Euro 2024, l’Ungheria può passare il girone?

0

La sosta nazionali, in questa prima fase di stagione, si è rivelata fondamentale per molti calciatori che si sono messi alla prova in vista di nuove avventura. Conclusa la qualificazione agli Euro 2024, l’Ungheria si ritrova all’interno del girone A, non troppo complicato ma nemmeno da sottovalutare. A completare il gruppo ci sono Germania, Scozia e Svizzera. Tutte le avversarie mostrano un percorso diverso, ma viene da chiedersi se la nazionale magiara abbia le carte in regola per qualificarsi e osare.

Girone A, l’Ungheria vede Euro 2024

I sorteggi per Euro 2024 sono stati “magnanimi” per l’Ungheria, seppur si sia meritata un girone più “agevole” rispetto agli altri. A condurre la nazionale dell’Est Europa c’è sempre il tecnico italiano, Marco Rossi, che ben si sta comportando con questa nazione e nazionale.

Inserito nel girone A, per l’Ungheria le avversarie sono rispettivamente Germania, Scozia e Svizzera. I tedeschi si presentano senza dubbio come i favoriti del gruppo, la squadra d’élite, sebbene nell’ultima edizione non abbiano di certo brillato. Contro la compagine magiara c’è stato un confronto proprio ad Euro 2021 nel girone, con il match terminato 2-2 all’interno di un gruppo estremamente complicato.

Subito dopo compare la Scozia, nazionale che si è ben distinta durante le qualificazioni, piazzandosi dietro soltanto all’imprendibile Spagna. Chiude la Svizzera, passata anch’essa grazie al secondo posto, lasciando la vetta alla Romania.

Differente il percorso degli ungheresi che hanno chiuso la qualificazione con ben 18 punti, frutto di 5 vittorie e 3 pareggi. Prima posizione e zero sconfitte, mostrando un rendimento brillante e convincente. Per questo motivo la nazionale magiara ha tutte le carte in regola per puntare con prepotenza ad Euro 2024, contando sulla fiducia, la consapevolezza dei propri mezzi e la voglia di mettersi in gioco.

Il passaggio del girone – come seconda – appare più che realizzabile, con l’ottica di giungere almeno agli ottavi di finale. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui