Europei 2024: ma il Belgio è davvero così forte?

0
Europei 2024: ma il Belgio è davvero così forte?

L’estate sta infuocando gli stadi tedeschi, ospitando le gare delle nazionali, pronte a loro volta a vincere il tanto ambito trofeo. Fra le “cosiddette” squadre favorite compare ancora una volta il Belgio, che fino ad ora non si è distinto in questi Europei 2024. Da circa dieci anni la compagine belga viene considerata una delle rose più promettenti e competitive, sia dal punto di vista europeo che mondiale, ma siamo sicuri che sia davvero così? Fino a prova contraria, infatti, il Belgio non ha mai fatto un buon percorso.

Belgio tra Europei e Mondiali: un percorso altalenante

Aspettative non confermate e tante promesse non mantenute. Il Belgio, dal 2014 in poi, non ha mai rispettato le attese e mai ripagato la “fiducia” che molti riponevano in questo club. Certo, nei Mondiali 2014 si qualificò come prima nel Gruppo H, con 9 punti, superando Algeria, Russia e Corea del Sud (rispettivamente a 4, 2 e 1 punto). Ottavi di finale poi vinti per 2-1 contro gli Stati Uniti mentre i quarti hanno visto la nazionale belga arrendersi per 1-0 contro l’Argentina, stessa squadra che si è poi giocata la finale contro la Germania, perdendo con lo stesso risultato.

Dopodiché per le altre competizioni si è evidenziata una netta involuzione. Gli Europei 2016 hanno visto il Belgio qualificarsi come secondo nel medesimo girone dell’Italia – il Gruppo E – con 6 punti (a pari merito con gli azzurri) e davanti a Irlanda e Svezia (a 4 e 1 punto). Ottavi di finale poi vinti travolgendo per 0-4 l’Ungheria e percorso terminato, anzitempo, ai quarti, uscendo per 3-1 contro il Galles. Altro giro di giostra durato meno del previsto.

Nei Mondiali 2018 il Belgio sembrava essersi ben comportato, vincendo a punteggio pieno il girone con 9 punti (sopra all’Inghilterra) e ottavi di finale vinti, a fatica, 3-2 contro il Giappone. Sconfitti poi, ai quarti, i fuoriclasse del Brasile per 1-2, ma usciti successivamente in semifinale contro l’armata francese, stesso club che vincerà poi la finale. Gradino più basso del podio per la nazionale belga.

Europei 2021 partiti benissimo, con la vittoria del girone (a punteggio pieno), vittoria agli ottavi contro il Portogallo per 1-0 e sconfitta per 1-2, ai quarti contro l’Italia. Infine il Mondiale 2022 completamente da dimenticare. Terzo posto nel Gruppo F, dietro a Marocco (7 punti) e Croazia (5 punti).

Un percorso altalenante fatto di illusioni e false speranze.

Gli Europei 2024 del Belgio: una strada ancora da tracciare

Le premesse, per questo Europeo, sono molto alte. Il Belgio non può permettersi – secondo molti – passi falsi, nonostante le ultime uscite non siano state delle migliori. La gara di apertura contro la Slovacchia è stata persa 0-1, a pareggiare i conti il successo per 2-0 contro la Romania. Allo stato attuale il Belgio lotta per un posto nel Gruppo E, con tutte le squadre a quota 3 punti. Il match di domani (26 Giugno) contro l’Ucraina, alle ore 18:00, deciderà il destino belga.

De-Winter-Belgio-U21-e1681052873713 Europei 2024: ma il Belgio è davvero così forte?

Gli accoppiamenti per il Belgio sarebbero molteplici, poiché passando come terzo si ritroverebbe una delle big europee, più agevole invece il percorso se dovesse qualificarsi come prima o come seconda.

Ancora una volta, nonostante una rosa di altissimo livello (basti pensare a Courtois, De Bruyne, Witsel, Doku e Lukaku), la strada è ancora da tracciare. In attesa, dunque, di scoprire il futuro dei ragazzi di Domenico Tedesco, il quesito rimane uno: ma il Belgio è davvero così forte?

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui