Il “pool dei saggi”: Gravina chiama i dirigenti della Serie A

0
Il “pool dei saggi”: Gravina chiama i dirigenti della Serie A

Dopo l’eliminazione dagli Europei adesso la pressione sale per Gabriele Gravina, presidente della FIGC, che ha convocherà alcuni dirigenti della Serie A. Ecco i nuovi dettagli emersi in giornata. 

Serie A, il pool di dirigenti convocato da Gravina

La missione mondiale 2026 è iniziata: Gabriele Gravina ha formato un pool formato dai dirigenti delle prime cinque squadre di Serie A. Quello che sarà chiamato “Pool dei saggi” è solo il primo atto di un progetto che il presidente porterà avanti per aiutare Luciano Spalletti e la Nazionale. I dirigenti chiamati al momento sono: Giuseppe Marotta, Cristiano Giuntoli, Giovanni Sartori e Pierpaolo Marino. Rispettivamente: il presidente dell’Inter e i direttori sportivi e tecnici di Juventus, Bologna e Atalanta. Sarà una commissione che man mano si allargherà con l’obbiettivo di avvicinare la Nazionale ai club in modo tale da risolvere la crisi del movimento.

Tra gli obbiettivi c’è quello di una maggiore attenzione dei vivai e l’utilizzo maggiore di calciatori italiani in Serie A. Una soprattutto sensibilizzare sui problemi della Nazionale. Valorizzare i nuovi talenti e creare dei campioni Made in Italy per tornare a competere, mentre si pensa a una figura dirigenziale a supporto della squadra. Intanto anche il ct Spalletti sarà autorizzato ad avere un maggiore contatto con i colleghi della Serie A, in modo tale da avere una situazione sotto controllo. Non sarà facile perchè ci sarà da comprendere anche gli interessi delle squadre di Serie A, ancora in crisi dal post Covid.

Al momento i club coinvolti sono quelli che saranno protagonisti nelle coppe europee, ma si attende l’ingresso del Milan, della Roma, della Lazio e anche del Napoli. L’idea è stata portata a concreto e annunciata già durante la conferenza stampa post Svizzera dal presidente federale. Lo stesso Gravina che intanto dovrà fare i conti con le imminenti elezioni. A novembre 2025 ci sarà da eleggere il presidente della FIGC e ancora non sappiamo se Gravina si ripresenterà. Molti sembrano “volere la sua testa”, ma occhio anche a possibili passi indietro. Adesso non ci sono più e vedremo se quest’ultima carta potrà salvare la faccia di un intero movimento.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui