Inter-Juventus (1-0): i top e flop del match

0

L’Inter si è aggiudicata il Derby d’Italia della 23a giornata di Serie A vincendo per 1-0, compiendo un passo importante verso la corsa al titolo e alla seconda stella. Gara di sostanza per i nerazzurri, che hanno capitalizzato la deviazione di Gatti su tocco di Thuram e hanno sfiorato il raddoppio costringendo Szczesny agli straordinari. Troppo debole la reazione bianconera, deludente dal punto di vista del gioco e delle occasoni da rete. Quali sono stati i top e flop di Inter-Juventus? Scopriamoli insieme. 

Inter-Juventus: i top del match

Benjamin Pavard: il francese si è molto ben comportato da braccetto di destra, arginando le avanzate di Kostic e Yildiz. Grande supporto inoltre alla manovra offensiva, con la pennellata per l’inserimento vincente di Thuram. Esperienza a servizio della squadra per il campione del mondo 2018.

Henrikh Mkhitaryan: l’armeno si è distinto non tanto per la fase d’attacco, quanto in quella di interdizione. Sacrificio, recupero palla e conduzione della manovra, a 35 anni suonati risulta ancora fondamentale.

Wojciech Szczesny: se la Juventus rimane a galla sino al termine del match, lo deve anche all’estremo difensore polacco. Due super interventi salva-risultato su Barella e Arnautovic, una delle certezze bianconere in stagione.

Inter-Juventus: i flop del match

Dusan Vlahovic: continua la maledizione per il serbo, che non ha mai segnato al Giuseppe Meazza. Non sfata il mito e di fatto si isola dal match. Una sforbiciata alta nella ripresa e un pallone controllato male che avrebbe potuto sovvertire gli esiti del match nella prima frazione. 

Federico Gatti: indubbiamente sfortunato nella sporcatura sul tocco di Thuram, ma è anche vero che arriva in ritardo e non chiude con tempestività. Prova a rifarsi con un bel tiro da fuori, ma non è abbastanza per redimersi. Un posizionamento che incide in negativo sul giudizio finale.

Manuel Locatelli: il numero 5 non ha confermato le sue buone prestazioni da regista, giocando a ritmi compassati e senza riuscire a dettare tempi di gioco. A causa della grande pressione avversaria non riesce ad essere preciso e la manovra corale ne risente.

Quali sono stati, secondo voi, i top e flop di Inter-Juventus?

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui