Inter-Lazio (3-1), Inzaghi: «Dopo il rigore la gara è cambiata»

0

La Lazio di Inzaghi viene fermata da un’Inter scatenata. I biancocelesti perdono 3-1 e perdono la preziosa occasione di piazzarsi al terzo posto a pari punti con la Roma. I biancocelesti rimangono dunque a 40 punti.

Inter-Lazio (3-1), Inzaghi: «C’è grande rammarico»

Dopo la partita il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi rilascia le consuete dichiarazioni. In primis fa presente il rammarico per la sconfitta: «C’è rammarico perché potevamo ottenere di più. Sapevamo che l’Inter avrebbe potuto fare la partita che è stata. Abbiamo tenuto bene il campo e il possesso, ma il risultato del tre a uno dà rammarico. Ci siamo innervositi troppo, può capitare un rigore così, dovevamo andare avanti a giocare. Abbiamo tenuto bene il campo, loro sono stati bravi a difendersi bassi, poi ho provato a mettere fisicità perché non trovavamo spazi. Una volta riaperta, ma non dovevamo prendere il terzo gol. La squadra ha fatto una buona gara, ma dovevamo ottenere di più».

Continua con qualche commento sulla gara: «Hoedt era ammonito e pensavo che in qualche ripartenza potevo rimanere in dieci, mentre Leiva ha fatto la sua gara. Lukaku? È un giocatore di grande fisicità e lo abbiamo provato con Acerbi, ma l’indisponibilità di Radu ha fatto cambiare la sua posizione. Purtroppo non potevamo rinunciare a giocare a San Siro perché non è nel nostro piano partita. Hoedt e poi Parolo al centro hanno fatto una buona gara contro un giocatore come Lukaku molto forte».

Inzaghi: «I ragazzi sono amareggiati»

Infine descrive le attuali sensazioni dei suoi giocatori: «I ragazzi sono delusi e amareggiati perché sul rigore l’arbitro è andato dritto sul dischetto. L’arbitro è stato troppo deciso nell’indirizzare la partita dopo venticinque minuti. All’intervallo ho spiegato che rivisto venti volte. Avrei voluto il VAR, avrei voluto prendere un terzo gol su una ripartenza e non dopo una partita indirizzata dal rigore. Volevo tenere Lukaku e Lautaro lontani dall’area ed ora venivamo da sei vittorie consecutive. Stasera abbiamo approcciato bene la gara e dopo il rigore non abbiamo giocato con la stessa lucidità».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui