Infortunio Correa: sospetto lungo stop per l’argentino

0

La preoccupazione deve aver assalito Simone Inzaghi. Nonostante la grandiosa vittoria della sua Inter nella gara con la Roma, ha visto uno dei suoi pupilli uscire in lacrime. L’infortunio ha colpito Joaquin Correa. Uno scatto palla al piede, un tentativo di dribbling per poi si è accascirsi a terra. Adesso Inzaghi dovrà fare a meno dell’attaccante che lo ha seguito dalla Lazio, definendolo l’allenatore perfetto per l’Inter. Oggi verranno eseguiti gli esami di rito, per scoprire quanto tempo l’argentino non sarà a disposizione. Tutti nello staff dei neroazzurri sperano in qualcosa di lieve, per ritrovare l’attaccante nei primi giorni del 2022.

Infortunio Correa: sospetto lungo stop per l'argentino
Correa a terra dopo un infortunio che lo ha costretto alla sostituzione. L’argentino salterà Madrid e non si è ancora certi del suo rientro.

La paura è che si tratti di uno stiramento muscolare. Paura che ha fatto uscire la punta con le lacrime a rigargli il viso. Probabilmente gli esami metteranno in evidenza un problema minore allo stiramento. Nonostante la piccola buona notizia, non vedremo Correa rientrare dall’infortunio prima dell’anno nuovo. Aggiungendo l’ennesima vittima di un calendario gonfio di impegni.

Come sopperire all’infortunio di Correa: le opzioni di Inzaghi

Un grattacapo non da poco per Simone Inzaghi. Il tecnico dell’Inter deve trovare in fretta una soluzione ad un contrattempo che proprio non ci voleva. Fortunatamente la rosa neroazzurra riesce a coprire l’assenza dell’argentino per qualche partita. A scapito però dell’integrità fisica dei titolari. Adesso sarà più difficile scegliere di far riposare Lautaro, Dzeko o Calhanoglu. L’argentino, grazie alla sua duttilità tattica, riusciva infatti ad essere il sostituto naturale dei tre nell’attacco dell’Inter.

Infortunio Correa: sospetto lungo stop per l'argentino
Bisognerà aspettare il prossimo anno per veder Correa festeggiare di nuovo una rete dopo il suo infortunio.

Le soluzioni a disposizione di Inzaghi in questo momento sono quasi obbligate. Una prevede il reintegro permanente di Sanchez tra i possibili titolari di ogni partita. Il Niño ha delle caratteristiche simili al Tucu e potrebbe essere un ottimo sostituto nelle sue giornate di forma. L’altra idea che si sta formando nella mente dell’allenatore dell’Inter sarebbe quella di provare Satriano da prima punta. L’uruguaiano potrà avere le sue chances da titolare già nelle prossime due di campionato, nelle quali l’Inter affronterà le ultime della classe: Cagliari e Salernitana. Di sicuro non sarà facile sostituire un calciatore tanto importante, 4 reti e 1 assist in appena 507 minuti giocati, nel delicato scacchiere di Simone.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui