Infortunio Pellegri: il rossonero fuori dopo 15 minuti

0

Non terminano le sciagure in casa Milan. Dopo il gravissimo infortunio di Kjaer, è stato il turno di Pellegri. Un quarto d’ora. Tanto è durato il suo ritorno dal primo minuto in Serie A dopo 4 anni. La punta rossonera è uscita per un problema muscolare dopo appena 15 minuti nella sfida con la Salernitana, ancora in corso. Dopo un bello scatto palla al piede, l’attaccante si è accasciato a terra, chiedendo immediatamente il cambio. Complicato ora il lavoro di Pioli che, con anche Giroud fuori per infortunio, preferisce far entrare Krunic. Tenendo così al riposo Ibra, preservandolo per la importantissima partita contro il Liverpool in Champions. Si aspettano ora gli esami per capire l’entità dell’infortunio di Pellegri e per quanto tempo sarà indisponibile.

Infortunio Pellegri: il rossonero fuori dopo 15 minuti
Costretto ad uscire per infortunio Pietro Pellegri. Il suo ritorno da titolare in Serie A è durato un quarto d’ora scarso.

Nonostante la sua giovane età, questo non è il primo infortunio nella carriera di Pellegri. Già in stagione è stato costretto a saltare almeno 3 gare. Se si guarda anche agli anni del Monaco, il conto delle gare saltate aumenta vertiginosamente fino a quota 102. Il fisico della punta ligure è molto fragile e questo ha portato già il Milan a pensare di non trattenerlo in rosa. Voci di corridoio parlavano di un Torino molto interessato a portare Pellegri alla corte di Juric.

Milan, problema punte: l’infortunio di Pellegri nel momento peggiore

Con Giroud out a tempo indeterminato e Rebic fuori almeno fino al Napoli , l’infortunio di Pellegri complica moltissimo le opzioni di Pioli per il futuro prossimo. L’unica punta a disposizione del tecnico rossonero rimane il solo Zlatan Ibrahimovic. Oltre allo svedese, Pioli può provare con Leao schierato nei due davanti. L’unica altra possibilità è passare all’attacco a 3. Per le prossime giornate di campionato, il Milan potrebbe scendere in campo con il portoghese e Saelemaekers ad agire sulle fasce, lasciando Ibra a raccogliere al centro. Oltre alle 3 punte, il Milan si ritrova con l’infermeria già piena. Tra gli indisponibili sono presenti: Samu Castillejo fuori per un problema muscolare, Calabria out a causa di un problema al polpaccio. A loro si deve poi aggiungere il fresco infortunio di Kjaer. Il danese, dopo la rottura del crociato, dovrà rimanere fuori fino a fine stagione.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui