Gli effetti della Superlega: rinviata Manchester United-Liverpool

0

Il big-match della 34° giornata di Premier League non è andato in scena. L’attesa era molta, le aspettative alle stelle ed il fischio d’inizio era previsto per le 17:30. Fischio che però non è mai arrivato. Infatti la partita Manchester United–Liverpool è stata rinviata a causa dell’invasione dei tifosi dei Red Devils all’interno dell’Old Trafford. L’irruzione nel rettangolo di gioco rappresenta un segno di protesta tangibile e di grande impatto. Una vera e propria presa di potere. Una polemica, dai toni particolarmente accesi, rivolta alla proprietà della famiglia Glazer. Oggetto della critica, la tanto discussa Superlega, progetto che fa ancora parlare di sé e che ha indirettamente fatto sì che Manchester United-Liverpool fosse rinviata.

Un effetto collaterale di una proposta rigettata con disprezzo dai tifosi di mezza Europa. E che continua con i propri strascichi a condizionare in un modo o nell’altro il mondo del calcio, anche piuttosto concretamente. Quello di oggi ne è un esempio molto forte ed emblematico.

Gli effetti della Superlega: rinviata Manchester United-Liverpool

La Superlega causa del rinvio di Manchester United-Liverpool

Considerata la situazione, la Premier League non ha potuto far altro che rinviare la partita. Subito dopo i Red Devils hanno preso posizione con un comunicato apparso sul sito ufficiale: “I nostri fan sono appassionati del Manchester United e riconosciamo completamente il diritto alla libertà di espressione e alla protesta pacifica. Tuttavia, ci rammarichiamo per l’interruzione della squadra e le azioni che hanno messo in pericolo altri tifosi, il personale e la polizia. Ringraziamo le forze dell’ordine per il loro supporto e le assisteremo in eventuali indagini successive”. Insomma, un evento sorprendente, destabilizzante sotto qualche punto di vista, che induce a più di una riflessione. Un progetto dalla portata rivoluzionaria che sembra essersi dissolto nel nulla, e che invece continua a generare polemiche e critiche. La Superlega ha indirettamente fatto in modo che Manchester United-Liverpool fosse rinviata. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui