Italia-Spagna, Mancini: «Bonucci doveva fare attenzione»

0
Italia-Spagna, Mancini: «Bonucci doveva fare attenzione»

Dopo una striscia di 37 gare senza sconfitte, l’Italia di Roberto Mancini capitola di fronte alla Spagna di Luis Enrique. Le Furie Rosse hanno vendicato l’eliminazione da Euro 2020 (proprio ad opera degli azzurri) vincendo per 2-1 a San Siro. A spianare il terreno per il trionfo iberico sono stati decisivi alcuni errori difensivi dell’Italia e l’ingenua espulsione di Bonucci al 42′ del primo tempo. Domenica gli azzurri affronteranno la perdente di Belgio-Francia nella finale per il 3º posto della Uefa Nations League. Ecco le parole di Mancini in merito ad Italia-Spagna e in particolare all’episodio di Bonucci.

Mancini su Italia-Spagna: «Bonucci? Non doveva essere ammonito per proteste»

Al termine della gara, il tecnico jesino ha espresso subito il proprio rammarico per una sconfitta maturata dopo una prestazione a suo modo di vedere non del tutto negativa: «Le partite sono così. A volte certi episodi le condizionano. Il primo tempo sarebbe potuto finire tranquillamente 1-1. Loro giocano benissimo tecnicamente, però è un dispiacere così. Avremmo dovuto rimanere in undici, abbiamo fatto un errore che a questi livelli non dovevamo fare. L’espulsione di Bonucci? Non l’ho vista, ma questo non cambia niente. Leo doveva fare attenzione prima quando è stato ammonito per proteste. È stata una bella prestazione per i ragazzi rispetto a quello che hanno fatto».

Interrogato riguardo alla scelta di sostituire tutto il centrocampo a gara in corso, Mancini ha spiegato che è stata fatta per dare nuove energie alla squadra: «Abbiamo sostituito tutto il centrocampo perché avevamo bisogno di giocatori un po’ più freschi. Nel momento che abbiamo fatto i cambi, la freschezza ci ha aiutato». Infine è intervenuto in merito ai fischi rivolti a Donnarumma durante la gara e ai numerosi giovani schierati da Luis Enrique: «Mi è dispiaciuto per i fischi a Donnarumma. È giusto che la Spagna abbia fatto giocare tanti giocatori giovani. Anche noi avremo potuto giocare con qualche giovane in più ma poi ci sono situazioni che vanno rispettate. La partita di oggi, nonostante questa sconfitta, ci ha dato grande forza».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui