi le decisioni le prende il mister e io sono sempre a disposizione“.

Sulla finale di Siviglia e l’obbiettivo di portare un trofeo a Roma: “Perdere una finale credo che sia una delle cose più brutte. Io ne ho perse tante e vinte altre, ma ci tenevo tanto a vincerla per il percorso fatto. Siamo stati vicini a vincere, ma credo che quella squadra sarebbe rimasto nella storia della Roma. Purtroppo ho perso anche una Champions e la sensazione è la stessa. Però speriamo di avere una rivincita“.

Sullo stile di gioco di De Rossi possiamo notare come sono migliorare le prestazione dell’ex bianconero. Ma il fantasista si distacca dall’individualismo: “Il mister mi dà molta libertà per creare superiorità, perché poi è difficile arrivare in aria. Per me l’importante è stare bene, il suo modo ha aiutato tutti. La squadra ha molti giocatori di qualità e mi aiutano. Avendo la palla possiamo segnare tutti“.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui