Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino e della Prem’er-Liga russa

0
Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino e della Prem’er-Liga russa

24 febbraio 2022. Una data che coincide con il terribile scoppio della guerra in Ucraina. Una guerra avviata già otto anni prima per le questioni riguardanti l’annessione illegale della Crimea e l’intervento in Donbass da parte dell’esercito russo, e sfociata con l’invasione di questo territorio. Inutile ricordare le innumerevoli ripercussioni di un conflitto della portata tale da causare migliaia di morti e centinaia di feriti. Ad avere conseguenze -seppur in seconda parte- è stato anche lo sport, e in particolar modo il calcio costretto ad uno stop forzato in terra Ucraina. Ripercussioni ci sono state, in realtà, anche nella Russia invaditrice sanzionata pesantemente da FIFA e UEFA ed esclusa da tutte le competizioni internazionali. Una situazione assolutamente non semplice per il campionato ucraino patria negli ultimi anni di diversi talenti del calcio europeo. A pagarne le conseguenze, però, è anche una Prem’er-Liga in crescita nell’ultimo decennio sulle orme dell’attuale Saudi League, ed ora messa da parte.

Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino

Una stagione giunta oramai ai titoli di coda quella della Premier League ucraina. Ad aggiudicarsi il titolo di campione è stato per il terzo anno di fila lo Shakhtar Donetsk vittorioso di misura nel big match contro la Dinamo Kiev grazie al rigore realizzato dal solito Sudakov. Un successo che ha permesso alla squadra guidata da Marino Pusic di alzare al cielo l’ambito trofeo dimostrando ancora una volta una netta superiorità. La compagine arancionera, inoltre, si è fatta valere anche in Coppa dei Campioni giocandosi fino all’ultimo il passaggio del turno in un girone di ferro con Barcellona, Porto e Anversa, per poi doversi arrendere ai playoff di Europa League contro il Marsiglia.

shakhtar-campione-ucraina Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino e della Prem'er-Liga russa

Inutili, invece, sono stati gli sforzi di una Dinamo Kiev già certa del passaggio ai preliminari della prossima Champions League. Questo nonostante la vena realizzativa del duo d’attacco composto da Vanat e Buyalski rispettivamente capo-cannonieri del campionato con 13 e 10 gol. Per il terzo anno di fila gli uomini di Oleksandr Shovkovskyi mancano l’appuntamento con il titolo malgrado una rosa di tutto rispetto formata da giocatori come Supryaga, Bushchan, e l’esperto Yarmolenko. Come in tutti i campionati che si rispettano, non sono mancate anche le rivelazioni. A sorprendere è stata l’annata del Kryvbas capace di strappare per la prima volta nella sua storia il pass per una competizione europea. La squadra guidata dall’ex allenatore dello Sheriff Yuriy Vernydub è riuscita a centrare una vera e propria impresa trascinata dai gol di Kozhushko e Zaderaka. Stagione travagliata quella dello Zorya Luhansk, vera sorpresa in negativo. Dopo aver fallito in Conference League arrivando soltanto terzi nel gruppo B, i bianconeri hanno deluso le aspettative anche in campionato. In ottava posizione, la squadra di Yuril Koval rischia seriamente di essere trascinata nel vortice dei play-out.

I migliori giocatori della stagione e la situazione a due giornate dalla fine

Se in cima alla classifica è già tutto abbastanza deciso con soltanto il Dnipro-1 costretto a difendere il quarto posto dalle pretendenti Rukj Lviv e Polissya, è nei bassifondi che diverse squadre si giocano la stagione. A serio rischio retrocessione in Perša Liha  sono Metalist e FC Minaj, rispettivamente ultima e penultima della classe, e a due punti di svantaggio dai piazzamenti play-out occupati da Veres Rivne e Obolon. In queste ultime due giornate, inoltre, a giocarsi la permanenza in massima serie sono ben cinque squadre oltre quelle già citate.

sudakov-1 Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino e della Prem'er-Liga russa

Una situazione che rende eccitante questa ultima parte di campionato ucraino. Un campionato che ha visto protagonisti diversi prospetti interessanti. Tra questi non può non essere menzionato Sudakov, già nel mirino di diversi top club europei, e considerato uno dei talenti più promettenti del calcio ucraino. Oltre al classe ’02, grande rilevanza la merita il coetaneo e centrocampista della Dinamo Volodymir Brazho, e l’attaccante panamense Eduardo Guerrero con 9 centri all’attivo in maglia Zorya. Uno dei migliori assist man del campionato, il giovane camerunense Yvan Dibango si è preso le luci della ribalta nella magica annata del FC Kryvbas, mentre chi si è distinto di più tra i pali sono stati Riznyk e Volynest, rispettivamente portieri dello Shakhtar e del Dnipro.

La Prem’er-Liga: un campionato ormai dimenticato

Pensando a qualche anno fa quando la Russia iniziava a porre le basi per diventare un campionato attraente grazie ai ricchi investimenti da parte di diversi oligarchi, ora la situazione è completamente cambiata. Dall’Anzhi capace di portare alla sua ricchissima corte stelle al tramonto della loro carriera come Roberto Carlos, Eto’o e Willian, passando per lo Zenit guidato prima da Mancini, e successivamente al titolo da Luciano Spalletti, e che ha visto transitare calciatori come Hulk, Paredes, Rosina, Marchisio e Criscito. Un vero e proprio esperimento fallito da parte della Prem’er-Liga, costretta dal 2022 a fare i conti con un conflitto che ha visto le sue squadre escluse dalle manifestazioni UEFA

Se in termini umanitari la Russia non ha patito danni al contrario dell’Ucraina in termini di civili, è in altri ambiti che le sanzioni da parte dei Paesi Occidenti tentano di metterla in ginocchio. Sanzioni attuate anche nel mondo dello sport individuale e di squadra. Sono infatti due anni che le squadre russe vengono escluse da qualsiasi competizione internazionale. Una punizione che ha spinto le società ad investire sempre meno soldi sul mercato rendendo il campionato russo meno attraente e poco valorizzato. 

Due giornate al termine della stagione: chi vincerà la Prem’er-Liga?

Una situazione completamente diversa quella della Prem’er-Liga rispetto al campionato ucraino. Se nell’ultimo la lotta al titolo è già decisa, in Russia sono ben quattro squadre a giocarsi una stagione a due giornate dal termine. Oltre alla capolista Dinamo Mosca a quota 53 punti, ad inseguire sono rispettivamente Zenit, Krasnodar e Lokomotiv Mosca. Se per gli ultimi le speranze sono veramente poche, le altre pretendenti sono in seria lotta per alzare al cielo il trofeo. Tutto aperto anche nelle ultime posizioni con ben sei squadre a giocarsi la permanenza in massima serie evitando i play-out o addirittura la retrocessione diretta.

dinamo-mosca Il calcio oltre la guerra: la situazione del campionato ucraino e della Prem'er-Liga russa

Tra i calciatori che si sono maggiormente distinti possiamo citare i bomber colombiani Cassierra e Córdoba, in forza rispettivamente allo Zenit e al Krasnodar, e il giovane centravanti della Dinamo Mosca Kostantin Tyukavin. La classifica dei migliori assist-man della stagione vede prevalere Glushenkov e il brasiliano Claudinho. Piuttosto deludente, invece, l’annata di Quincy Promes. L’attaccante olandese, infatti, è ancora al centro di diverse accuse per la sua vita privata. Dopo esser stato condannato per traffico di droga e per aver accoltellato il cugino, lo scorso marzo è stato arrestato a Dubai durante il ritiro con il suo Spartak Mosca, rischiando fino a nove anni di carcere. L’ultima partita ufficiale giocata dall’ex Ajax, infatti, risale al dicembre 2023 andando anche a segno nel netto successo ai danni del Krylya Sovetov.

Il calcio oltre la guerra, la situazione del campionato ucraino e della Prem’er-Liga russa: in attesa che tutto torni alla normalità

Se per il campionato russo l’unica vera grande sanzione ha rappresentato l’esclusione dalle coppe europee, sono comunque le squadre ucraine ad aver patito questo conflitto. Basti pensare allo stop forzato della stagione 2021/22, e alla situazione grottesca e surreale della passata annata vissuta con un costante timore di pericolo. Ne sono stati un esempio tutti gli stadi ancora rimasti e dotati di rifugi e sirene pronte a suonare in caso di bombardamento. Una situazione questa che ha portato a far giocare la Nazionale ucraina lontana dalla patria, alla BayArena di Leverkusen.

Ciononostante, il calcio ucraino è andato comunque avanti, sinonimo di come questo sport sia ancora portatore di sani valori e principi. Uno sport visto come una valvola di sfogo e come un modo per andare oltre il conflitto non solo per i calciatori, ma anche per il tifosi. Tifosi che malgrado la guerra, continuano a sostenere le proprie squadre rappresentando la grande forza di un Paese che non ha alcuna intenzione di arrendersi. Perché il calcio è anche questo: un simbolo di unione e di forza. Aspetti sui quali puntare per il futuro della Premier Liga ucraina e non solo. Aspetti che magari, potrebbero far rivedere affrontarsi sul rettangolo di gioco squadre ucraine e russe andando per 90′ oltre le dispute politiche e territoriali. Non sarà di certo il calcio a porre la parola fine su questa guerra, ma potrebbe bastare in minima parte per dare sollievo e spensieratezza ad un popolo in difficoltà. Per dare una pace che tutti quanti aspettiamo con ansia!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui