Inter-Atalanta (4-0), Percassi: «Episodio del rigore scandaloso»

0

Se l’Inter fa festa in grande per l’ennesima vittoria, per l’Atalanta è notte fonda e a metterci la faccia ci pensa l’ad Percarssi. Una squadra che oggi viene spiazzata e tramortita dalla potenza nerazzurra, a cui non è bastato un super Carnesecchi. Nel finale di partita il tecnico dei bergamaschi non è stato mandato dalla società a parlare, ma ha parlato l’ad Luca Percassi. Non sono mancate polemiche sull’arbitraggio per due episodi da moviola.

Percassi su Inter-Atalanta (4-0): «Il gol era regolare, non tocca il braccio»

L’Atalanta finisce schiacciata sotto il domino nerazzurro al Meazza e probabilmente regala un pezzo di scudetto all’Inter. Una sconfitta inaspettata, visto l’ottimo periodo degli uomini di Gasperini, ma che probabilmente farà riflettere. Non è bastata l’ennesima ottima prestazione di Carnesecchi per salvare la dea dai colpi di Darmian, Lautaro, Dimarco e Frattesi; intanto la testa va all’impegno prossimo contro il Bologna di Thiago Motta. Nel post gara l’amministratore delegato bergamasco Percassi ha commentato la sconfitta del Meazza.

Tema principale le critiche all’arbitraggio: «Diciamo che commentare una partita così è difficile. C’era di fronte una grande squadra e meritano di stare primi, quindi c’è solo da fargli i complimenti. Hanno dimostrato la grande qualità. C’è dispiacere per il risultato e secondo noi è determinato da alcune scelte arbitrali discutibili. Per noi sono stati fatti degli errori sia dall’arbitro che dal VAR. Il gol annullato a De Ketelaere è incomprensibile, nonostante ci siano moltissime immagini». Aggiunge in seguito: «Non sono qui per aprire un dibattito, ma solo per esprimere dispiacere. Secondo noi il gol era regolare. O almeno ci doveva essere un rigore a favore dell’Atalanta».

Sul rigore concesso all’Inter invece analizza: «Il rigore è un altro episodio clamoroso, tanto che nessuno allo stadio ha capito cosa stesse succedendo in quel momento. 7 o 8 minuti per capire qualcosa a cui il guardalinee aveva dato già un giudizio».

In conclusione polemizza: «Noi siamo dispiaciuti perché poteva essere una partita bellissima contro un grande avversario; mi ricongratulo nuovamente con l’Inter. È stata però condizionata da errori arbitrali a favore dell’Inter. Secondo noi nel gol di De Ketelaere non c’era fallo e nemmeno il tocco. Poi la VAR ha creato il potere di giudicare qualcosa di oggettivo. Penso sia semplicissimo, perché è Bastoni che tocca la palla. Non interpretiamo episodi che sono chiari».

Sulla prossima partita contro il Bologna invece ha parlato così: «Ho ribadito anche prima ai ragazzi che ci sono tante partite e che l’obbiettivo è raggiungibile. Partita dopo partita dobbiamo ottenere il meglio».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui