Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024

0

Siamo finalmente entrati nella settimana che darà il via ad Euro 2024, competizione continentale che l’Italia del ct Luciano Spalletti proverà a difendere con le unghie e con i denti dopo il glorioso percorso dell’estate 2021: i migliori calciatori da tutta Europa sono pronti a darsi battaglia fino alla metà di luglio, anche se tra i vari Jude Bellingham, Florian Wirtz e Gianluigi Donnarumma riecheggiano soprattutto i nomi dei grandi esclusi dal torneo (chi per scelta tecnica e chi per infortunio) come Thibaut Courtois neo-campione in Champions League con il Real Madrid, motivo per il quale andremo a formulare la Top 11 dei più talentuosi giocatori che non sono riusciti a strappare il pass per gli europei di calcio.

Che strano Euro 2024 senza loro: Courtois apre la Top 11

Prendendo spunto dal focus di OneFootball abbiamo idealizzato una formazione “stellare” di coloro che non saranno protagonisti ad Euro 2024: nella Top 11 non verranno menzionati calciatori che dovranno far fronte a squalifiche o che non sono riusciti a raggiungere la qualificazione con la propria Nazionale, mentre gli sfortunati campioni come Courtois saranno menzionati. Iniziando proprio dal portiere del Belgio, il ct Domenico Tedesco ha preferito preservarlo dopo la rottura del legamento crociato ad inizio stagione 2023/24. L’estremo difensore in finale di Champions League ha contribuito in pompa magna alla vittoria della quindicesima coppa firmata Real Madrid. Nonostante questo, la selezione belga ha preferito restare sui propri passi.

Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024
Reece James, Inghilterra

La formazione si svilupperà con un classico 4-4-2, perciò a ricoprire i ruoli di terzino destro e sinistro sono rispettivamente Reece James e Lucas Hernandez. L’inglese in maglia Chelsea ha saltato più di metà stagione dopo l’operazione per il brusco infortunio alla coscia. Mentre il duttile difensore della Nazionale francese e del PSG, oltre che fratello di Theo, ha da poco riscontrato la rottura del legamento crociato. Con ritorno previsto in campo al prossimo dicembre. Francia ed Inghilterra, quindi, sono state obbligate a indebolire il pacchetto arretrato non convocando due giocatori dalla grande esperienza.

Germania e Austria peccano d’esperienza: delusione per Hummels

I due difensori centrali e perni della retroguardia di questa “speciale” Top 11 rispondono al nome di Mats Hummels e David Alaba. Il fresco vice-campione d’Europa con il Borussia Dortmund ha condotto una stagione molto positiva tra le fila dei gialloneri. Motivo per il quale il classe 1988 sperava di poter rientrare tra le scelte del ct Julian Nagelsmann. Invece, questo ha deciso di non preservargli un posto nell’Europeo di casa. Considerando che la Germania predilige un prototipo di difensore molto rapido, probabilmente l’assenza di Hummels tra i convocati potrebbe essere parzialmente giustificata.

Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024
Mats Hummels e Julian Nagelsmann, Germania

Mentre per ciò che concerne l’altro formidabile centrale difensivo, ossia Alaba, l’austriaco ha subìto la rottura del crociato proprio come il suo compagno di club Thibaut Courtois, completando la retroguardia della Top 11 che non prenderà parte ad Euro 2024. Da metà dicembre, quindi, il classe 1992 è alle prese con il recupero oltre che con il giusto ciclo terapeutico. Da qui la scelta maturata dal ct dell’Austria, tale Ralf Rangnick, di escludere il proprio capitano dalla spedizione tedesca.

Il centrocampo degli esclusi da Euro 2024: Nkunku combatte con la sfortuna

Passiamo alla batteria di centrocampo, composta anch’essa da due esterni puri e due centrali. Sulla fascia destra è presente il giovane e carismatico Christopher Nkunku, non convocato da Didier Deschamps nella Nazionale francese per via dei continui infortuni che ne hanno compromesso la propria stagione tra le fila del Chelsea. Prima all’anca, poi più recentemente all’altezza della coscia, il classe 1997 ha riscontrato seri problemi. Portare un calciatore in Germania con la consapevolezza che non sarebbe sicuramente riuscito ad esprimersi al meglio per aiutare la squadra non avrebbe avuto senso per una Francia già ricolma di talenti.

Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024

L’esterno sinistro della formazione, poi, risulta essere l’inglese Jack Grealish. Per l’ex Aston Villa e attuale giocatore della corazzata Manchester City rimane indubbiamente un interrogativo importante quello relativo alla scelta del ct Gareth Southgate di tagliarlo dalla spedizione tedesca. Gli stessi compagni dell’esterno in maglia Citizens sono rimasti stupiti dalla decisione. Nell’ultima stagione in Premier League non è riuscito a ricucirsi il giusto spazio, questo è vero, ma rimane a tutti gli effetti uno dei ragazzi più talentuosi della nuova generazione inglese. Anche a livello fisico sembra che Grealish non abbia alcun tipo di condizione indesiderata. Perciò, e non solo nel reparto di centrocampo, con tutte probabilità Southgate andrà incontro a qualche polemica.

Gavi come Courtois: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024 continua

I due centrocampisti centrali che comporranno definitivamente la linea a quattro in mezzo al campo sono lo spagnolo Gavi e l’olandese Marten de Roon. Per quanto riguarda il primo, il classe 2004 in forza al Barcellona dell’ormai ex allenatore Xavi ha contratto una parziale rottura del crociato. Condizione che, nonostante non sembrava poter essere così grave, non lo ha ancora visto rientrare in campo, saltando la stagione dal 20 novembre 2023 in poi.

Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024
Gavi, Spagna

La Spagna non avrebbe potuto recuperarlo nei tempi sperati. Il tuttocampista di mister Gian Piero Gasperini, invece, ha dovuto abbandonare anzitempo il campo durante la finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus dello scorso 15 maggio. L’infortunio al bicipite femorale confermato da de Roon nelle ore successive ha dato il colpo di grazia ad una situazione che in presa diretta sembrava poter essere grave. Per lo meno tanto da escluderlo da Euro 2024 con la sua Olanda.

Southgate ridisegna l’attacco inglese: Rashford e Sancho esclusi

Infine, passiamo al reparto d’attacco. Composto per l’occasione da due nomi che non prenderanno parte al palcoscenico della competizione per Nazionali più importante del Continente. Per l’offensiva abbiamo una sola protagonista, ossia l’Inghilterra. Alcune scelte discutibili sono state fatte un pò da tutti i ct, ma la sensazione è che Gareth Southgate avrebbe potuto riflettere di più. I due terminali d’attacco che non prenderanno parte alla spedizione inglese in Germania questa estate sono Jadon Sancho e Marcus Rashford.

Da Courtois a Rashford: la Top 11 degli esclusi da Euro 2024
Rashford e Sancho, Inghilterra

Di fatto, dopo essere stato messo ai margini del progetto Manchester United, il classe 2000 ha rivitalizzato con grandi risultati la propria stagione tra le fila del Borussia Dortmund. L’approdo in finale di Champions League ne certifica l’importanza. Mentre, il numero 10 dei Red Devils ha avuto problemi con la squadra e con l’allenatore Erik ten Hag nell’ultimo scorcio di stagione. Probabilmente questo è stato fondamentale per la finale decisione di Southgate di tenerlo fuori dalla lista dell’Inghilterra per Euro 2024.

TOP 11 ESCLUSI EURO 2024 (4-4-2): Courtois; James, Hummels, Alaba, Hernandez; Nkunku, Gavi, de Roon, Grealish; Sancho, Rashford.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui