Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

0

Come ogni giovedì, torna anche oggi “Giovani promesse”, la rubrica di 11contro11.it dedicata ai talenti emergenti del calcio italiano ed internazionale: il giocatore oggi sotto la lente di ingrandimento è Arijon Ibrahimović, centrocampista offensivo tedesco del Bayern Monaco attualmente in prestito al Frosinone. Il giovane è stato inserito dal quotidiano “The Guardian” nella lista dei migliori giocatori al mondo nati nel suo anno, ed è stato il classe 2005 a segnare un gol in Serie A.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Giovani promesse: la storia di Arijon Ibrahimović

Ibrahimović – che, nonostante l’ingombrante cognome, non ha nessun legame di parentela con lo svedese Zlatan – nasce a Norimberga da genitori kosovari l’11 dicembre 2005. Arijon muove i suoi primi passi da calciatore nelle giovanili del Greuther Fürth. Nel 2014, all’età di 9 anni, passa al FC Norimberga, la squadra più importante della sua città natale, dove continua la sua crescita per 4 stagioni, facendo parlare molto bene di sé.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Nel 2018 gli osservatori del Bayern Monaco lo portano nel settore giovanile dei Roten. Il giovane esordisce con l’Under-17 dei bavaresi a soli 14 anni, segnando 2 gol e 3 assist in 5 presenze nella stagione 2020/21, poi interrotta a causa della pandemia di Covid-19. Nonostante nel dicembre 2021 abbia solo 16 primavere sulle spalle, quello stesso anno viene promosso nella squadra Under-19 del club. Nel 2022/23 Ibrahimovic continua a stupire, segnando 13 gol in 11 partite con l’Under-19 e collezionando altre 9 presenze con le riserve del Bayern, in cui mette a referto 3 gol e 4 assist. In questo periodo, Arijon comincia ad allenarsi stabilmente con la prima squadra sotto la guida di Julian Nagelsmann, ma è Thomas Tuchel che lo fa esordire in Prima Squadra l’11 febbraio 2023, nel corso della partita vinta 3-0 contro il Bochum. Egli è diventato così il 2º esordiente più giovane nella storia del Bayern dopo Paul Wanner.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Il 17 gennaio 2023 Ibrahimović ha firmato il suo primo contratto da professionista con i bavaresi fino al 2025. Tuttavia, nel corso del mercato estivo al termine della stagione, la dirigenza ha deciso di cederlo in prestito gratuito con diritto di riscatto al Frosinone sino al giugno 2024, riservandosi la possibilità di contro-riscattarlo sia l’anno prossimo che nel 2025. Fra Serie A e Coppa Italia, Arijon Ibrahimović ha finora messo a segno 2 gol e 1 assist in 10 presenze, conquistandosi sempre più spazio nelle gerarchie di Di Francesco nel corso delle ultime gare.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Giovani promesse: le caratteristiche tecniche di Arijon Ibrahimović

Alto 1,76 m per un peso di 71 kg, Arijon Ibrahimović è un centrocampista che ama giocare all’altezza della trequarti offensiva, anche se non disdegna la fase di non possesso. Questo gli ha consentito di ricoprire diversi ruoli nel corso della sua (ancora breve) carriera: anche se la posizione in cui ha agito di più è stata quella di ala sinistra, molti allenatori l’hanno utilizzato anche a destra, da trequartista puro, o perfino come centrocampista centrale. Il suo punti di forza maggiore risiede indubbiamente nella sua qualità tecnica, che, abbinata ad una discreta agilità e ad un dribbling sopraffino, lo rende un esterno perfetto per il calcio moderno.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Ottima è la sua capacità di battere i calci piazzati con il destro, piede con cui riesce ad essere estremamente preciso anche nei passaggi (brevi o lunghi) e nei tiri dalla distanza. Il controllo palla nello stretto e la pulizia nel primo tocco lo rendono un giocatore particolarmente adatto alla rifinitura dell’azione e all’assist per i compagni di squadra. Come detto, è prezioso anche in fase di interdizione, dal momento che spesso riesce ad aiutare la squadra nel recupero palla con interventi precisi e decisi: questa caratteristica l’ha spesso fatto accostare ad un giocatore come Leon Goretzka.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Il futuro di Arijon Ibrahimović

Attualmente, Ibrahimović è di proprietà del Bayern Monaco e si trova in prestito annuale gratuito al Frosinone. I ciociari potrebbero decidere di riscattarlo per 3,5 mln € il prossimo giugno, con un’opzione per un eventuale contro-riscatto in favore del Bayern fissata a 11 mln €. Inoltre, die Roten potrebbero decidere di riportarlo in Baviera anche nel 2025, sborsando però 15 mln €. Date queste premesse, è inevitabile che il destino di Arijon sia legato alle prestazioni che fornirà con il Frosinone nel prosieguo di questa (ed eventualmente della prossima) stagione. Qualora dovesse convincere appieno i dirigenti del Bayern ad investire su di lui, il suo futuro sarà perciò sicuramente con la maglia del club più importante di Germania.

Giovani promesse: Arijon Ibrahimović, nomen omen

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui