Inter-Juventus, chi s’è contraddistinto prima di Lautaro e Vlahovic?

0

Il mese di febbraio non smette d’appassionare i tifosi, anche grazie allo strascico della sessione estiva di calciomercato. Tramite prestiti, acquisti e cessioni il volto delle migliori società è totalmente cambiato, raggiungendo finalmente l’assetto definitivo tanto agognato da sfoggiare all’interno dell’ambito rettangolo verde.  Dunque ad attirare l’attenzione dei supporters, vi è anche la preparazione e gli allenamenti mirati dei calciatori per le prime partite della Serie A 2023/2024. Tra le partite più attese vi è il derby tra Inter e Juventus, ma chi ha brillato prima del mitico duo composto da Lautaro e Vlahovic? Scopriamolo insieme.

Inter-Juventus, chi ha brillato prima di Lautaro e Vlahovic?

Ad investire, con l’intensità del vento gelido, i migliori club della prima divisione del campionato è stata senza dubbio la sessione invernale di calciomercato. Quest’ultima ha smussato gli angoli di squadre sbilanciate in uno dei settori chiavi per aggiudicarsi la vittoria. In seguito alle ultime trattative le idee degli allenatori e dei direttori sportivi hanno preso finalmente forma e a sancito il nuovo volto del team sono state le firme delle new entry. Concluso tale capitolo ad emozionare gli appassionati di calcio, è anche il derby tra Inter e Juventus. L’undici allenato dal mister Massimiliano Allegri solcherà la soglia dello stadio Giuseppe Meazza oggi, domenica 4 febbraio, intorno alle 20:45.

Inter-Juventus, chi s’è contraddistinto prima di Lautaro e Vlahovic?

Lo sport più amato dal Bel Paese ci delizia da tantissimi anni e proprio in occasione del confronto tra meneghini e torinesi, nel corso del tempo, hanno brillato molteplici calciatori. Prima di Lautaro e Vlahovic a svoltare il match sono stati talenti inespressi, gregari e fuoriclasse. A dare una svolta alla propria carriera calcistica, è stato Zdenek Grygera. Infatti il centrale originario di Prilepy ha firmato il terzo goal  con la maglia bianconera, proprio durante il derby d’Italia del 2009, ai tempi in cui il Biscione era sotto il controllo dell’allenatore Jose Mourinho. Inoltre, proseguendo il breve ma inteso viaggio nel tempo, è inevitabile citare il centro di Bobo Gori avvenuto l’8 maggio 1977. Tale realizzazione ha fatto svettare la Vecchia Signora in classifica.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui