Europa League 2023/24: Brighton, l’avversaria della Roma agli ottavi

0

Per accedere ai quarti di finale di Europa League e continuare la marcia verso Dublino la Roma di Daniele De Rossi, vittoriosa nello spareggio contro il Feyenoord ai rigori, deve vedersela con un’avversaria ostica come il Brighton di Roberto De Zerbi.

Sfida dunque tra due tecnici che si conoscono e stimano molto, col curioso retroscena del legame tra le due figlie che vedono insieme a Londra le partite della Roma. Ma in campo non c’è spazio per i sentimenti, ma solamente per l’agonismo e la voglia di superarsi e proseguire il cammino verso la gloria.

Ecco dunque alcune informazioni in più sui prossimi avversari della squadra giallorossa. 

Come arriva il Brighton, avversaria della Roma agli ottavi di Europa League

Alla prima esperienza europea della sua storia, analizziamo il rendimento degli inglesi nel girone, che li ha portati agli ottavi di Europa League da testa di serie. Inseriti in un gruppo difficile e pieno di storia europea, dati i confronti con Marsiglia e Ajax, gli inglesi hanno ben figurato, passando per primi

Ciò che ha colpito di più è la personalità dimostrata nelle 6 partite, così come la crescita nell’arco delle stesse. Dopo un complesso inizio, con la sconfitta per 2-3 con l’AEK Atene in casa e il pareggio per 2-2 a Marsiglia, infatti il Brighton non ha più sbagliato. Anzi, non ha proprio più concesso nulla

Europa League 2023/24: Brighton, l'avversaria della Roma agli ottavi

Nelle restanti 4 partite del girone, sono ben 12 i punti realizzati, con 4 clean sheet consecutivi, aspetto da non sottovalutare data la propensione offensiva di De Zerbi. Dunque la personalità per far bene non manca agli inglesi, motivo per cui la Roma deve stare particolarmente attenta

In Premier League invece, la squadra del tecnico italiano sta vivendo una stagione leggermente più difficile della scorsa, con un settimo posto per ora in classifica. Molto vicine però varie squadre che potrebbero portare, nel giro di un paio di match, il Brighton anche nella parte destra della classifica.

Meglio in Europa che in campionato, così si può sintetizzare finora la stagione dei britannici.

Come gioca il Brighton, l’avversaria della Roma agli ottavi di Europa League

La squadra inglese capitata alla Roma nel sorteggio dell’urna di Nyon, fa del possesso palla e degli schemi offensivi la sua principale forza. Nelle fitte trame di passaggi, negli scambi di posizione, nella bravura tecnica degli uomini offensivi risiedono alcune armi letali della banda di De Zerbi. 

In chiave tattica, si può vedere come il tecnico italiano abbia dato la sua impronta in maniera totale alla squadra britannica. A partire dal possesso palla, che si fa già dal portiere e dai difensori, tutto volto a creare vantaggio nella fase offensiva. 

Il Brighton, costruisce dal basso per attirare l’avversaria in fase di pressing e poi con qualità e velocità, cerca di portare gli uomini offensivi in condizione di 1vs1. La Roma dovrà quindi essere brava a non farsi attrarre dal recupero del pallone e cercare invece di fare densità dal centrocampo in giù.

Europa League 2023/24: Brighton, l'avversaria della Roma agli ottavi

Proprio in queste situazioni, con poco campo libero davanti, la squadra inglese infatti ha dimostrato di faticare di più. Sarebbe stato curioso vedere questo scontro con la vecchia Roma di Mourinho, tra due ideologie opposte. Ma bravo dovrà essere ora De Rossi, così come la squadra, a mettere alcune di quelle caratteristiche per provare a spuntarla. 

Questo però non significa fare “catenaccio” ad oltranza, anche perchè se è vero che il Brighton è bravo col pallone tra i piedi, è altrettanto vero che va in difficoltà quando la sfera ce l’hanno gli avversari. I quasi 50 gol subiti in stagione sono lì a testimoniarlo, così come varie battute d’arresto e tonfi clamorosi, come il 4-0 subito dal Luton qualche settimana fa.

La sfida non è impossibile, ma vanno fatte due ottime prestazioni da parte dei giallorossi.  Il Brighton infatti, ha dimostrato che se è in giornata è un’avversario tosto anche per le big del calcio inglese. 

I precedenti tra la Roma e le squadre inglesi nelle coppe europee

Non essendoci mai stati precedenti diretti tra la Roma ed il Brighton in Europa, andiamo ad analizzare quelli dei giallorossi con le squadre inglesi. La Roma ha affrontato in 39 occasioni club inglesi nella sua storia europea, con momenti indimenticabili e altri deleteri. 

Gioie e dolori per il popolo giallorosso contro i club dell’Inghilterra, a cominciare dalla vittoria nel 1961 della Coppa delle Fiere vinta contro il Birmingham City, arrivando alla finale di Conference League poi vinta, raggiunta grazie al successo contro il Leicester City.

Tra i più brutti ricordi invece la finale di Coppa dei Campioni persa in casa ai rigori contro il Liverpool. Pagine dolorose come la semifinale di Champions League persa sempre coi reds nel 2018 e le umilianti sconfitte col Manchester United nel 2007 e nel 2021.

Europa League 2023/24: Brighton, l'avversaria della Roma agli ottavi

In generale la Roma nel computo totale contro club inglesi è in sostanziale equilibrio di risultati. Sono infatti: 13 vittorie, 12 pareggi e 14 sconfitte su 39 match ufficiali. Il bilancio poi muta drasticamente tra i match casalinghi e quelli nella terra d’Albione.

La Roma infatti in casa ha raccolto 12 vittorie, 3 pari e 4 sconfitte, in Inghilterra invece è arrivato un solo successo su 20 partite. La Roma ha perso lo smalto dei suoi avi verrebbe da dire, dato che in passato l’impero romano colonizzò gran parte della Gran Bretagna. 

Ecco perchè, per avere speranze di qualificazione, servirà fare un risultato positivo a Roma. Partire per l’Inghilterra con 2 risultati su 3 a disposizione potrebbe infatti aumentare sensibilmente le chance di passaggio del turno. Dover invece vincere a tutti i costi visti i precedenti del club in trasferta con club inglesi, sarebbe invece complesso.

Un ruolo chiave potrebbe giocarlo l’esperienza, con la Roma forte dei percorsi europei di questi anni e il Brighton invece totalmente inesperto.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui