Italia-Bosnia, i top e flop del match per gli Azzurri

0
Italia-Bosnia, i top e flop del match per gli Azzurri

A Empoli ultimo appuntamento per l’Italia prima del debutto di sabato 15 giugno a Euro 2024 contro la Bosnia. Basta una rete di Frattesi al 38′ su cross di Chiesa per regolare gli avversari. Ancora una volta, però, il tricolore non brilla, tra errori sparsi e gioco espresso, dimostrando ancora delle lacune a pochi giorni dalla kermesse. Quali sono stati i top e flop di Italia-Bosnia tra gli Azzurri? Scopriamoli insieme.

Italia-Bosnia, i top del match

Davide Frattesi: ovviamente l’interista è il primo della lista. Si porta a casa il pallone siglando una rete di pregevole fattura. Al di là del gol, risulta il più pericoloso e insidioso negli inserimenti. Quinto centro in tredici presenze, un bottino niente male.

Gianluigi Donnarumma: almeno due interventi decisivi, sensazionale quello all’8′ in cui rimedia a un errore di Calafiori. Dà sempre grande sicurezza, se le premesse sono queste possiamo stare tranquilli, nonostante una stagione non al top.

Andrea Cambiaso: buona intraprendenza da parte del terzino della Juventus, che si propone con insistenza sull’out di destra, con buoni crossi e scorribande.

I flop del match

Jorginho: il regista non sembra essere ormai più ai livelli di Euro 2020. Ritmo lento e compassato, non accende la manovra e passa quasi inosservato.

Riccardo Calafiori: il classe 2002 rischia enormemente regalando una potenziale palla gol in disimpegno alla Bosnia, salvato poi da Donnarumma. In generale non è solido come in altre circostanze, ma comprendiamo l’emozione della prima da titolare.

Federico Dimarco: l’esterno nerazzurro fa il suo ingresso al 66′, ma con un retropassaggio da matita rossa stava per spalancare la rete del pareggio, il portiere del Paris Saint-Germain si supera ed evita il peggio. Un errore di concentrazione da evitare.

Quali sono stati secondo voi i top e flop di Italia-Bosnia?

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui