Harry Kane e la “maledizione” che può colpire il Bayern Monaco

0

Harry Kane è uno dei centravanti più forti d’Europa da almeno 7/8 stagioni, eppure sull’attaccante inglese sembra esserci una sorta di maledizione che neanche l’arrivo al Bayern Monaco pare in grado di spezzare, per ora.

Si parla del fatto che, nonostante i molti premi individuali, per il centravanti dei tre leoni in carriera non sia ancora arrivato un trofeo tra club e nazionale. Sono infatti moltissimi i secondi posti collezionati, in varie competizioni, ma Kane a 30 anni è incredibilmente ancora fermo a zero titoli vinti in carriera. 

Harry Kane e la "maledizione" che può colpire il Bayern Monaco

L’arrivo in Baviera è subito sembrato il luogo giusto per aprire la bacheca, ma anche in Germania la stagione non sta andando bene.

Il club tedesco infatti, dall’arrivo del centravanti ex Tottenham ha perso la Supercoppa di Germania. Inoltre è stato eliminato della D-Pokal dal Saarbrucken, e si trova ad inseguire a 5 punti di distanza il Bayer Leverkusen in campionato.

Come se non bastasse anche in Champions League, dopo la sconfitta per 1-0 a Roma contro la Lazio il cammino è impervio. Insomma la casella titoli ferma a quota zero potrebbe non muoversi anche in questa stagione, anche se le possibilità ci sono ancora. Vediamole nel prossimo paragrafo. 

Harry Kane e la maledizione zero titoli: ecco le possibilità per vincere già in questa stagione

Non tutto è comunque perduto per Kane. Infatti, la corazzata bavarese insegue a 5 punti di distacco il Leverkusen, e la rimonta in campionato non è impossibile. Certo, per concretizzarla occorre un cambio di marcia senza più battute d’arresto da qui a fine stagione. 

Lo stesso che in qualche modo serve anche in Europa, per rimontare la Lazio e provare a vincere la Coppa dalle Grandi Orecchie, solo sfiorata ai tempi del Tottenham. 

In queste ore in casa Bayern si sta riflettendo sulla posizione di Tuchel, da molti ritenuto responsabile di questa stagione fin qui fallimentare. Polemiche anche nello spogliatoio tra senatori, e sconfitte pesanti in serie, fanno pensare che forse un’esonero potrebbe servire per dare una scossa. Ora o mai più viene da dire però. 

Harry Kane e la "maledizione" che può colpire il Bayern Monaco

Infine Kane, potrebbe comunque concludere la stagione in maniera positiva con la sua Inghilterra. La nazionale inglese infatti, dopo la finale persa contro gli azzurri in casa a Wembley, si presentano in Germania nella ristretta lista di favorite per la vittoria finale. 

Le chance ci sono ancora tutte per risollevare la stagione da parte dell’uragano inglese, così soprannominato dai tifosi, però occorre un cambio di marcia. Anche da parte sua, nonostante i 28 gol segnati finora con la maglia del Bayern Monaco.  

Decisivo solo quando le sfide non valgono titoli?

Ad un centravanti da più di 300 reti in carriera si può rimproverare poco. Però, c’è da dire che Kane, quasi mai è decisivo nei momenti chiave delle competizioni. 

Quando il pallone scotta infatti, il centravanti inglese non incide. In occasione della finale di Champions League tra Tottenham e Liverpool, il suo nome nel tabellino dei marcatori non c’è, cosi come manca nella finale degli Europei a Wembley.

Vero che in quell’occasione ha segnato il rigore nella lotteria finale contro Donnarumma, però ci si aspettava di più. Così come pesa tantissimo l’errore dal dischetto contro la Francia nei mondiali di Qatar2022, che ha estromesso gli inglesi dalla competizione. 

Harry Kane e la "maledizione" che può colpire il Bayern Monaco

L’inglese infine, è stato un vero e proprio assente ingiustificato anche nelle ultime partite del Bayern, sia nella disfatta di Leverkusen sia nella sconfitta con la Lazio. Ecco dunque che quando il livello sale, Kane sembra soffrire forse proprio di questa maledizione degli zero trofei. 

Un centravanti di manovra come lui, oltre che un grandissimo bomber, non può essere giudicato solo dai titoli. Precisato questo però è appunto indubbio notare come nelle finali, e nelle gare chiave, spesso e volentieri non incide quanto dovrebbe. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui