Italia-Albania: la probabile formazione di Spalletti e le novità sugli infortunati

0
Italia-Albania: la probabile formazione di Spalletti e le novità sugli infortunati

Il momento tanto atteso si avvicina sempre di più. Sta per iniziare il cammino Europeo degli Azzurri, chiamati a difendere con le unghie e con i denti il titolo conquistato in Inghilterra nel 2021. Sabato 15 giugno, al Signal Iduna Park di Dortmund, sarà il giorno dell’esordio per la Nazionale tricolore. Andrà in scena Italia-Albania: la probabile formazione di Spalletti e le novità sugli infortunati viaggiano di pari passo. Già, perché se da una parte, almeno fin qui, la sfortuna ha colpito maggiormente l’Olanda (che nel giro di poche ore ha perso per problemi fisici de Jong e Koopmeiners), anche i nostri ragazzi dovranno fare i conti con alcune situazioni non propriamente ottimali.

Proprio nella giornata di ieri, martedì 12 giugno, nella seduta d’allenamento in programma non sono apparsi al top Fagioli e Frattesi. Entrambi hanno lamentato dei lievi affaticamenti. Nulla di grave, ma è chiaro che andranno valutati con la massima attenzione in vista dell’esordio, onde evitare rischi peggiori. Resta in bilico, tra l’altro, anche Barella. Il centrocampista dell’Inter è ancora alle prese con l’acciacco muscolare al retto femorale della coscia destra e potrebbe risultare out (o al massimo in panchina) in Italia-Albania. Sarà dunque da capire, di fronte a queste tre circostanze tutt’altro che incoraggianti, come potrà cambiare la probabile formazione di Spalletti in vista della prima gara del girone.

Italia-Albania: la probabile formazione di Spalletti

Italia-Albania | Novità Buongiorno, occhio a Frattesi e Barella

La prima gara del girone B per l’Italia sarà quella contro l’Albania. Un’avversaria tutt’altro che da sottovalutare, considerando in ogni caso che vincere sarà l’unico risultato utile da ottenere, in vista dei confronti successivi contro due Big come Spagna e Croazia. Il CT Luciano Spalletti sa bene quanto sia importante iniziare con il piglio giusto e per questo motivo farà il possibile per affidarsi ai suoi uomini più in forma e allo schieramento che ispira maggiori garanzie. Su quest’ultimo punto, il 3-4-2-1 visto contro la Bosnia ha offerto spunti intriganti. Per tale motivo, con molta probabilità, si ripartirà proprio dallo stesso modulo. 

La certezza tra i pali è ovviamente Gigio Donnarumma: numero 1 sulle spalle e in netta pole su Vicario, che sarà il suo vice. Nel trio difensivo sale la candidatura di Darmian: così come avvenuto spesso anche all’Inter, l’ex Torino e Manchester United arretrerà il proprio raggio d’azione svolgendo il ruolo di centrale. Insieme a lui il compagno di club Bastoni, un autentico intoccabile in questa retroguardia. La novità sarà in mezzo tra i due, con Buongiorno che scalpita e può seriamente avere una chance di giocare titolare con i calciatori nerazzurri a suo supporto.

Per quanto riguarda il centrocampo, saranno da valutare le varie situazioni relative agli infortunati. Stando a quanto riferito da La Gazzetta dello Sport, gli acciacchi registrati nello scorso allenamento con protagonisti Fagioli e Frattesi non preoccupano più di tanto. Entrambi potrebbero riuscire a recuperare in tempo senza eccessivi problemi, anche se è chiaro che non andranno corsi rischi. Tra i due, è il secondo ad avere più possibilità di rientro immediato: filtrerebbe ottimismo, tanto da considerarlo anche in ballottaggio per una maglia dal primo minuto. Maggiori incognite, invece, relative alle condizioni di Barella. Il verdetto definitivo arriverà in prossimità della sfida, ma la mediana dell’Italia potrebbe davvero doverne fare a meno nel primo turno contro l’Albania.

Italia-Albania | Il ruolo di Pellegrini, certezze Chiesa e Scamacca

Salvo sorprese, sarà il 3-4-2-1 il modulo prediletto da Luciano Spalletti per l’esordio dell’Italia all’Europeo contro l’Albania. Definito il reparto difensivo, la linea a quattro del centrocampo, come noto, rischia di non avere tra i suoi protagonisti Nicolò Barella. Il centrocampista dell’Inter non è ancora al top e potrebbe non essere rischiato in questa prima giornata del torneo. Sarà di conseguenza intoccabile Jorginho, metronomo della squadra. Se relativamente alle corsie laterali Di Lorenzo e Dimarco saranno le due garanzie, si accende il dubbio su chi affiancherà il regista dell’Arsenal

Tutto in tal senso dipenderà da Frattesi. Se l’ex Sassuolo riuscirà a smaltire il lieve affaticamento accusato nella seduta d’allenamento di ieri, non è escluso che possa essere confermato tra i titolari sulla trequarti. D’altronde, oltre alla spiccata vena realizzativa ammirata contro la Bosnia, era apparso nell’ultima amichevole come uno degli uomini più in forma. Dal suo impiego dipenderà il ruolo di Pellegrini. Il capitano della Roma e numero 10 dell’Italia in questa rassegna continentale potrebbe arretrare il proprio raggio d’azione, affiancando Jorginho, in caso di recupero del centrocampista dell’Inter. Nello scenario opposto sarebbe invece proprio lui a disporsi alle spalle della punta, con l’inserimento di Cristante in mediana. Al momento questa seconda ipotesi è la più probabile.

Pellegrini-Italia Italia-Albania: la probabile formazione di Spalletti e le novità sugli infortunati

Completando il quadro definitivo, poi, le certezze saranno Chiesa e Scamacca. Il primo si disporrà altrettanto sulla trequarti, nella parte sinistra, affiancando dunque uno tra Pellegrini (al momento favorito) e Frattesi. Il secondo sarà invece ovviamente il centravanti, il terminale offensivo al quale spetterà il compito di capitalizzare le occasioni. La grande speranza è che lo stato di forma d’applausi registrato tra le fila dell’Atalanta possa adesso riflettersi anche con indosso la prestigiosa maglia dell’Italia, con la quale dovrà confermarsi come numero 9 anche a livello internazionale. Dalla panchina saranno poi pronti a dar manforte altri elementi interessanti quali Raspadori, Zaccagni e Retegui.

Italia-Albania | Le scelte di Spalletti: la probabile formazione

ITALIA (3-4-2-1): Donnarumma; Darmian, Buongiorno, Bastoni; Di Lorenzo, Cristante, Jorginho, Dimarco; Pellegrini, Chiesa; Scamacca. 

Allenatore: Luciano Spalletti.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui