Inzaghi chiama, Zhang si tutela: la situazione Eriksen

0

Dalle parti di corso Vittorio Emanuele II, nessuno ha mai smesso di pensare alla situazione Christian Eriksen. Scacciato il grande pericolo infatti, il suo nuovo allenatore si è mobilitato per averlo con sé già l’8 luglio, data che sancisce l’inizio della stagione dell’Inter di Inzaghi. Dall’altra parte, Steven Zhang può tirare un sospiro di sollievo dal punto di vista economico. Al momento dell’acquisto dal Tottenham, il patron cinese avrebbe stipulato un accordo assicurativo sul giocatore.

Inzaghi chiama: la situazione Eriksen

Dopo esser stato dimesso dall’ospedale Rigshospitalet di Copenhagen, il fantasista danese sarebbe stato subito contattato da Simone Inzaghi, pronto a guidare l’Inter. Un gesto che conferma non solo la vicinanza al giocatore, ma anche la sua importanza, essendo considerato un vero e proprio leader tecnico. L’appuntamento fissato dal nuovo commissario tecnico nerazzurro è l’8 luglio, data di inizio del ritiro del club meneghino. Lo conferma la Gazzetta dello Sport, secondo cui, il 10 della Danimarca, avrebbe risposto presente, dato che non ripartirà per raggiungere la propria Nazionale a Copenhagen. Un segnale forte e chiaro, Eriksen vuole fare di tutto per tornare in campo.

Inzaghi chiama, Zhang si tutela: la situazione Eriksen

Zhang si tutela: assicurazione sul danese

Pur non essendo uno dei primi pensieri in merito, il club nerazzurro si può consolare dal punto di vista finanziario sulla questione Eriksen. Di fondamentale importanza è l’assicurazione firmata dalla società di Zhang sul cartellino del giocatore. Accordo che permetterebbe all’Inter di tutelarsi economicamente, nella sciagurata opzione che il fenomeno danese non possa riprendere l’attività agonistica. A questo punto non resta che sperare, anche se le premesse non sono positive. Infatti, secondo le norme attualmente vigenti, nel caso in cui ad Eriksen venga impiantato un defibrillatore cutaneo, il giocatore non potrebbe proseguire la sua carriera in Italia.

Si attendono dunque aggiornamenti, così da capire come potrà evolversi la faccenda.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui