Coppa Italia, le pagelle di Inter-Bologna (1-2 dts): impresa dei felsinei a San Siro!

0

Non vuole smettere di sognare il Bologna che nella fredda serata di San Siro centra una vera e propria impresa. In occasione degli ottavi di finale di Coppa Italia, la compagine emiliana riesce a reggere lo 0-0 per tutti i 90′ trovando addirittura il successo in rimonta ai danni dell’Inter. Contro i campioni in carica del trofeo e l’attuale capolista della Serie A, i felsinei giocano con pazienza concentrandosi nel contenere le scorribande nerazzurre. Tattica che porta i frutti sperati, ma ad inizio supplementari, è il colpo di testa di Carlos Augusto ad aprire le danze. Nonostante il gol, i rossoblù non demordono e nel secondo tempo supplementare, vanno incontro ai due centri decisivi firmati Beukema e Ndoye grazie a due splendide assistenze di uno Zirkzee straordinario. Gli uomini di Thiago Motta si qualificano ai quarti, mentre la Beneamata, nonostante i favori del pronostico, è costretta a salutare con largo anticipo la competizione. Ecco le pagelle di Inter-Bologna.

Le pagelle di Inter-Bologna

Prima di analizzare nel dettaglio le pagelle dei protagonisti di Inter-Bologna, proviamo a dare una valutazione all’operato del direttore di gara.

Arbitro: Federico La Penna 6 – Pochi errori degni di nota per il fischietto della sezione di Roma 1. Utilizza un metro giudizio equilibrato attraverso un arbitraggio “all’inglese” per non spezzettare troppo il gioco. Con il supporto del VAR assegna il calcio di rigore ai padroni di casa per fallo di mano in area di Corazza.

Pagelle Inter

Audero 6 – Partita da spettatore non pagante per l’ex estremo difensore della Sampdoria incolpevole su entrambi i gol siglati dagli ospiti. 

Bisseck 6 – Altra prova convincente da parte del classe 2000 che spesso e volentieri si spinge in avanti per creare maggiore densità in area (91′ Pavard 5,5 – Ancora alla ricerca della migliore condizione al rientro dall’infortunio, l’ex Bayern non incide sulla fase difensiva come sperato).

Acerbi 5,5 – Bene per gran parte dei 120′, si fa superare troppo facilmente dalla giocata di Zirkzee soffrendo la vivacità e la freschezza dell’attaccante avversario.

Bastoni 6 – Gli avversari attaccano poco quanto nulla e il centrale della Nazionale ha i giusti spazi per poter sovrapporsi in avanti da buon braccetto di difesa. Sufficienza meritata in queste pagelle di Inter-Bologna nonostante l’eliminazione (75′ Dimarco 6,5 – Serve maggiore spinta sulla fascia ed ecco che mister Inzaghi pesca dalla panchina il n°32 subito vicino al gol con una conclusione respinta da Ravaglia. Il suo mancino è letale e lo dimostra sul corner dal quale regala l’assist a Carlos Augusto per il primo gol della gara).

Darmian 5,5 – Meno nel vivo del gioco rispetto alle ultime uscite, non trova gli spazi necessari per proporsi sulla destra.

Frattesi 5,5 – Prende nel migliore dei modi il posto di Barella nell’undici iniziale imitando proprio il collega di reparto. Non solo inserimenti in area e un paio di occasioni create, ma anche tanti palloni recuperati in mezzo al campo per tutta la prima frazione. Scompare per il resto della gara.

Asllani 6,5 – Dà prova delle sue doti tecniche non solamente dettando con precisione i tempi di gioco in mezzo al campo, ma anche sui calci piazzati mettendo in mezzo palloni invitanti e pericolosi (83′ Sensi 6 – Prova nel finale dei tempi regolamentari ad iscriversi a referto, ma il suo destro a giro termina alto).

Klaassen 6 – Cerca di sfruttare la grande chance da titolare mettendo in mostra le sue doti balistiche con una conclusione potente ben respinta da Ravaglia. La sua prestazione cala però con il passare dei minuti (74′ Barella 5 – Il suo ingresso serve a dare maggiore dinamismo in fase di possesso e altre soluzioni come quella del tiro da fuori contro la difesa schierata degli avversari. Fin troppo nervoso nel corso dell’extra-time non segue Ndoye in marcatura sull’azione del definitivo 1-2.).

Carlos Augusto 6,5 – Tanta corsa, vivacità e traversoni pungenti sulla sinistra fino a trovare una conclusione forte e insidiosa deviata che spaventa i felsinei. Con l’uscita dal campo di Bastoni arretra sulla linea difensiva a tre. All’inizio dei tempi supplementari trova la sua prima gioia in nerazzurro battendo di testa Ravaglia su un calcio d’angolo ben battuto da Dimarco. Nel finale però, non riesce a contenere la freschezza e la velocità di Ndoye

Arnautovic 5,5 – Una serata speciale per il centravanti austriaco contro la sua ex squadra. Una serata allo stesso tempo non semplice caratterizzata da una grande occasione da gol divorata nella ripresa, e da un apporto al reparto offensivo non soddisfacente (74′ Thuram 5 – Il suo ingresso avrebbe dovuto garantire maggiore fisicità in avanti, ma il figlio d’arte non è mai pervenuto).

Lautaro Martínez 5 – Il suo approccio alla sfida è come sempre molto positivo nonostante la stretta marcatura riservatagli dalla retroguardia felsinea. Quest’oggi, però, il Toro non riesce ad iscriversi nel tabellino marcatori fallendo il rigore del possibile 1-0. Questo errore lo condiziona per tutta la ripresa (99′ Mkhitaryan s.v.).

Allenatore: Simone Inzaghi 5 – Una eliminazione sorprendente e inaspettata per una squadra che negli ultimi anni con il piacentino in panchina ha sempre fatto bene nelle coppe. Dopo le due Coppa Italia di seguito alzate al cielo, i nerazzurri sono costretti a capitolare contro un Bologna capace di far male ai padroni di casa al momento giusto. I cambi non incidono a dovere, mentre una difesa affaticata per i tanti impegni, soffre la vivacità del reparto offensivo felsineo. Un passo indietro rispetto alle ultime uscite che mette in mostra per la prima volta i limiti dei nerazzurri. Il fallimento del “Re di coppe”.

Coppa Italia, le pagelle di Inter-Bologna (1-2 dts): impresa dei felsinei a San Siro!

Pagelle Bologna

Ravaglia 7,5 – Klaassen mette a dura prova i suoi riflessi, mentre strepitoso è l’intervento su improvviso inserimento in area di Frattesi. Ipnotizza Lautaro nella ripresa intercettando il suo tiro dal dischetto. Incolpevole sul colpo di testa di Carlos Augusto.

Corazza 5,5 – Diciannove anni e non sentirli per il terzino rossoblù che mostra grande personalità a discapito della giovanissima età. Unica nota dolente nella sua prestazione il tocco di braccio che provoca il penalty neutralizzato poi da Ravaglia (76′ De Silvestri 5 – Entra per dare maggiore esperienza in difesa, ma si perde Carlos Augusto in marcatura sul calcio d’angolo dal quale scaturisce il primo gol dell’incontro).

Beukema 7,5 – Garantisce solidità e sicurezza al reparto arginando gran parte delle sortite offensive dei padroni di casa. Prezioso nell’assetto tattico di Thiago Motta, in fase di possesso alza il proprio baricentro alternandosi con Lucumí per dare una mano al centrocampo. Pericoloso sui calci piazzati, sfrutta il pregevole assist di Zirzkzee per firmare il momentaneo 1-1 da vero rapace d’area di rigore.

Lucumí 6,5 – Se la retroguardia emiliana regge per tutti i tempi regolamentari è anche per merito del colombiano. Fa valere la sua prestanza fisica e atletica leggendo in anticipo diverse avanzate da parte dei padroni di casa (99′ Calafiori 6,5 – Entra con voglia e grinta spingendosi in avanti con coraggio. Ribatte colpo su colpo gli ultimi attacchi nerazzurri a difesa del vantaggio).

Lykogiannis 6 – Impreciso per larghi tratti del primo tempo, la prestazione del greco migliora con il passare dei minuti. Dà prova del suo mancino preciso mettendo in mezzo traversoni invitanti alla disperata ricerca del pareggio fino a quando da un angolo proprio da lui battuto, arriva l’1-1 firmato Beukema.

Aebischer 6 – In regia sbaglia poco quanto niente innescando i pochi contropiedi a disposizione dai suoi. Prezioso come sempre in fase di non possesso e sufficienza portata a casa in queste pagelle di Inter-Bologna.

Moro 6 – Prova pulita e priva di sbavature per il croato fondamentale non solo nel dare sicurezza al reparto, ma anche nel contribuire in copertura (69′ El Azzouzi 6 – Prestazione senza lode e senza infamia per il marocchino autore di rare sbavature).

Urbanski 5,5 – I pochi spazi in avanti lo portano a dare un importante sostegno in fase difensiva a difesa del pareggio. Mai pervenuto però sulle poche ripartenze a disposizione.

Fabbian 6,5 – Prova a giocare un brutto scherzo alla squadra nella quale è cresciuto calcisticamente parlando. Sua la prima vera occasione dell’incontro con un bellissimo colpo di tacco al volo terminato di poco fuori. Prova di grande sacrificio e maturità.

Saelemaekers 6 – Svaria per tutto il fronte offensivo fino a stabilirsi sulla trequarti e come centrocampista aggiunto in fase di non possesso per dare maggiore equilibrio (85′ Ndoye 7 – In crescita nelle ultime uscite, l’esterno svizzero trova finalmente la prima gioia stagionale con la specialità della casa: il contropiede. Rete che decide la partita superando in velocità i difensori lombardi).

van Hooijdonk 5 – Serata molto complicata per l’olandese incapace di smarcarsi dalla marcatura del trio difensivo avversario, e quasi mai servito dai suoi (85′ Zirkzee 8 – L’uomo del momento entra e svolta l’incontro servendo due assist decisivi e di pregevole fattura. Sfrutta la sua freschezza atletica per creare qualche grattacapo alla difesa avversaria andando oltre le aspettative. Straordinario).

Allenatore: Thiago Motta 8 – La pazienza è la virtù dei forti. Ed è proprio questo atteggiamento che premia sorprendentemente gli emiliani questa sera. Una storica impresa contro la vincitrice delle ultime due edizioni del torneo in una sfida complicata, ma ben gestita. I suoi stringono i denti per tutti i 90′ portando la gara ai tempi supplementari con merito. Nonostante lo svantaggio non si arrendono e sfruttano il calo dei ritmi dei padroni di casa per far male. Brutto scherzetto da parte del tecnico italo-brasiliano alla sua ex squadra capace di svoltare la partita con le sostituzioni.

Coppa Italia, le pagelle di Inter-Bologna (1-2 dts): impresa dei felsinei a San Siro!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui