Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

0

“Giovani promesse”, la rubrica di 11contro11 dedicata ai talenti del calcio italiano e internazionale, torna puntuale come ogni giovedì: il calciatore analizzato oggi sarà Michael Olabode Kayode, terzino destro italiano classe 2004 di proprietà della Fiorentina che ha debuttato quest’anno in Serie A.

Giovani promesse: la storia di Michael Kayode

Michael Kayode è nato il 10 luglio 2004 a Borgomanero, comune piemontese in provincia di Novara, da genitori di origine nigeriana (nazione della quale il giovane detiene la cittadinanza). Sin da piccolo si appassiona al calcio e a 10 anni entra nelle giovanili del club più prestigioso della zona: la Juventus. Tra le file bianconere Kayode rimane fino al 2018, anno in cui viene scartato dal club piemontese. Nonostante questo passo falso, che potrebbe comprometterne la carriera ad alti livelli, il giovane non si dà per vinto e decide di passare (prima in prestito e poi a titolo definitivo) al Gozzano, squadra piemontese che milita in Serie D.

Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

Il debutto in Prima Squadra arriva a 16 anni, l’11 ottobre 2020, nella gara casalinga di campionato persa contro la Sanremese (1-2). Meno di un mese più tardi, il 1º novembre 2020, Michael mette a segno la 1ª rete assoluta di un classe 2004 in Serie D. Essa, peraltro, si rivela decisiva per la vittoria contro la Castellanzese (1-0). La stagione 2020/21 di Kayode va in crescendo: ben presto il giovane conquista il posto da titolare indiscusso sull’out di destra, mettendo a referto anche un altro gol e 2 assist. Le prestazioni convincenti di Kayode con il Gozzano inducono ben presto la Fiorentina a mettere gli occhi sull’ex Juve, e al termine della stagione viene completato il trasferimento in viola.

Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

Nonostante la giovane età, il club toscano lo inserisce subito nella propria formazione Primavera, dove Kayode milita sia nel corso della stagione 2021/22, che in quella successiva. In 2 anni, Michael gioca 75 partite nelle giovanili viola realizzando complessivamente 6 gol e 5 assist in tutte le competizioni e vincendo 1 Coppa Italia Primavera (nel 2021/22) e 2 Supercoppe Primavera. Nel corso della passata stagione, inoltre, Vincenzo Italiano inizia a convocarlo in Prima Squadra per alcune partite di Serie A e Coppa Italia, senza però farlo mai scendere in campo. Per l’agognato esordio tra i professionisti, infatti, Kayode deve attendere l’inizio della stagione 2023/24. Ed è stato proprio nella partita di debutto della Fiorentina nell’attuale edizione della Serie A, contro il Genoa (partita che i gigliati hanno vinto 4-0), che il tecnico ha deciso di farlo esordire dal 1′. Sinora, Kayode ha giocato 6 partite in campionato (tutte da titolare) e 3 in UEFA Conference League, mettendo a referto 1 assist contro il Cagliari.

Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

Kayode ha vestito la maglia azzurra a partire dall’Under-18, con cui ha collezionato 4 presenze. Con l’Under-19, invece, il giovane ha giocato ben 12 gare tra amichevoli, partite di qualificazione all’Europeo U-19 e fasi finali di quest’ultimo, disputate la scorsa estate a Malta. La 1ª rete di Kayode con la Nazionale italiana, è arrivata curiosamente proprio nella finale disputata contro il Portogallo, e ha regalato agli azzurrini la vittoria (1-0). Con l’Under-21 allenata da Carmine Nunziata, invece, Michael ha esordito nei minuti finali della vittoria contro la Norvegia (2-0), disputata nell’ambito delle qualificazioni ai prossimi Europei.

Le caratteristiche tecniche di Michael Kayode

Il ruolo in cui Kayode viene abitualmente schierato è quello di terzino o centrocampista laterale destro, anche se in passato è stato schierato in diverse occasioni anche sull’out di sinistra e – all’occorrenza – da difensore centrale. Il suo piede preferito è il destro, è alto 1,79 m e pesa circa 70 kg. Le sue lunghe leve gli consentono di fare dell’allungo in campo aperto (con o senza palla) uno dei suoi principali punti di forza, anche se Kayode ha dimostrato più volte di essere parecchio reattivo e rapido pure negli spazi stretti. Difensivamente, Kayode è un giocatore molto ordinato, che raramente commette sbavature in chiusura o errori di posizionamento. La sua fisicità risulta spesso decisiva nei contrasti e i suoi ripiegamenti sono utilissimi per il recupero rapido della palla dopo un possesso perso.

Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

Benché somigli per certi versi a un giocatore come Dumfries (ad esempio nello stacco imperioso, che gli consente di essere sovente pericoloso di testa in zona gol, o nelle lunghissime rimesse laterali offensive), Michael condivide alcune caratteristiche nello stile di gioco anche con Cuadrado. Come il giocatore colombiano, infatti, anche il classe 2004 è in grado di puntare e superare i difensori avversari palla al piede, per poi servire i compagni con cross o (non di rado) rientrare sul sinistro per calciare. Un fondamentale su cui forse Kayode può ancora migliorare è invece la precisione e la pericolosità dei propri traversoni, che a volte risultano piuttosto lenti e facilmente leggibili per gli avversari.

Giovani promesse: il futuro di Michael Kayode

Nonostante il giovane abbia saltato le ultime 4 partite della Fiorentina per una distorsione alla caviglia occorsagli in occasione della partita di Conference League contro il Čukarički, la sensazione generale è che il cammino di Kayode nel calcio dei grandi sia appena cominciato. Quella che doveva essere una stagione da comprimario, si sta rivelando per il classe 2004 quella della consacrazione, anche grazie al grave infortunio al legamento crociato subito dal terzino destro subito da Dodô (che doveva essere il titolare in quel ruolo ad inizio stagione).

Forte del contratto firmato da Kayode sino al 30 giugno 2028 (con opzione di rinnovo per 1 altro anno alla scadenza), la Fiorentina potrà godersi il suo talento riscoperto ancora per parecchio tempo, a meno che club prestigiosi (italiani e – perchè no? – anche europei) non bussino alla corte di Rocco Commisso con offerte importanti. Attualmente, però, non si segnalano rumors di mercato rilevanti legati al terzino, che vede i suoi interessi tutelati dalla Vigo Global Sport Services Srl. Il valore di mercato di Kayode, che sino alla scorsa sessione di mercato si attestava intorno agli 800.000 €, in virtù delle sue ottime prestazioni da inizio stagione ad ora è lievitato (secondo il noto sito transfermarkt.it) sino a toccare la quota dei 5 mln €.

Giovani promesse: la rinascita di Michael Kayode

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui