Copa America, ecco i quarti di finale: spicca Uruguay-Brasile

0
Copa America, ecco i quarti di finale: spicca Uruguay-Brasile

L’edizione 2024 della Copa America, che si sta disputando negli Stati Uniti, entra nel vivo con le sfide ad eliminazione diretta. La fase a gironi è terminata e le prime due classificate di ogni gruppo hanno staccato il pass per i quarti di finale. Si comincia venerdì 5 luglio con Argentina-Ecuador (ore 03:00) e sabato 6 sarà la volta del confronto più inatteso di questo turno, ovvero Venezuela-Canada (ore 03:00). Il programma dei quarti si conclude domenica 7 luglio con la sfida Colombia-Panama (ore 00:00) e il big match Uruguay-Brasile (ore 03:00).

Copa America, partono i quarti di finale: il resoconto dei gruppi A e B

Tutto facile per l’Argentina campione in carica, che nel gruppo A chiude in testa a punteggio pieno ed è l’unica squadra della fase a gironi a non aver subito gol. L’Albiceleste ha segnato 5 reti, quattro delle quali portano la firma dell’interista Lautaro Martínez. Per la 18^ volta nella storia del torneo, la Selección vince tutte le partite della fase a gruppi. Passa anche il Canada, che si piazza al secondo posto con 4 punti: i nordamericani sono il quinto paese della Concacaf a qualificarsi per la fase ad eliminazione diretta del torneo dopo Costa Rica, Stati Uniti, Honduras e Messico. Escono anzitempo Cile (2 punti) e Perù (1 punto), uniche squadre a non aver segnato gol fra i quattro gruppi.

La prima sorpresa di questo torneo arriva dal gruppo B. Il Venezuela passa il turno da primo in classifica vincendo tutte le partite, e adesso ha ottime chance per sognare la semifinale. Per la prima volta, la Vinotinto ottiene tre successi in una singola edizione della Copa America, superando le due vittorie ottenute nel 2011 e 2016. Inoltre, ha conquistato il primo posto nel girone per la seconda volta: l’unico precedente risaliva al 2007 quando chiuse davanti a Perù, Uruguay e Bolivia. Passa il turno anche l’Ecuador con 4 punti, gli stessi del Messico che però esce dal torneo (terza volta nelle ultime quattro partecipazioni) a causa della differenza reti. Lo scontro diretto, infatti, è finito in parità. Il gruppo B si chiude con la Giamaica a quota zero punti.

Gruppi C e D: Uruguay infallibile, fatica il Brasile

Anche l’Uruguay si qualifica grazie al primo posto nel girone C, facendo en plein di successi. La Celeste non iniziava il torneo con tre vittorie consecutive addirittura dall’edizione 1959. In questo torneo, inoltre, per la prima volta ha vinto in casa degli Stati Uniti, al settimo tentativo dopo due pareggi e quattro sconfitte. Finisce in anticipo l’avventura degli States in questo torneo, nonostante la vittoria all’esordio: fatali, infatti, sono state le due sconfitte successive. La nazionale nordamericana ha superato la fase solo due volte in sei partecipazioni.

A sorpresa, invece, passa il turno Panama che chiude al secondo posto con 6 punti e segnando altrettanti gol. Eguaglia, così, il maggior numero di reti segnate da una squadra della Concacaf nella fase a gruppi della Copa America (Costa Rica nel 2001 e Messico nel 2016). Ultimo posto per la Bolivia, a quota zero punti e con la peggior difesa fra i quattro gironi (10 gol subiti).

Chiudiamo con il girone D, in cui è la Colombia a piazzarsi in testa a quota 7 punti. Dopo le due vittorie iniziali, i Cafeteros hanno chiuso con un pareggio contro il Brasile. James Rodríguez e compagni hanno segnato in tutte le ultime cinque partite del torneo: per la nazionale sudamericana è la serie più lunga di partite con almeno un gol segnato dal periodo tra il 1997 e il 2004, quando andò a segno per 15 gare di fila. Arranca il Brasile, che passa il turno da secondo in classifica con 5 punti e affronterà il quarto di finale più complicato. In questo torneo la Seleção conferma una statistica: non ha mai subito più di un gol nelle ultime 24 partite di Copa America.

Vittoria inutile per la Costa Rica

Non è bastato il successo alla terza giornata della fase a gironi per la Costa Rica, che chiude in terza posizione con 4 punti. Proprio in occasione dell’ultima gara, i Ticos sono diventati la prima squadra a segnare due reti prima dei 10 minuti di gioco (a segno Francisco Calvo e Josimar Alcócer) in una partita della competizione da quando l’Argentina ci riuscì contro il Cile nel 1995, grazie a Gabriel Batistuta e Diego Simeone. Il gruppo D si chiude con il Paraguay a quota zero punti. Di contro, la Albirroja ha segnato in tutte le partite della fase a gironi, obiettivo raggiunto solo in altre due edizioni di questo secolo (2004 e 2011).

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui