Gosens può tornare in Serie A: sul tedesco Bologna e Torino

0

Dopo una sola stagione all’estero nella sua Germania, anche per prendersi una maglia in vista degli Europei casalinghi, Robin Gosens potrebbe tornare in Serie A: su di lui c’è infatti l’interesse di Bologna e Torino

L’annata all’Union Berlino, si sta rivelando assai proficua per l’esterno tedesco, arrivato già a 6 reti in 23 presenze in Bundesliga. Però le difficoltà del club tedesco, potrebbero appunto riportare Gosens in Italia, nella sua seconda casa calcistica. 

Gosens può tornare in Serie A: sul tedesco Bologna e Torino

Ad oggi tutte le ipotesi sono premature, e molto dipenderà dal finale di stagione, e magari da una positiva esperienza agli Europei. Al tempo stesso vediamo nel paragrafo qui sotto le due opzioni italiane sul futuro di Robin Gosens, e quale potrebbe essere la sua scelta finale. 

Gosens: in caso di ritorno in Serie A quale destinazione è più idonea tra Torino e Bologna?

In caso Robin Gosens decida effettivamente di tornare in Serie A, e le opzioni fossero solo quelle di Torino e Bologna, la scelta potrebbe dipendere da alcuni fattori. Tra questi senza dubbio il modulo delle due squadre, gli allenatori, la presenza in una qualche competizione europea. 

Vediamo dunque punto per punto quale potrebbe essere la scelta più indicata per l’esterno ex Atalanta ed Inter. Rimanendo nella situazione attuale le due panchine, col Torino affidato alla guida di Ivan Juric, e il Bologna nelle sapienti mani di Thiago Motta, il modulo più indicato per Gosens è quello del tecnico dei granata

Juric infatti schiera i suoi uomini col 3-5-2 o 3-4-1-2, entrambi moduli dove Gosens potrebbe esprimersi al massimo del suo potenziale agendo a tutta fascia. Sulla corsia di sinistra infatti, sarebbe libero di sprintare e sprigionare tutta la sua potenza e capacità di inserimento. 

Gosens può tornare in Serie A: sul tedesco Bologna e Torino

Questo sembra essere l’unico punto a favore della società di Cairo ad oggi. Il Bologna infatti potrebbe offrire al tedesco la vetrina europea, difficile stabilire in quale competizione con certezza, ma è probabile che i felsinei la prossima stagione giochino in Europa. Questo punto dunque, è nettamente a favore del club emiliano.

L’altro fattore, forse decisivo, che pende dal lato del Bologna è la presenza di Sartori. Il direttore dell’aerea tecnica degli emiliani, in passato ha ricoperto lo stesso ruolo all’Atalanta, ed è lui che ha portato Gosens in Italia. Ecco, dunque, che il rapporto tra i due potrebbe aprire un canale preferenziale per i felsinei

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui