Il Manchester City vince la Premier League: l’Arsenal si arrende

0

Dopo un girone di ritorno composto da sole vittorie e tre pareggi, il Manchester City del tecnico Pep Guardiola è ancora una volta campione d’Inghilterra con 91 punti raggiunti in trentotto giornate: i Gunners dell’Arsenal hanno provato fino all’ultima partita, appena conclusa, a stare al passo dei Citizens (89 punti), mentre il Liverpool aveva già abbandonato da qualche settimana la bagarre alla conquista della Premier League.

Quello appena raggiunto dal centravanti Erling Haaland e compagni è il decimo titolo del campionato casalingo nella storia del club. Quindi ha certamente un sapore ancora più speciale rispetto agli altri. La vittoria per 3-1 nel proprio stadio contro il West Ham ha dato nelle mani del City l’ufficialità del trionfo. In un’annata che non sembrava essere iniziata agli stessi ritmi degli scorsi anni. In rete nel pomeriggio di festa a Manchester Phil Foden con una doppietta e il mediano spagnolo Rodri.

Manchester City da “10”: l’Arsenal molla il sogno Premier League sul più bello

A non condizionare la vittoria matematica in Premier League dell’incredibile ciurma di mister Guardiola targata Manchester City, per fortuna dei supporters di fede Citizen, c’è stata la vittoria negli ultimi minuti di gara nel match casalingo inanellata nel corso del pomeriggio odierno, domenica 19 maggio, dall’Arsenal contro un Everton stanziante nelle retrovie della classifica. Il 2-1 maturato al termine dei novanta minuti, con le reti dell’ex Bologna Takehiro Tomiyasu e di Kai Havertz a sessanta secondi dalla fine, non è stato abbastanza.

Per coloro che sono riusciti ad iscrivere il proprio nome nell’albo dei club capaci di raggiungere il tanto prestigioso “Triplete” la scorsa stagione, poi, si tratta della quarta Premier League consecutiva. Il percorso di puro dominio su territorio nazionale (e non solo) ha avuto inizio nel 2020. I protagonisti del bellissimo trionfo firmato Manchester City sono molteplici. A partire dal numero 9 e capocannoniere della competizione, Erling Haaland. Il norvegese ha trascinato il tecnico Pep Guardiola e tutti i propri compagni verso il decimo campionato della storia con le proprie 27 reti.

Numeri che difficilmente riescono a raggiungere i bomber di tutta Europa nel corso degli anni. Un enorme plauso, poi, deve essere fatto a Phil Foden. Non solo protagonista di una doppietta fondamentale nell’ultima giornata. Ma anche capace di rendersi utile all’offensiva dei suoi con un bottino di 19 gol e 8 assist. Dopo una stagione fatta per lo più da sacrifici e pesanti infortuni, poi, la stella di Kevin De Bruyne ha comunque brillato come non mai in Premier League. Il mediano Rodri ha dimostrato di essere uno dei centrocampisti più forti al mondo attualmente. Infine, un applauso al condottiero Guardiola. Capace di riscrivere la storia del Manchester City. Ancora una volta.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui