Inter, sconfitta e infortunio per Lautaro Martinez: paura per il “Toro”

0

La giornata di calcio infrasettimanale di mercoledì 20 dicembre ha visto piovere sul bagnato, come si suol dire, in quello che è l’universo dell’Inter di mister Simone Inzaghi: infatti, oltre alla sconfitta per 1-2 ai tempi supplementari contro il Bologna nella sfida valevole per gli ottavi di finale di Coppa Italia, e la conseguente eliminazione prematura dal torneo, l’attaccante dei nerazzurri Lautaro Martinez si è trovato costretto ad abbandonare il campo per infortunio facendo preoccupare tutta la fetta di pubblico milanese circa le proprie condizioni fisiche. Il cosiddetto “Toro” ha abbandonato il terreno di gioco nel corso del primo tempo supplementare, al minuto 99, per fare spazio ad Henrikh Mkhitaryan. Andiamo ad analizzare cosa è successo al bomber e fuoriclasse argentino.

Per Lautaro Martinez c’è affaticamento: infortunio in vista di Inter-Lecce

A fare un quadro più completo circa le condizioni di Lautaro Martinez dopo l’infortunio rimediato nel corso della sfida di Coppa Italia tra Inter e Bologna ci ha pensato in prima persona il tecnico dei nerazzurri Simone Inzaghi nel corso della conferenza stampa post-partita. Dalle parole del mister risulta esserci una lieve preoccupazione riguardo l’utilizzo o meno del giocatore nella prossima sfida di Serie A contro il Lecce. Ciò che l’argentino ha riportato durante la gara persa 1-2 per mano dei rossoblù è stato un affaticamento alla coscia. Certamente non uno stop da prendere sottogamba, vista anche la necessità di farlo uscire dal campo con rapidità.

Tuttavia, anche se il fuoriclasse non dovesse prendere parte all’impegno di San Siro contro la compagina giallorossa dei leccesi potrebbe tornare in campo già nell’ultimissima partita di fine anno. Quella che vede i nerazzurri andare in casa del Genoa in data 29 dicembre per giocarsi la chance di continuare a dirigere la classifica. Per evitare che il problema di Lautaro Martinez sfoci in qualcosa di più delicato, le sue condizioni verranno valutate e trattate con estrema cura. Non si può mai essere tranquilli al 100% dopo uno stop del genere, soprattutto se avvenuto nel cuore di una partita.

Alla radice di tutto questo svolge un ruolo fondamentale un fatto in particolare. Ossia: come mai il numero 10 dell’Inter ha giocato per oltre 90 minuti negli ottavi di Coppa Italia contro il Bologna? Probabilmente l’allenatore Simone Inzaghi non aveva che avrebbe avuto bisogno costante del calciatore. La sfida con i rossoblù però faticava a sbloccarsi, complice anche un errore dal dischetto proprio del “Toro”. Motivo per il mister ex Lazio ha avuto quasi l’obbligo di trattenere in campo un attaccante dalle sue qualità e numeri.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui