Italia: come sarà l’11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

0

La prossima estate avrà luogo in Germania il Campionato europeo di calcio 2024 e la Nazionale italiana si sta preparando al meglio in vista della competizione che le porrà di fronte, nel corso della fase a gironi, Albania, Spagna e Croazia (rispettivamente il 15, il 20 e il 24 giugno). Nel corso dei 6 impegni ufficiali sinora disputati nell’ambito delle qualificazioni ad EURO 2024 e dell’amichevole recentemente vinta negli Stati Uniti contro il Venezuela (1-2), Spalletti ha schierato la sua Italia confermando di gara in gara alcune scelte nell’11 titolare e stravolgendone altre in particolari reparti. Nonostante le prove di 3-4-2-1 viste durante il test match contro la compagine sudamericana, il modulo utilizzato dal mister certaldese dovrebbe essere il 4-3-3, che l’ha portato alla conquista dello Scudetto con il Napoli. Ma quali potrebbero essere, al netto degli infortuni, i giocatori che comporranno la formazione tipo degli azzurri agli Europei?

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

EURO 2024: ecco chi potrebbe comporre l’11 titolare di Spalletti

Porta: Gigio Donnarumma, capitano e certezza

Il nº 1 della Nazionale in Germania sarà, senza alcun dubbio, Gianluigi Donnarumma. L’estremo difensore del PSG è l’attuale capitano ed è stato un punto fermo dell’Italia che con Mancini ha conquistato la vittoria ad EURO 2020. Con Spalletti, Gigio ha giocato sinora 7 partite su 7 senza mai essere sostituito. Alex Meret e Guglielmo Vicario (rispettivamente in forza al Napoli e al Tottenham) potranno contendersi dunque solo il ruolo di vice, con il primo che parte avvantaggiato sul secondo in virtù della maggior esperienza.

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

I terzini

Passiamo ora alla linea difensiva a 4. A destra agirà quasi sicuramente uno dei fedelissimi di Luciano Spalletti, reso capitano del Napoli dal mister toscano: Giovanni Di Lorenzo. Le ottime prestazioni stagionali di Darmian e Cambiaso con Inter e Juventus non dovrebbero infatti scalfire la titolarità dell’esterno ex Empoli, che da quando il tecnico siede sulla panchina della Nazionale ha giocato per intero ben 5 partite su 7. La prima alternativa sull’out di destra sarà probabilmente l’esperto esterno nerazzurro, che ha giocato 2 partite nel corso delle qualificazioni europee segnando 1 rete nella vittoria per 5-2 contro la Macedonia del Nord. Leggermente meno delineata è invece la situazione a sinistra. Federico Dimarco, autore di un’ottima stagione in Serie A con l’Inter, è il candidato principale per giocare nell’11 titolare di Spalletti ad EURO 2024, ma l’impressione è che l’esterno milanese potrebbe essere alternato (più a partita in corso che dal 1′) con Destiny Udogie, calciatore passato la scorsa estate dall’Udinese al Tottenham. Parte decisamente più indietro nelle gerarchie Biraghi, che in questo finale di stagione proverà a strappare la convocazione per gli Europei.

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

Italia: quale sarà la coppia difensiva centrale a EURO 2024?

Capitolo centrali: qui le scelte del c.t. sono tutt’altro che definitive. Le 6 reti subite in 7 partite devono aver fatto spesso cambiare idea a Spalletti, che sinora non ha mai confermato una coppia di gara in gara. Solamente due volte (nel pareggio per 1-1 con la Macedonia del Nord e nella vittoria per 4-0 su Malta), il tecnico ha schierato la stessa coppia dal 1′: Gianluca Mancini e Alessandro Bastoni. Tuttavia, il primo sembra aver perso attualmente dei posti nelle gerarchie. Nelle ultime sfide, Acerbi aveva giocato spesso per 90′, ma il presunto episodio di razzismo nei confronti di Juan Jesus mette in bilico la sua (forse ultima) partecipazione ad un torneo ufficiale con l’Italia. Recentemente, Spalletti ha provato con continuità anche il centrale del Torino Alessandro Buongiorno, il quale però ha fornito prestazioni piuttosto altalenanti. Scalvini dell’Atalanta sembra poter essere solo alternativo (e non complementare) a Bastoni e Gatti ha giocato (per 90′) solo nella vittoria 5-2 contro la Macedonia del Nord.

L’11 titolare di Spalletti ad EURO 2024: il centrocampo

I dubbi sul mediano

Resta attualmente un mistero anche chi sarà il titolare in cabina di regia: in tale ruolo il mister di Certaldo ha provato Cristante (5 presenze di cui 2 da titolare), Locatelli (che ha giocato 3 gare dal 1′) e Jorginho (titolare in 2 partite delle 3 disputate). Ha fatto parecchio rumore la scelta di Spalletti di escludere il centrocampista giallorosso dai convocati per le gare contro Venezuela ed Ecuador, forse legata alle nuove richieste che gli sono state fatte da De Rossi nella Roma. Il mister, da poco sulla panchina dei capitolini, l’ha riportato infatti nel suo antico ruolo di incursore. Al momento sembra quindi probabile che il ruolo di mediano nell’11 titolare di Spalletti ad EURO 2024 venga ricoperto da Locatelli, con l’esperienza di Jorginho che magari avrà spazio a partita in corso.

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

Le mezzali: chi insieme a Barella?

Una delle due mezzali sarà sicuramente (salvo infortuni) Niccolò Barella. Il vice capitano dell’Inter ha giocato 7 partite su 7 con Spalletti, sempre da titolare e sostituito solo nel finale nei match ufficiali. Agli occhi del tecnico toscano il centrocampista sardo è imprescindibile, tanto più dopo la squalifica di Tonali (che tornerà sui campi solo dal prossimo agosto). Al posto dell’ex Milan, nelle partite di qualificazione ad EURO 2024 Spalletti ha alternato Davide Frattesi e Giacomo Bonaventura. La mezzala nerazzurra ha disputato 6 partite (4 dal 1′ venendo sostituito solo 1 volta) e segnato ben 3 gol, mentre il centrocampista della Fiorentina, che sta vivendo quest’anno una vera e propria seconda giovinezza, ha giocato 3 gare da titolare contro Malta, Macedonia del Nord e Venezuela, siglando 1 rete nel match con gli isolani. Al momento, Frattesi è davanti a Bonaventura nelle gerarchie, ma qualcosa potrebbe ancora cambiare da qui a giugno. Dalla panchina potrebbe subentrare spesso Lorenzo Pellegrini, che però è stato poco impiegato da Spalletti per i numerosi problemi fisici accusati e per le doti spiccatamente offensive. Più indietro sembrano invece Pessina e Folorunsho (1 convocazione a testa senza finora essere scesi in campo), che sono delle alternative nel ruolo insieme a Cristante.

EURO 2024: ecco chi potrebbe comporre l’attacco nell’11 titolare di Spalletti

Gli esterni

Il reparto in cui attualmente la situazione risulta più magmatica e, di conseguenza, meno prevedibile è senza ombra di dubbio l’attacco, sia per quanto riguarda gli esterni che la punta. Prima della rottura del tendine d’Achille della gamba destra, Berardi si era preso il posto da ala titolare a destra, ma l’infortunio gli impedirà di prendere parte agli Europei. Il suo sostituto ideale per caratteristiche tecniche sarebbe uno fra Politano, Zaniolo e Orsolini. L’esterno del Napoli, allenato proprio da Spalletti l’anno scorso, sembrerebbe il favorito per esperienza e per la buona stagione sinora disputata, ma il tecnico di Certaldo ha fatto spesso altre scelte, garantendogli ben poco spazio (solo 2 presenze di cui 1 da titolare fin qui). Ad ogni modo, nemmeno Zaniolo e Orsolini sembrano aver convinto del tutto l’allenatore toscano, che si è servito di loro rispettivamente in 5 (ma solo 2 da titolare) e 3 occasioni (sempre da subentrante). È anche possibile che su quel lato possano essere adattati calciatori solitamente impiegati in altri ruoli.

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

Un po’ più chiaro è il quadro a sinistra, dove a giocarsi il posto sono Federico Chiesa e Mattia Zaccagni, con El Shaarawy costretto ad inseguire. L’attaccante della Juventus, quando disponibile, è sempre stato impiegato (3 su 3 da titolare, con 2 gol all’attivo), ma anche l’ala della Lazio ha saputo ritagliarsi il suo spazio pur in una stagione travagliata come questa (ha giocato infatti 3 gare, di cui 2 dal 1′, segnando 1 rete). Gnonto, che era stato lanciato da Mancini e inizialmente aveva ricevuto minutaggio anche da Spalletti, è per ora rientrato nell’orbita della Nazionale Under 21, mentre Kean potrebbe essere convocato per l’Europeo, ma probabilmente sarà solo un’alternativa ai titolari.

L’11 di Spalletti ad EURO 2024: chi sarà il nº 9 titolare?

Ma arriviamo all’interrogativo che più di tutti tiene sulle spine gli italiani: chi sarà il nº 9 titolare della Nazionale in Germania? Il più utilizzato in quel ruolo dall’arrivo di Spalletti è Giacomo Raspadori: nonostante le sue caratteristiche da centravanti atipico, infatti, il c.t. l’ha schierato dal 1′ in 4 partite, e nelle restanti è sempre subentrato. L’attaccante del Napoli ha realizzato 1 gol e 1 assist in questo lasso di tempo. Se invece il tecnico certaldese intendesse servirsi di una prima punta più tradizionale, i candidati sarebbero Scamacca (4 presenze di cui 1 sola da titolare, con 1 gol) e Retegui (la punta del Genoa ha siglato 2 gol in 2 presenze, di cui 1 dal 1′). Ai margini del progetto è finito Immobile, che dopo la partita giocata da capitano con la Macedonia del Nord (in cui ha anche messo a segno 1 rete), non è più stato convocato in Nazionale.

Italia: come sarà l'11 titolare di Spalletti a EURO 2024?

In conclusione, è questo il probabile 11 titolare dell’Italia di Spalletti ad EURO 2024: G. Donnarumma; Di Lorenzo, Acerbi, A. Bastoni, Dimarco; Frattesi, Locatelli, Barella; Zaniolo, Raspadori, F. Chiesa.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui