Coppa Italia Serie C, Catania-Rimini: il cuore oltre l’appartenenza

0

In una gelida serata romagnola di fine gennaio, il 24 esattamente, va in scena al “Romeo Neri” di Rimini l’andata della semifinale di Coppa Italia tra Rimini e Catania. Sul campo le due squadre non si erano mai incontrate, sugli spalti due tifoserie che non si conoscevano. Esodo di massa in quel di Rimini della tifoseria etnea da ogni parte d’Italia, piena la curva est con i supporter locali, tribune affollate da tifosi con sciarpe d’entrambe le società: il bello delle trasferte libere.

Coppa Italia Serie C, Catania-Rimini: il cuore oltre l'appartenenza
Filippo e Leonardo, credit foto Davide De Maida

Catania-Rimini: la storia di Filippo e Leonardo, amici per “caso”

Non premia il campo il Catania, perde di misura contro il Rimini che vince con orgoglio e fiero di aver staccato mezzo pass per la finale di Coppa Italia. Vincono sugli spalti la tifoseria etnea, che ha incitato sin da prima della partita i rossazzurri, e quella riminese.

Triplice fischio e tutti a casa! No, non è così, c’è una storia parallela, quella di Filippo e Leonardo, due bambini, il primo tifa Rimini ed il secondo Catania. Filippo è solito fare un giro di campo tra il primo ed il secondo tempo, accompagnato dal papà, per salutare i tifosi ospiti; lo nota subito Leonardo che cerca in tutti i modi di farsi notare da Filippo, ma nulla. Risponde al saluto di Filippo, con un lungo applauso, la tifoseria catanese.

Due bambini innamorati del calcio come solo loro sanno fare (e come ogni persona adulta dovrebbe essere), di cuore e di pancia, come il gesto senza eguali fatto da Leonardo che riesce con la collaborazione “dei grandi” a farsi notare dai raccattapalle riminesi e a far arrivare a Filippo la sua sciarpa del Catania. Missione compiuta.

Filippo, ovviamente, ringrazia la tifoseria catanese per il dono ricevuto da Leonardo, la sua sciarpa, quella che custodiva a La Spezia dove vive con la sua famiglia. Un ringraziamento pubblico con un video sul suo canale Youtube, “Il calcio secondo Filippo“.

Dopo il video, diversi gruppi della tifoseria etnea, “Liotrizzati” eVanedda Cucchiara” con i primi che si sono mobilitati per far conoscere la storia di Leonardo e Filippo scrivendo al responsabile della comunicazione del Catania, Angelo Scaltriti, e chiedendo di far incontrare i due bambini al Massimino per il match di ritorno, in modo che oltre i colori d’appartenenza, potessero vivere insieme la partita.

Coppa Italia Serie C, Catania-Rimini: il cuore oltre l'appartenenza
Liotrizzati e Vanedda Cucchiara, credit foto Davide De Maida

E poi: “Clamoroso al Cibali”, arriveranno Filippo e Leonardo, ospiti entrambi del Catania FC, i due non si conoscono ma insieme guarderanno la semifinale di ritorno Catania-Rimini del 28 febbraio, insieme esulteranno per il gol della propria squadra, insieme hanno fatto innamorare nuovamente i “grandi” del calcio.

Sono giunti entrambi a Catania il giorno prima della partita, Leonardo e Filippo,  e hanno passato la serata del 27 febbraio insieme.

Noi li abbiamo incontrati chiedendogli cosa pensano di tutta l’attenzione che hanno creato intorno a loro e come affronteranno “insieme” il match di oggi.

Abbiamo domandato a Filippo: Quando sei passato sotto il settore ospiti a Rimini e la tifoseria catanese ti ha applaudito, cosa hai pensato?

Ho pensato che erano persone gentili e sportive, mi sono emozionato, alcune volte ci sono tifosi che, quando vedono un tifoso di un altra squadra, non lo guardano neanche. Al contrario i tifosi del Catania mi hanno applaudito a lungo.”

Poi a Leonardo: Quando hai visto Filippo sotto il settore ospiti, perché hai deciso di regalargli la tua sciarpa?

“Perché nonostante non potesse appoggiare la gamba e non potesse stare alzato per più di cinque minuti, è passato sotto la curva con grande orgoglio e coraggio.”

Abbiamo chiesto ad entrambi: Chi andrà in finale tra le due squadre? E poi, cosa succederà dopo questo Rimini-Catania e Catania-Rimini, tra voi due?

Filippo: “Il Rimini è favorito perché ha vinto 1-0, ma il Catania meritava di segnare. Io spero che vinca il Rimini, ma se così non fosse per la finale tiferò Catania.”

Leonardo: “Secondo me andrà in finale il Catania, anche se come ha già detto Filippo, il Rimini parte con un gol di vantaggio.”

Sia Filippo che Leonardo rispondono all’unisono che giovedì mattina si saluteranno, ma di una cosa sono entrambi certi: sono diventati “amici” oltre i colori d’appartenenza.

Grazia a Filippo e Leonardo per la disponibilità ma, soprattutto, grazie per la grande lezione di “calcio” che ci avete regalato.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui