Coppa Italia, le pagelle di Milan-Atalanta (1-2): colpaccio orobico!

0

Gran colpo dell’Atalanta, che espugna lo stadio Giuseppe Meazza in rimonta col Milan e stacca il pass per la semifinale di Coppa Italia. I rossoneri sono illusi dal vantaggio di Leao al 45′, recuperato solo dopo 2′ da Koopmeiners e con un rigore trasformato dallo stesso olandese nella ripresa. Prova mastodontica della mediana bergamasca, soprattutto nella ripresa. Nonostante lo sterile assedio finale la Dea dunque resiste e affronterà la Fiorentina in semifinale. Rimane all’asciutto la squadra di Stefano Pioli, che non vince il trofeo dal 2002/2003. A seguire le pagelle di Milan-Atalanta.

Le pagelle di Milan-Atalanta

Prima di analizzare le pagelle dei protagonisti di Milan e Atalanta, diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Di Bello 5 – Gara indubbiamente complessa per il fischietto di Brindisi. Non concede nella prima frazione un rigore agli ospiti per un tocco di Reijnders su De Roon. Lo sbilanciamento sembra esserci, ma non è richiamato dal VAR. Deciso, invece, sulla massima punizione assegnata per la scivola di Jimenez su Miranchuk. Molto al limite, con lo spagnolo che tocca anche il pallone. Giusto non assegnare il penalty per il braccio di Holm nel finale, nettamente attaccato al corpo. Decisioni che faranno discutere a lungo.

Pagelle Milan

Maignan 6 – Non può compiere miracoli sul piede chirurgico di Koopmeiners, risponde presente quando chiamato in causa.

Calabria 6 – Nel complesso tiene botta e non commette grandi errori, tiene bene la corsia di destra (61′ Simic 6 – Si posiziona in mezzo alla retroguardia e sbaglia poco).

Gabbia 6 – Ritorna dal Villarreal ed è subito piazzato al centro della difesa. In generale non commette grandi sbavature, costretto a uscire per lo scontro con De Roon. Un nuovo esordio non fortunato (40′ Kjaer 5,5 – Non sempre un fulmine di guerra quando preso in velocità, soffre in più circostanze).

Theo Hernandez 6,5 – Altra prova da promosso come centrale, come al solito si sgancia e serve un assist al bacio per Leao. Sempre in anticipo là dietro.

Jimenez 5,5 – Inizio promettente con tante sgroppate sull’out mancino, anche se la sua intraprendenza giovanile si scontra spesso con la difesa atalantina. Causa il rigore del vantaggio avversario (61′ Terracciano 6 –  Debutto in rossonero con diversi cross interessanti e buone proposte in avanti).

Loftus-Cheek 5,5 – A corrente alternata, prova qualche scatto ma è quasi sempre fermato sul più bello. Manca di lucidità nel momento decisivo (73′ Giroud s.v.).

Reijnders 6 – Rischia in area di rigore nella prima frazione, per il resto solita gara di ordine e tanti tocchi in mezzo al campo, tantissime gare giocate in stagione (73′ Adli s.v.).

Musah 5,5 – Tantissima corsa, anche da terzino aggiunto sulla destra, ma poca precisione nei passaggi e nelle scelte. Tira fino alla fine ma è stremato.

Pulisic 5,5 – Qualche guizzo isolato e poco altro, sebbene costringa Carnesecchi a un bel tuffo plastico per evitare il 2-2. Sa fare di più.

Jovic 5 – Completamente catturato nella gabbia atalantina, non riesce a far salire la squadra e i palloni giocabili sono prossimi allo zero.

Leao 6 – Stappa la partita con un grandissimo gol di precisione, poi azzecca diversi dribbling ma non i traversoni. A lungo andare perde di efficacia.

Allenatore: Pioli 5,5 – La chiave è la gestione del vantaggio, poiché subisce il ritorno dell’Atalanta e in più frangenti i suoi rischiano l’1-3. Tenuta psicologica fragile. I cambi non modificano l’inerzia e vede sfumare un’altra competizione. Due match su due persi in stagione con l’Atalanta: da quel lontano 5-0 del 2019 ne è passata di acqua sotto i ponti, però…

Coppa Italia, le pagelle di Milan-Atalanta (1-2): colpaccio orobico!

Pagelle Atalanta

Carnesecchi 6,5 – Toglie le castagne dal fuoco in almeno due circostanze, le palle alte sono tutte le sue. Si è di fatto guadagnato un posto da titolare.

Scalvini 6,5 – Gara di bella personalità su Leao, raddoppia e non lascia spazi. In crescita dopo alcune prestazioni negative (86′ Hien s.v.).

Djimsiti 7 – Giganteggia in mezzo, le punte centrali del Milan non hanno margine di manovra. Guida la retroguardia con esperienza.

Kolasinac 6,5 – Limita Pulisic con determinazione, senza disdegnare l’accompagnamento della manovra offensiva. Si conferma.

Holm 6,5 – Bene in raddoppio su Leao, interviene quasi sempre in maniera pulita. Anche i proverbiali inserimenti degli esterni sono replicati dall’ex Spezia.

Ederson 7,5 – Uomo ovunque. Lo trovi in area di rigore a recuperare palloni impossibili e a cucire trame di gioco offensivo. Quasi da calcio totale.

De Roon 6,5 – Fin quando resta in campo è tra i migliori. Ottimo nella fase di interdizione, garantisce il giusto filtro e stoppa diverse giocate avversarie. Sfiora la rete da due passi e alza bandiera bianca (40′ Pasalic 6 – Qualche buon inserimento che tiene in apprensione la difesa milanese).

Ruggeri 6 – Meno in evidenza rispetto al dirimpettaio, tiene comunque la posizione bene e commettte pochi errori.

Koopmeiners 8 – Si porta a casa il pallone con una prestazione maiuscola, dopo un avvio in sordina. Doppietta e punto di riferimento per la trequarti, si rilancia alla grande (86′ Muriel s.v.).

Miranchuk 6 – Fatica ad incidere anche perché dalle sue parti gravitano pochi palloni. Si porta comunque a casa il calcio di rigore decisivo.

De Ketelaere 5,5 – Il belga sente ancora tutta la pressione contro la sua ex squadra. Una buona sponda e una chance da due passi gettata al vento. Non ha ancora il passo giusto (78′ Scamacca s.v.).

Allenatore: Gasperini 6,5 – Dopo un periodo di studio, accetta di consegnare il possesso palla al Milan e non fa disunire la squadra dopo l’1-0 (sebbene sia allontanato dal campo). Azzecca la mossa Holm, un po’ meno l’attacco leggero ma Koopmeiners sposta gli equilibri. Dietro si solidifica e si regala una bella semifinale contro la Fiorentina.

Coppa Italia, le pagelle di Milan-Atalanta (1-2): colpaccio orobico!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui