Infortunio McKennie: la Juve perde un pezzo importante

0

Non c’è pace per Allegri e per la Juventus. Nonostante l’importantissima vittoria acciuffata all’ultimo momento utile, i bianconeri perdono Weston McKennie per infortunio. L’americano è dovuto uscire a partita quasi finita, a causa di una botta alla spalla al termine di un intervento difensivo decisivo. Una brutta notizia per tutto l’ambiente juventino per due motivi. Rabiot è dovuto uscire a metà del primo tempo di gioco sempre per infortunio e McKennie è uno dei più in forma in questo momento tra le fila della squadra. Suoi infatti i due assist che hanno permesso a Vlahovic prima un momentaneo vantaggio e poi il momentaneo pareggio in attesa della rete di Rugani. Nelle prossime giornate avremo dati più precisi sull’entità del danno alla sua spalla e su quando potrà tornare in campo.

Infortunio McKennie: la Juve perde un pezzo importante
Con l’infortunio di McKennie, la Juve perde il suo miglior assistman in stagione. L’americano ha fornito il passaggio decisivo ai compagni per 7 volte in 26 partite.

Chi al posto di McKennie dopo l’infortunio?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima pensare al ruolo e alla posizione occupata da McKennie in mezzo al campo. Nelle ultime partite era tornato al suo ruolo naturale, quello di interno di centrocampo, al fianco del regista. In questo caso il suo sostituto potrebbe essere uno tra Miretti e Nicolussi Caviglia. Ma solo se Allegri preferisce schierare Alcaraz come seconda punta o comunque nel reparto avanzato. Altrimenti il neo acquisto avrà la precedenza su tutti gli altri, soprattutto visto il piglio positivo di quando chiamato in causa. Se invece consideriamo McKennie un esterno, ruolo ricoperto per la maggiorparte della stagione, allora il suo “erede” naturale sarà uno tra Weah e un Cambiaso adattato sulla destra. L’esterno italiano sta giocando da qualche partita come out di destra ma i risultati non sono ancora incoraggianti. Chissà cosa inventerà Allegri in vista delle prossime uscite contro Napoli e Atalanta.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui